Yooka-Laylee and the Impossibile Lair provato all’E3 2019

Durante l’E3 di Los Angeles, siamo stati invitati dal Team17 per provare con mano in anteprima il nuovo titolo della software house Playtonic, Yooka-Laylee and the Impossibile Lair.


Vestiremo i panni di due protagonisti, un camaleonte insieme ad un pipistrello si aiuteranno a vicenda in questa nuova avventura ricca di colori, questo è il secondo capitolo sviluppato dalla software house. Il gioco è un platform vecchio stile con grafica 3D e 2.5D, ha elementi di esplorazione e puzzle game che renderanno ancora più ricco il gioco. La seconda creazione del team non è una continuazione del primo, ma si prefigge di prendere tutti quei elementi positivi creati in precedenza per riproporli in un nuovo ed emozionante capitolo della saga. Il nemico principale, Capital B sarà pronto in ogni momento a metterci i bastoni tra le ruote, pertanto i nostril piccolo eroi dovranno continuamente correre tra un livello e l’altro per poter ritrovare l’armonia ormai persa. Il villain è tornato alla carica, ma starà a noi riuscire a fermarlo, superando gli enigma che il gioco ci presenterà. Gli ostacoli vengono definiti “the impossible lair”.

Gli sviluppatori ci hanno riferito che rispetto al capitolo precedente, avremo una maggior libertà in quanto oltre ai livelli proposti bidimensionalmente e per cui dovremo arrivare alla risoluzione del livello mediante: il salto sui nemici, il rotolamento continuo del protagonista, oppure mediante la risoluzione di piccolo rompi capi. Avremo a disposizione una mappa 3D, con vista isometrica, ciò dara un momento di transizione tra un livello e l’altro permettendoci di tirare un respire nella continuità di Yooka Laylee. Troveremo stanze segrete che ci permetterà di sbloccare degli ulteriori livelli nascosti all’interno del gioco. La peculiarità di questa aggiunta è sicuramente al non-esistenza della vita,in quanto playtonic si sono adoperati affinchè questa parte di gioco sia la più tranquilla e piacevole possible. La risoluzione di piccolo puzzle ambientali permetteranno di andare avanti all’interno della mappa tridimensionale arrivando così al successivo portale che ci catapulterà nel livello platform, andando avanti nella nostra avventura e nella ricerca del equilibrio ormai perduto.

In poche parole, è una sorta di game-in-game, durante il quale gli utenti dovranno risolvere alcuni enigmi in modo tale da aprire il cammino verso i portali che li condurranno verso i livelli dell’avventura, lasciandoci sempre la libertà di scegliere in ogni parte di mappa di The Impossible Lair questa si ramificherà in tre diversi rami, i quali potranno essere completati senza un ordine preciso: in questo modo, qualora un giocatore restasse impantanato in un preciso punto dell’esperienza, avrà l’opportunità di riprovarci in seguito, senza dover necessariamente continuamente provare il medesimo livello. Alla fluidità si aggiunge poi la “precisione”, indispensabile per completare ogni livello al 100% e con tempi da record, dal momento che Playtonic sembra aver strutturato i livelli con un occhio di riguardo per l’universo degli speed runner. Yooka-Laylee and the Impossible Lair, mantenendo una grafica ricca e colorata, gli sviluppatori cercano di togliere i lsenso di frustrazione lasciando perlopiù ai completisti più incalliti la voglia di superare se stessi e gli ostacoli più ardui. Quando verremo catapultati in uno livello, la visuale dall’alto in 3D si tramuta in una schermata a scorrimento orizzontale, che recupera tutti i canoni più classici del genere: Yooka-Laylee può aumentare il raggio e la potenza del suo rotolamento sia per eliminare in tutta sicurezza gli avversari e le scatole che troveremo durante il nostro percorso, sia per velocizzare gli spostamenti e minimizzare i tempi con cui raggiungeremo il traguardo. In totale ci saranno circa 40 animaletti da salvare, più 8 segreti da scovare, a cui si affianca il recupero delle monete ben nascoste nei livelli. Reattivo, ben calibrato e privo di grossi fronzoli ludici, il gameplay di questo nuovo Yooka-Laylee non si distanzia di un millimetro dalla tradizione di genere.

Nel nostro hands on abbiamo provato il primo livello, prendiamo pad alla mano e così partiamo, i comandi sono semplici: saltare, rotolare e prendere oggetti per poi lanciarli/spostarli saranno i passi fondamentali per l’avanzamento nei livelli. Incontriamo i primi nemici; dei batuffoletti azzurri che sono molto carini quanto pericolosi, dobbiamo quindi schivarli e/o metterli al tappeto saltando/rotolandoci sopra. La modalità di questo platform ovviamente ricorda il famossissimo gioco di casa Nintendo, Mario Bros. che è diventato una pietra miliare per i titoli ad avanzamento. Il gioco ha una certa fluidità, iniziamo all’interno di una casa per avventurarci poi all’aperto su un sentiero nella natura. Avanziamo e incontriamo i primi nemici, lo scenario in brevissimo tempo cambia, arriviamo così in una città, durante il livello ci saranno delle foglie collezionabili, le classiche saranno di colore arancione-oro che aumenteranno un contatore posizionato in alto a sinistra dello schermo, ma non sono le uniche foglie che incontreremo; quelle di colore rosso che saltandoci sopra andranno a far cadere una serie di foglie, quelle gialle che mediante una pattern di movimento lasceranno fluttuare nell’aria delle foglie. Inoltre troveremo una serie di checkpoint lungo la strada. Gli sviluppatori hanno scelto questo approccio per lasciare al giocatore una certa quiete durante il gameplay dedicando la concentrazione unicamente al livello cercando di finirlo il più velocemente e completo possibile. Incontreremo nella città altri nemici, degli esserini verdi con il jetpack sulle spalle. Yooka Layle, come detto in precedenza prende rapidamente velocità, tra un rotolamento e un salto, ci saranno dei momenti in cui dovremo rallentare per risolvere dei mini puzzle all’interno del livello. Piattaforme che si abbassano se rimaniamo troppo a lungo su di essi faranno si che il giocatore diventerà veloce anche con il salto e l’avanzamento tra un ostacolo e l’altro. Il gioco racchiude anche una serie di camere non visibili. Dobbiamo quindi, noi giocatori essere curiosi a tal punto di esplorare l’intera mappa due dimensionale.
Cinque monete collezionabili in ogni livello, ci permetteranno di completare il livello al 100%, arriviamo così fino in fondo qui il salto combinato al tasto azione, attiverà il colpo verso il basso del camaleonte distruggendo le casse che bloccano la strada verso il completamento del primo livello.

Siamo più che soddisfatti dalla demo provata, sia a livello tecnico che grafico Yooka-Laylee vanta di connotazioni più che positive. Il platform permette ai nostalgici come me, di riprovare le emozioni dei tempi passati. Attendiamo con ansia l’uscita di questo titolo, che ci permetterà di godere di un gioco simpatico, divertente e unico nel suo stile. L’uscita è prevista per il 2019, non si ha ancora una data precisa ma sicuramente gli sviluppatori non tarderanno a rilasciare maggior informazioni a breve, il titolo sarà disponibile per PC, Nintendo Switch, PS4 e XBOX .

 

Avatar

Scritto da : Nadir

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.