Visto alla Gamecom 2019: Paranoia

Big Ben ci ha accolti per scoprire Paranoia, l’ultima fatica dei francesi di Cyanide Studio. Il gioco si svolge in una città futuristica, l’Alpha Complex, in cui gli esseri umani sono controllati da un’intelligenza artificiale, che cercano di soddisfare per poter mantenere lo statuto di cittadini e non essere puniti… o addirittura inceneriti. Da questo incipit e dal sottotitolo del gioco “happiness is mandatory” potete già capire che l’avventura è infarcita di humor nero!


Paranoia è un RPG isometrico con un concetto originale: invece di proporvi un semplice sistema di XP con crescita di livello in base ai nemici che uccidete, il titolo vi permetterà di ottenere vestiti di colore diverso per poter accedere alle varie zone della città. Per farvi capire, immaginate di avere diritto a dei vestiti rossi e di entrare in una zona gialla: un allarme comincerà a suonare e potreste essere puniti con una multa in soldi per non aver rispettato le regole. Altra originalità, sarete giudicati dall’AI alla fine della missione e solo a quel momento potrete ottenere dei punti esperienza. Inoltre, sembrerebbe che il computer che controlla il vostro universo possa comportarsi in maniera non proprio corretta e giudicarvi in maniera un po’ ingiusta!

La dimostrazione è proposta da uno sviluppatore e comincia di fronte al computer che vi dà le missioni. I dialoghi sono divertenti e ricchi di quello humor nero citato in precedenza. Inoltre, vi propongono scelte che influenzeranno il proseguo dell’avventura. Accettata la missione, potrete comporre il vostro team di 4 elementi, evidentemente con caratteristiche proprie a ogni personaggio. Da notare che in caso di riuscita della missione, potrete scegliere soltanto l’evoluzione del vostro leader, mentre per gli altri personaggi tutto dipende dal loro ruolo. Ricordate Alpha Complex? Ebbene, l’intelligenza artificiale dice che si tratta dell’ultima città umana, un paradiso per giunta, e questo significa che per gran parte degli abitanti è primordiale soddisfarla, anche perché non farlo potrebbe implicare l’essere uccisi e essere rimpiazzati da un proprio clone… per cinque volte soltanto! Dato che l’intelligenza artificiale vi sorveglia e che la delazione è sovrana, se come leader sgarraste o faceste qualcosa che non rispetta il credo dei vostri sottoposti, potreste essere denunciati e, nel migliore dei casi, non essere retribuiti nonostante la riuscita di una missione… E non osiamo pensare al peggiore!
Nella prima missione, il vostro compito sarà quello di esplorare le fondamenta del complesso, perché c’è qualcosa di strano e il robot di pulizia non può far brillare i pavimenti. Inoltre, il dipartimento di ricerca vi comunica che l’Experimental Scrubot 01 – un arma??? – è rimasto da qualche parte nel sottosuolo. Una volta arrivati in loco, vi accorgete che ci sono dei nemici robotici: potrete decidere dunque come disporre i quattro elementi della vostra squadra per ingaggiare il combattimento, che si svolge in tempo reale. Cercate a ogni modo di essere attenti a come dispiegate il vostro team e provate a sfruttare la struttura dell’ambiente per trovare dei coperti.


Ogni volta che una stanza viene ripulita, il robot può dunque avanzare e pulire il pavimento. Proprio prima di finire il lavoro di disinfestazione, scoprite che una porta è bloccata. A questo punto, potrete domandare a un vostro sottoposto di sistemare il guasto… ma non c’è direttiva data dall’intelligenza artificiale! Capite il problema? Dovrete decidere come comportarvi, sapendo che potrebbero esserci delle conseguenze se il computer che controlla Alpha Complex non dovesse essere contento. Lo sviluppatore responsabile della dimostrazione decide di prendere l’iniziativa e questo gli permette anche di mostraci rapidamente il meccanismo di crafting, usato per creare un attrezzo indispensabile per l’intervento. Ci spiega inoltre che il giocatore scoprirà presto la presenza di una società segreta chiamata Fellowship e che potrà decidere se eliminarne i membri o farne parte. Purtroppo, il tempo impartito per la presentazione non permette di tornare dall’intelligenza artificiale e non sappiamo dirvi come le azioni compiute siano state giudicate dal computer!
Il gioco è davvero originale, ha una grafica molto ben fatta e l’humor nero di cui è pervaso sembra fantastico. Gli sviluppatori annunciano una cinquantina di ore di gioco e noi vi consigliamo di tenerne d’occhio l’uscita, che è prevista il 3 ottobre su PS4, Xbox One e Steam.

Mauri

Scritto da : Mauri

Si occupa di tante cose legate al mondo dei videogiochi: game dev, insegnamento di programmazione e game design, il Swiss Game Center e così via. E ogni tanto Dave lo incastra per scrivere su joypad!

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.