The Elder Scroll Online: Imperial City DLC

TesoImp-Header

Si torna a parlare di The Elder Scrolls Online, TESO per gli amici, che dopo la sua pubblicazione luglio di quest’anno, lancia una nuova sfida a tutti gli appassionati di questo splendido MMORPG tramite la prima espansione. Come ben ricorderete avevamo promosso a ottimi voti Tamiriel Unlimited, la versione originale uscita in precedenza su PC e poi portata uito su console – senza abbonamento mensile – intrappolando nel suo mondo numerosissimi giocatori. Il tutto a firma Bethesda e Zenimax.

Annunciato a metà agosto, il primo DLC Imperial City, prometteva nuove e interessanti novità al suo interno, tra cui quelle di “regalare” nuove aree esplorabili, oggetti, nemici e diverse ore di gameplay. Da notre soprattutto il nuovo spazio PvP/PvE. Andiamo però con ordine e analizziamo al meglio quello che ci siamo ritrovati in questa espansione e l’annessa patch 1.0.7 (PS4).

Storia:

La città Imperiale è stata la sede del potere di Tamiriel, premio ambito delle varie alleanze, fino a quando le forze del principe Daedrico Molag Bal ne presero il controllo durante l’anno 2E 582 invadendola in massa. Tramite delle ancore oscure, il principe voleva trascinare Nirn fuori da Mundus, nel reame di Coldharbour, ma le Otto Divinità riuscirono ad impedirlo grazie alle forze di Meridia. La Legione Imperiale chiede quindi rinforzi per riconquistare la città, ma anche le tre alleanze sono alla ricerca della conquista del potere, come parte della loro lunga e sanguinosa guerra.

La DLC della Città Imperiale è incentrata sulla conclusione della storia delle Planemeld (l’invasione daedrica) e l’estremo tentativo di Molag Bal per completare i suoi piani oscuri nella fusione dei due mondi.

The Imperial City

Le novità al suo interno:

Dicevamo del Mix PvE e PVP: esso ci permette di combattere contro le forze di Molag Bal e allo stesso tempo contro le altre alleanze, includendo anche i sei distretti. Il PVP pubblico lo si trova nelle fogne imperiali, mentre i nuovi dungeon PvE a 4 giocatori si trovano nelle prigioni imperiali e nella torre bianco-oro (con rispettiva difficolta per i giocatori di rango normale e veterano).
È inoltre stato introdotto un nuovo sistema “monetario”: Tel Var Stone, con il quale si potranno acquistare, solo all’interno della città, oggetti e armature uniche. Sono a disposizione anche nuovi rank Veteran, collezionabili e il motivo della razza Xivkyn (vi sfido a dirlo 10 volte di seguito senza sbagliare).

Soffermiamoci un attimo sul sistema Tel Var Stone. Questo pietre preziose, utilizzabili solo all’interno della città Imperiale, serviranno ad acquistare oggetti unici come armi, scudi, caschi, cinture, ecc. Per ottenere le pietre bisognerà uccidere i nemici e completare le missioni all’interno della città. La particolarità è che più si portano pietre con sé, maggiore sarà il guadagno tramite un sistema tipo interesse bancario: maggiore il tempo di possesso delle pietre, maggiori i guadagni. Sembrerebbe tutto bello fino a questo punto, ma c’è un ma. Infatti all’interno delle aree pubbliche PVP, come le fogne, noi stessi diventeremo dei bersagli. Se qualcuno ci uccide perderemo tutte le Tel Var Stones che andranno a finire nel borsello dell’assassino (viceversa saremmo noi a appropiarci delle sue). Questo comporta una vera e propria guerra all’interno delle aree PVP, dove il povero giocatore singolo si troverà in estrema difficoltà a oltrepassarle (specialmente ad un livello basso). Senza contare che i “mob” sono molto aggressivi, anche se teoricamente dal livello 10 potrete varcare direttamente le porte della Città senza più dover avventurarvi nelle fogne.

Attacchi combinati, strategie come la formazione del gruppo (healer, tank, …) fanno rispolverare una parte del gameplay che in Tamiriel Unlimited si era un po’ persa, grazie soprattutto al PVP che la fa da padrone, donando una scarica di adrenalina. Mentre starete combattendo contro i boss dovrete sempre fare attenzione alle vostre spalle. Le fazioni nemiche potrebbero (e lo fanno, o se lo fanno) scegliere come obiettivo principale la tua uccisione rispetto a quella di un NPC.

Grafica:

La città Imperiale è caratterizzata da una paletta cromatica molto desaturata, che a primo impatto sembrerebbe non coincidere con tutte le altre mappe del gioco. Ad una più attenta osservazione ci si accorge come invece rispecchi la desolazione, la distruzione e la malvagità di Molag Bal durante la guerra. L’ambiente tetro e in perfetta armonia con la difficolta del posto, nonché nelle morti in cui incapperete.

Ambiente dark che si rispetti

Patch 1.07 (versione PS4):

Oltre alla DLC, è arrivato anche un aggiornamento importante e gratuito (e quindi obbligatorio) per tutti i possessori del gioco. Oltre i soliti “bug-fix” le novità principali sono le seguenti:

– Diversi aggiornamenti importanti in Cyrodiil
– Nuove ricette, materiali e Tiers
– Nuovi livelli di aggiornamento dell’inventario
– 15% di XP in meno per ottenere il Veteran Rank
– 100% in più di XP in tutti i dugeons pubblici
– 50% in più di XP per tutte le missioni del rango veterano
– 20% in più di XP in Craglorn
– Massimo Veteran Rank portato a 16
– Miglioramenti passivi razziali
– Nuovo stile di motivo razziale a natura riflettente
– Miglioramenti sugli esistenti “set” di oggetti
– Nuove abilità passive di “crafting”
– Cambiamenti sul bilanciamento dei combattimenti e del gameplay
– Miglioramento sulle ricompense alla fine della campagna Alliance War

Se volete approfondire cosa è stato cambiato, aggiunto e tolto con la patch, dai seguenti link potete consultare il patchnote ufficiale sia della DLC che del gioco base. (http://www.elderscrollsonline.com/en-us/news/post/2015/09/16/patch-notes-v107-playstationr4)

Bella l'armatura!

Conclusione:

La prima DLC di The Elder Scroll Online: Tamiriel Unlimited è un ottimo pacchetto, che porta importanti aggiunte al gioco. Queste segneranno però la vostra esperienza di gioco solo nel caso siate dei giocatori veramente attivi. Se in alternativa siete dei giocatori della “domenica” e il vostro personaggio è di basso livello, questa DLC non fa per voi.
Infine un punto negativo: il passaggio obbligatorio all’acquisto di pacchetti crow dal PlayStation Store, per poi successivamente acquistare in-game la DLC.

Nonostante questa pecca la valutazione finale della DLC (patch inclusa) è ottima: finalmente un MMORPG notevole su console!

Neme

Scritto da : Neme

Diplomato in Digital Graphic Computer Animation, sviluppatore web e grafico pubblicitario con una passione nello sviluppo di videogiochi. Nato negli anni d'oro dell'intrattenimento videoludico, ha incominciato la sua passione da ragazzino con i Game&Watch e il MegaDrive per poi passare a tutte le piattaforme.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.

Joypad è membro di