Anteprima Mario + Rabbids: Sparks of Hope

Anche se le prime indiscrezioni circolavano da mesi, il crossover Mario + Rabbids: Kingdom Battle è stata una delle grandi sorprese dell’E3 2017. Il sequel ufficiale uscirà in esclusiva per Switch questo ottobre. Abbiamo potuto dare una prima occhiata al sequel.

Con i crossover, si potrebbe pensare, ci deve essere una base comune per gli universi che vengono collegati, indipendentemente dal fatto che sia ovvia o deliberatamente creata. Qualche anno fa, Ubisoft Milano è riuscita a unire due mondi che non hanno nulla a che fare l’uno con l’altro, e non solo a prima vista. Dopotutto, cosa potrebbe mai collegare gli stupidi conigli chiamati Rabbids, apparsi per la prima volta nella serie Rayman, e la mascotte di Nintendo, Mario e il suo entourage? Il motivo per cui questa combinazione, che include le varianti Rabbid di Mario, Peach e co. ha funzionato così bene, è in definitiva facile da spiegare: in “Mario + Rabbids: Kingdom Battle” (recensione), l’umorismo stravagante in combinazione con il fascino degli eroi Nintendo è grandioso. D’altra parte, “Kingdom Battle” era ed è semplicemente un’ottima avventura round-robin che fa centro in termini di gameplay, audiovisivi e atmosfera. Ora il successore “Mario + Rabbids: Sparks of Hope” è ai blocchi di partenza e ha buone possibilità di diventare un vero successo per Switch.

Rabbid e Scintille di speranza

Quando il mondo è minacciato dalla rovina, il nemico del mio nemico può talvolta diventare mio amico. Non è diverso nella seconda parte di Mario + Rabbids. Infatti, per impedire la distruzione dell’universo da parte della misteriosa forza oscura Cursa, l’idraulico baffuto di Nintendo dovrà collaborare persino con il suo arcinemico Bowser. Il direttore creativo Davide Soliani sottolinea, tuttavia, che questa alleanza è fragile. Quindi c’è una buona probabilità che il mostro corazzato si rivolti contro di voi a un certo punto dell’avventura.

Fino a quando (forse) non accadrà, dovrete liberare insieme le Scintille, che, come molte altre cose, rappresentano una fusione tra i mondi dei Rabbids e di Mario. In questo caso, si tratta di un misto tra i Lumas conosciuti in “Super Mario Galaxy” e i conigli svalvolati. Ma naturalmente ci sono anche miscele di questo tipo tra i nove combattenti, come Rabbid Peach, conosciuta nel primo gioco, il cui comportamento ricorda non a caso quello di alcuni influencer, e nuovi personaggi come Rosalina Rabbid o il personaggio altrettanto femminile Edge. Quest’ultimo scende in battaglia con una spada che ricorda quella di Final Fantasy, ma può anche lanciarla come un boomerang.

Più libertà nel mondo

La struttura di base del mondo ricorda ancora una volta i giochi di Mario. C’è una sorta di mondo superiore attraverso il quale si controlla la propria squadra di tre persone in tempo reale e nel frattempo si completano le battaglie tattiche a turni in arene di battaglia separate. Le singole aree, o diciamo pure mondi, sono direttamente collegate tra loro e presumibilmente possono essere raggiunte solo in ordine lineare. Tuttavia, le aree sembrano complessivamente più spaziose rispetto al predecessore, in modo da potersi muovere più liberamente in una sezione di spiaggia con relitti di navi ecc. per scoprire segreti o accettare missioni secondarie dagli NPC. Si notano numerosi riferimenti diretti ad altri giochi di Mario. Per esempio, nella già citata sezione della spiaggia si possono scoprire elementi che assomigliano quasi esattamente a una delle isole dell’espansione 3D di Super Mario 3D World: Bowser’s Fury. Crediamo di aver già visto un faro in forma quasi identica in Super Mario Odyssey. Naturalmente, in queste aree non vi aspettano solo combattimenti, ma anche compiti rompicapo. Piccoli enigmi di commutazione, di spostamento, ecc. per ottenere monete extra per migliorare il personaggio e altre cose. A questo proposito, i creatori promettono che ci saranno di nuovo alcuni enigmi davvero difficili, ma in caso di dubbio soprattutto nell’area opzionale.

Più opzioni tattiche, più profondità

Le battaglie in Sparks of Hope rimangono quelle classiche a turni, ma con una dinamica relativamente elevata. Come prima, c’è la possibilità, ad esempio, di scivolare contro l’avversario quando si avanza verso una posizione migliore, causando così danni senza perdere l’azione in mischia o a distanza. Per avanzare di più caselle rispetto a quelle che il personaggio in questione può muovere normalmente, potete usare i vostri alleati, come avete fatto in passato, per farvi lanciare un po’ più lontano. Ognuno dei nove personaggi selezionabili, di cui si gioca sempre con un massimo di tre, ha le proprie statistiche, armi individuali e un’abilità speciale unica. Spesso questi ultimi sono effetti passivi che garantiscono agli alleati una protezione speciale o permettono loro di attraversare qualche casella in più nel turno successivo. Inoltre, le scintille speciali sembrano abilitare le specialità, come la pioggia di meteoriti infuocate. Tuttavia, tali speciali possono essere possibili solo nelle battaglie contro i boss. Divertente anche il ritorno di Bip-0, un piccolo robot aiutante, che ora può essere utilizzato in combattimento – almeno sotto forma di una sorta di elicottero che sorvola il campo di battaglia dei nostri eroi. Sembranon essere anche aumentate le interazioni con ambiente ed elementi interattivi. Ad esempio, sul campo di battaglia sembrano esserci delle bombe che si possono far esplodere e lanciare in direzione degli avversari. Potrebbero essere utilizzati anche dagli avversari, se non si arriva per primi.

Anche le opzioni tattiche, o meglio la varietà di armi, sono ora di più. Esistono armi che causano danni ad area particolarmente ingenti, ma il loro utilizzo è davvero utile solo se vengono colpiti più nemici. Altre armi consentono due colpi per turno, che sottraggono meno punti ferita, ma in determinate circostanze permettono di finire due avversari già indeboliti in una volta sola, in modo che non possano più fare danni durante il turno del nemico. Tutte queste sono tipiche finezze tattiche che esistevano già in modo simile nel predecessore e, in più, includono l’importanza dei dislivelli. I tiri da una posizione più alta sono più forti e anche la distanza o la copertura giocano un ruolo importante. Luigi, ad esempio, che è il cecchino della squadra, è piuttosto speciale. Può non sembrare logico, ma il fratello di Mario causa più danni quanto più lontano è il nemico. Quindi, in caso di dubbio, trincerarsi con lui ai margini e dirigere l’attenzione dei nemici verso gli altri due membri della squadra è il modo migliore per sfruttare i punti di forza di Luigi.

Arene più ampie

Probabilmente a causa della capacità del fucile da cecchino di Luigi di infliggere più danni a lunga distanza che a distanza ravvicinata, le arene tendono a essere significativamente più grandi rispetto al primo gioco. Ci auguriamo, tuttavia, che questo sia dovuto principalmente all’ampliamento delle opzioni e alla più abbondante selezione di personaggi e non sia espressione del tentativo di rendere le battaglie più lunghe. Perché in termini di tempo richiesto per ogni battaglia, abbiamo trovato Kingdom Battle almeno in gran parte ben calibrato. Ma questa è una delle tante domande a cui non possiamo ancora rispondere in modo definitivo. Una presentazione informativa, piuttosto breve, non può sostituire un’esperienza personale del gioco. Speriamo vivamente che ciò avvenga nelle prossime settimane e che quindi potremo dirvi di più sulle armi, sulle innovazioni nel campo dello sviluppo dei personaggi, ecc.

Cosa ci aspettiamo

Senza poter giocare personalmente, è difficile prevedere l’esito della partita. Per quanto il predecessore fosse (sorprendentemente) buono e, a posteriori, forse avrebbe anche meritato più fama e riconoscimento, non è ancora possibile concludere dalle scene di gioco mostrate finora se Sparks of Hope abbia davvero migliorato la ricetta originale o se, nonostante alcune innovazioni, offra sempre lo stesso gameplay. D’altra parte, in questo caso, more of the same significa anche un more of the good stuff, perché la miscela di presentazione umoristica e tattiche di gioco esigenti e versatili ha già funzionato in modo eccellente nella prima parte. Inoltre, visto l’entusiasmo del direttore creativo Davide Soliani, che aveva già ricoperto lo stesso ruolo nel predecessore, non resta che essere ottimisti sul fatto che il sequel sarà almeno altrettanto buono e forse anche migliore.

Articolo originale di games.ch, pubblicato previa autorizzazione

Scritto da : games.ch

Questo profilo ripubblica contenuti da games.ch tradotti in italiano

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.

SGN Logo

Altri membri di SCN:
games.ch
the(G)net.ch