Provato alla Gamescom 2019: MediEvil

Ci sono videogiochi che possono segnarci per la vita e che ricorderemo sempre con grande piacere… Per il sottoscritto, MediEvil rientra sicuramente nella categoria perché nel lontano 1998 ha saputo appassionarlo per via della storia e delle meccaniche intriganti, dell’universo fiabesco che un po’ ammiccava ai film di Tim Burton e di un personaggio unico: lo scheletrico Sir Daniel Fortesque.

Il nostro eroe è un cavaliere ciarlatano e un po’ sfortunato – ma quando mai un prode combattente cade alla prima carica, ancor prima di raggiungere il nemico? – tornato dalla morte! Sony ci ha dunque invitati per scoprire il remake del gioco in esclusiva su Playstation 4. Vi confessiamo che mille domande e inquietudini ci hanno sfiorato durante il tragitto fra la sala stampa e il cabinato del gioco… Da un lato, perché gli sviluppatori del remake hanno dichiarato qualche tempo fa di voler soltanto aggiornare la grafica, senza cambiare il resto. Dall’altro, perché a volte è meglio che un’esperienza intensa viva solo nella memoria… e che i morti restino morti.

Quando cominciamo la prova di MediEvil, la prima cosa che ci salta all’occhio è certamente l’estetica, sulla quale gli sviluppatori hanno voluto concentrarsi durante la produzione del remake. La grafica è stata adattata alle tecnologie attuali e è certamente rispettosa dell’originale, al contempo molto pulita e ben adattata al contesto fiabesco del gioco. Sembra davvero di trovarsi di fronte a un cartone animato e il tutto è dettagliato al punto giusto: bello, ma senza esagerazioni che avrebbero potuto snaturare lo spirito di MediEvil. Dopo qualche minuto a guardare i filmati e a prestare attenzioni ai dialoghi introduttivi, proviamo la sensazione di essere di nuovo immersi completamente in quell’universo allo stesso tempo oscuro, comico e fantastico di Sir Daniel Fortesque. Arriviamo dunque al momento tanto temuto di giocare e darci un’idea di come siano invecchiate le meccaniche di questa avventura arcade. E bisogna ammettere che, per fortuna, Sir Daniel non ci ha delusi… Sebbene nei primissimi secondi di gioco il personaggio ci sia parso un po’ rigido – forse più per via delle nostre paure che per veri demeriti – questa impressione è presto scomparsa, per lasciarci al piacere di rivivere questa grande e magica epopea.


I primi momenti di gioco sono stati soprattutto consacrati all’esplorazione della zona di gioco, all’eliminazione di sparuti gruppi di zombie e alla raccolta di qualche oggetto. Dopo i primi dieci o quindici minuti di prova ci siamo trovati a fronteggiare un semplice enigma, ottimo per variare l’esperienza di gioco e per farci pensare un attimo. Qualche istante dopo ci siamo poi ritrovare a risalire una montagna impervia mentre dei massi rotolano verso di noi; per avanzare, diverse opzioni si offrono al giocatore: schivarli, usare lo scudi per evitare che infliggano dei danni oppure utilizzare una nuova arma trovata poco lontano per distruggerli. Bisogna ammettere che tutto sembra funzionare per il meglio… è una sorpresa rendersi conto oggi di quante meccaniche diverse offrisse MediEvil già alla sua uscita e, soprattutto, quanto fosse solido il gioco in termini di level design e di idee di gameplay. Possiamo già sbilanciarci e dire che questo remake soddisferà tutti coloro che hano guidato lo scheletrico cavaliere nel lontano 1998 e lo consigliamo candidamente a tutti gli altri! L’attesa non dovrebbe essere lunga perché si parla di fine ottobre!

Mauri

Scritto da : Mauri

Si occupa di tante cose legate al mondo dei videogiochi: game dev, insegnamento di programmazione e game design, il Swiss Game Center e così via. E ogni tanto Dave lo incastra per scrivere su joypad!

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.