Razer presenta Seiren Emote, l’abbiamo visto in anteprima all’IFA

Le vie di Razer sono misteriose. È passato un bel po’ di tempo dall’IFA ma solamente ora possiamo parlarvi di una novità in campo streaming. A porte chiuse abbiamo infatti visto il nuovo Seiren Emote, il microfono con lo schermo per le emoticon. Aspetta, cosa?


Sono anni che Razer offre, nella sua lineup di prodotti, soluzioni audio dedicate agli streamer. La gamma Seiren fa gola a molti, un po’ per il design, un po’ perché perfettamente integrata nell’ecosistema della marca californiana. Seiren Emote, questo il nome del nuovo device, è stato costruito sulle basi dei vecchi modelli con un’aggiunta. Sul lato frontale del microfono, dal lato opposto rispetto all’utente, è stato integrato uno schermo 8×8 led che Razer definisce “schermo 8 bit”. Più che uno schermo noi lo definiremmo una serie di led a matrice, visto che non è possibile mostrare immagini complete (niente jpeg insomma) ma solo disegnini piuttosto semplici. L’idea di Razer è di fornire un modo agli streamer di interagire con la community in modo automatizzato, mostrando piccole animazoni e reazioni direttamente nella finestra col video della webcam durante lo stream.

Seiren Emote include quello che i californiani chiamano “Emote Engine”. Sul PC bisognerà installare la Streamer Companion App, un programma dal design molto simile a Synapse, per gestire preset e razioni. Seiren Emote può essere programmato per reagire da solo ad eventi quali nuovi sub, host, raid, donazioni e follow grazie alla sua interazione con Streamlabs, YouTube Gaming e Twitch. Al posto di mostrare overlays di varia natura (pensiamo a gif e suoni) sopra il gameplay, si vedrà un’animazione sul microfono. Potremo inizialmente scegliere tra un centinaio di emoticons predefinite, tra cui 30-40 animate, ma sarà anche possibile creare i nostri design personalizzati tramite un editor piuttosto semplificato. Volendo, si possono anche impostare azioni personalizzate in base a cosa sta succedendo nella nostra chat.

Ad esempio, un cuore pulsante se qualcuno scrive “I love you 3000”. Ovviamente è fin troppo facile per la community abusare di questa interazione e Razer ha pensato bene di fornire opzioni per il timeout, per ignorare un utente in particolare, per permettere solo a mod e subs di interagire con Seiren Emote. Ci sarà anche la possibilità di concatenare diverse animazioni, facendo reagire il device a più parole o frasi chiave. Secondo noi, nonostante i timeout e via dicendo, se non faremo attenzione finiremo per avere effetti continui e stroboscopici sul microfono. Da grandi poteri…

Parlando di grandi poteri, Seiren Emote si integrerà con tutto il resto della famiglia di prodotti Razer compatibili con Chroma. L’effetto luminoso potrà propagarsi dal microfono a tastiera, mouse, mousepad e perfino alle nuove cuffie Kraken Kitty Ears Edition, le cui orecchie si illuminano. In più, se davvero davvero ci teniamo, possiamo anche ampliare ulteriormente l’onda colorata collegando sia delle luci Philips Hue che i pannelli Nanoleaf a Synapse per un effetto garantito. Quale effetto, dipende dalla vostra resistenza all’epilessia. Per quanto ci riguarda, la troviamo una cosa epica.

Così di primo impatto Seiren Emote è sicuramente un prodotto carino, che trasuda DNA Razer da ogni poro. Bisognerà comunque dare un’occhiata da vicino alla qualità audio e alle altre features, non solo il blingbling. Speriamo di poterlo recensire quando sarà il momento. Quello che sappiamo che manca, per ora, è un controllo per la luminosità dello schermo, potenzialmente un problema per essere catturato come si deve da una webcam. Speriamo che Razer possa aggiungere al più presto un controllo di questo tipo. Sarà disponibile entro fine anno a 189.99€.

 

Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Twitter: @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.