I Am Alive per PC

Recensiamo la versione PC di I Am Alive

Di I Am Alive, survival atipico edito da Ubisoft, abbiamo già avuto l’occasione di parlare in occasione della sua uscita su Xbox Live e Playstation Network.

Il protagonista di questo gioco è un sopravvissuto. Un uomo che ha attraversato l’inferno di un mondo allo sfascio per cercare la famiglia. Il nostro pianeta è stato colpito da un’imprecisata catastrofe e si è trasformato in un polveroso deserto che flagella l’umanità con tempeste di polvere, caldo e condizioni estreme. Dal momento che solo i più forti sopravvivono, coloro che sono ancora vivi si sono adattati a sopravvivere ad ogni costo, facendo affiorare il lato più meschino e mostruoso dell’animo umano. Ma tutto questo al nostro eroe non in interessa, lui vuole solo poter riabbracciare moglie e figlia. Separato dai suoi affetti da qualche ora di volo all’andata, ha camminato durante un anno per buona parte degli Stati Uniti per il ritorno.

Torniamo ad interessarcene dal momento che è disponibile finalmente anche su PC, con alcune migliorie davvero necessarie. Vi invitiamo a seguire la recensione originale e a leggere l’addendum per la versione PC (insomma… questa è una recensione ibrida!)

[display_podcast]

La versione PC, come detto, apporta alcune correzioni davvero necessarie.

Per prima cosa la difficoltà è stata abbassata, permettendovi di ritentare quante volte volete nel caso di una caduta o di un rovinoso game over. Nella recensione originale avevamo evidenziato questa componente come uno dei difetti più gravi di I Am Alive, difetto che non faceva altro che aumentare la frustrazione del giocatore in un titolo che è più difficile di quanto siamo abituati. Per alcuni è un punto a favore, per altri no. Ma noi siamo dell’idea che il giocatore dovrebbe poter scegliere, cosa che adesso è possibile fare!

Seconda feature interessante è la possibilità di fare un replay dei livelli alla ricerca di segreti e oggetti nascosti che ci sono sfuggiti la prima volta. Spesso e volentieri, grazie all’atmosfera ricca di suspence di questo titolo, ci ritroveremo ad avanzare il più velocemente possibile per scoprire cosa succede nella trama, dimenticando però la buona vecchia esplorazione. Grazie ai replay si possono rivisitare le sezioni di gioco alla ricerca di interessanti bonus.

Questa versione PC è giocabile con un misto di tastiera e mouse e col joypad. Riguardo a questa seconda possibilità però abbiamo molto da ridire. Usando un pad standard di Xbox 360 collegato al PC abbiamo notato che la mappatura dei tasti è totalmente sbagliata. Lo stick destro (che dovrebbe controllare la telecamera) non funziona, il tasto corri è mappato sul tasto start e moltissimi altri nonsensi. Putroppo non c’è nulla da fare per correggere questo problema (abbiamo provato anche con emulatori esterni per il nostro pad). Speriamo davvero in una patch (e per la prossima volta, in un bug test un po’ più approfondito!).

Graficamente il titolo è in gran forma, con un apprezzabile miglioramento rispetto alla versione per console. Il doppiaggio è rimasto in inglese coi sottotitoli in italiano.

Visto le aggiunte e le migliorie (e tenuto conto del ridicolo bug del pad) abbiamo deciso di dare alla versione PC di I Am Alive un 5.0, migliorando dal 4.75 della versione console!

 

Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Twitter: @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.