Splatoon 2

Scritto da il il Recensioni, 1 più

Splatoon 2: Octo Expansion

Spesso uno sparatutto incentrato prevalentemente sul multi giocatore raramente offre una campagna singolo giocatore particolarmente corposa e appagante. Detto ciò, anche Splatoon risulta in parte “carente” nella modalità singolo giocatore, offrendo solo 32 missioni base che fungono più da “tutorial” per la modalità multi giocatore, la quale risulta più profonda ed elaborata. Dopo la campagna principale, se l’utente non si cimenta nella predetta modalità multi giocatore, quest’ultimo perderà totalmente interesse in questo titolo. Questo è un po’ il destino di tutti gli shooter online, a meno che non ci si affida a un gruppo di amici che si danno appuntamento regolarmente, raramente un giocatore che opta a un’esperienza solitaria trova soddisfazione negli shooter suddetti. Chi acquista Splatoon deve quindi conoscere preliminarmente che si tratta di un gioco prettamente online…o almeno, questa era la tendenza fino all’arrivo del DLC Octo Expansion, che offre una corposa campagna singolo giocatore andando contro corrente alla modalità online di Splatoon.

Il contenuto aggiuntivo è una corposa espansione avente per oggetto una nuova campagna singolo giocatore caratterizzata da un cospicuo numero di stage, oltre una 80ina (più del doppio delle 32 missioni disponibili nella storia principale), nei quali il giocatore veste nei panni di un Octoling: storica razza nemica dei calamari. La predetta campagna catapulta il giocatore nelle profondità del di Splatoon,  non solo metaforicamente ma anche letteralmente, raffinando la storie e quelle piccolezze della vicenda introdotte con Splatoon e Splatoon 2 ed esplorando il sottosuolo metropolitano. Agente 8, questo il nome del nostro alter ego Octoling, è chiamato ad affrontare numerosi rompicapi al fine di scappare dai meandri della metropolitana del sottosuolo suddetto. Infatti quest’ultima costituisce una sorta di trappola in cui è stato altresì imprigionato lo storico capitan Seppia, guida apparsa nel primo capitolo di Splatoon su Nintendo Wii U. Agente Numero 8 e Capitan Seppia esploreranno la metropolitana sotterranea mediante un classico tram – nel quale sarà popolato da misteriose e buffe creature –  alla ricerca di alcune indeterminate reliquie, definite, semplicemente, “cose”. Il tram servirà per spostarsi fra un livello e l’altro, quest’ultimi, infatti, sono nientemeno che delle tipiche stazioni metropolitane. Ogni stazione rappresenta una differente missione e, per accedervi, è necessario pagare un biglietto (cetriopunti, accumulabili completando gli stage, oppure riaffrotando gli stessi con altre tipologie di armi). Giunti al suo completamento della campagna del DLC, oltre a rappresentare una storia totalmente a sé stante dalla campagna del gioco base,sarà possibile sbloccare il personaggio Octoling da sfruttare nelle mischie mollusche e nelle altre sfide online.

Le oltre 80 missioni nell’espansione offrono una varietà ben diversificata che richiedono, per il completamento, dalle 8 alle 10 ore di tempo, se non oltre per i meno esperti. Le missioni spaziano dal semplice tiro al bersaglio, da sconfiggere orde di nemici a puzzle acrobatici a dir poco geniali, da completare un livello con scarso livello d’inchiostro a difendere postazioni, e via dicendo. Una varietà considerevole, considerando il fatto che si tratta di una sola espansione. Quest’ultima, infatti, è un contenuto aggiuntivo atto a far riemergere quella voglia di cimentarsi nella modalità campagna in singolo, lasciando da parte la modalità online, fulcro principale di codesto titolo, dando una seconda vita a Splatoon 2. E ci riesce pure bene, come già preannunciato poc’anzi, la varietà delle missioni e la cura del level design è di buona fattura, per completare tutte le missioni, inoltre, richiede un cospicuo numero di ore. Effettivamente, c’era già una certa garanzia sulla qualità del level design, considerando il fatto che, nell’ivi espansione, c’è lo zampino di parte del team dei DLC di The Legend of Zelda: Breath of the Wild e Monolith Soft. Il livello di sfida e di difficoltà sono stato decisamente alzati se rapportati alla modalità campagna base di Splatoon 2, scremato di qualsivoglia tutorial per ovvie ragioni. Il giocatore sarà chiamato ad apprendere meglio il gameplay di Splatoon migliorando, di conseguenza, anche nella modalità online. Nintendo si è sicuramente impegnata nell’offrire un livello di sfida appagante, ma ciò si traduce in un target più vicino al giocatore esperto a discapito del giocatore più occasionale (seppur non mancano aiuti esterni, se richiesti). Detto ciò, Octo Expansion metterà a dura prova la pazienza del giocatore, obbligandolo a ripetere le missioni più e più volte.

Splatoon 2: Octo Expansion è un DLC più che valido. Con soli 20.– CHF si ottiene una campagna singolo giocatore variegata, impegnativa, corposa e caratterizzata da un buon level design che soddisfa i giocatori più esigenti. Meno accessibile per coloro che giocano più saltuariamente, ciò non toglie che la casa di Kyoto ha messo a disposizione alcuni mezzi che permettono di progredire nella storia della campagna di Octo Expansion evitando di lanciare la console dalla finestra. Ad ogni modo, il risultato finale e complessivo di Splatoon 2: Octo Expasion si concretizza in un contenuto aggiuntivo che, per chi è già possessore del gioco base, consigliamo altamente all’acquisto.

Ci piace

  • una campagna singolo giocatore appagante
  • level design di buon livello
  • livello di sfida notevolmente incrementato...

Non ci piace

  • ...ma rende il DLC poco accessibile ai neofiti
  • l'octoling risulta poco personalizzabile
5
Ardral

Scritto da : Ardral

Studente, sportivo (nuotatore e crossfitter), redattore, tra le varie attività e passioni quella dei videogiochi rimane una delle principali. Amante delle proprietà intellettuali targate Nintendo e PC Gamer tramite un leggerissimo RoG da 5 kg, il Pusti è uno degli storici redattori in quel di Joypad.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.