Provato alla Gamescom 2019: Killsquad

Abbiamo avuto l’opportunità di provare un interessante action presso la Gamescom 2019. Killsquad, sviluppato dall’indipendente Novarama (team spagnolo) ha suscitato il nostro interesse durante la fiera tedesca. Novarama ha impiegato ben due anni per svilupparlo, e attualmente il gioco si trova in early access su Steam. La distribuzione della versione definitiva è però prevista a partire dall’inizio 2020.

Killsquad è un action RPG volto al cooperativo, in visuale isometrica e ambientato in un futuristico mondo di cacciatori di taglie (chiamati anche killsquads), i quali sono chiamati, sotto contratto, a saccheggiare pianeti alla ricerca di bottini e gloria. Il gioco ruota attorno a missioni rapide orientate a brevi sessioni. Non manca anche un sistema di loot per raccogliere materiali e creare nuovo equipaggiamento. Le abilità, invece, sono da sbloccare durante il corso della missione (sia attive che passive) e cambiano a seconda della classe scelta. In Killsquad vi sono, per ora, quattro differenti classi disponibili (che si suddividono nel ruolo di tank / supporto o attacchi ravvicinati / distanza; vedi immagine sottostante).

Oltre alla classica modalità campagna, in occasione della Gamescom gli sviluppatori hanno anche rilasciato un nuovo trailer che mostra uno dei nuovi contenuti del gioco: Colosseum Of Unseen. Si tratta di diverse sfide le quali metteranno a dura prova i giocatori più esperti, poiché gli avversari e i nemici saranno molto più forti così da eleggere un campione. Durante la nostra prova ci è stato comunicato che l’aggiornamento in questione a questa modalità verrà rilasciato per la fine di agosto.

Tra gli aspetti più interessanti che ci è stato rivelato durante la nostra prova è il fatto che i livelli sono generati proceduralmente: i quali garantiscono un’esperienza sempre diversa delle ambientazioni affrontate dal giocatore. Tali livelli, che prenderanno avvio dopo aver accettato un contratto, potranno essere affrontati in singolo o in compagnia di altri giocatori. Inutile ribadire che il multigiocatore è, infatti, un altro dei punti forte di questo gioco.

Nel caso concreto abbiamo provato il gioco circa una 15ina di minuti in solitaria, e siamo rimasti piacevolmente sorpresi per la fluidità dei comandi, del framerate e della difficoltà proposta. L’insieme dell’esperienza ci è sembrata solida e appagante, nel tragitto fra il punto di partenza e quello di arrivo (Boss finale) abbiamo incontrato una buona varietà di nemici e collezionato interessanti oggetti per il looting. Il livello del personaggio (che parte da 1) è resettato ad ogni nuova missione, in pieno stile MOBA, mentre il level cap è fissato a 10. Per ogni livello guadagnato ci è stato possibile sbloccare nuove mosse mediante i classici punti abilità, così da affrontare i vari mid boss e il boss finale senza troppi problemi. Conclusa la missione, ci è stato spiegato che il nostro eroe terrà tutto il loot guadagnato durante la stessa, con il quale sarà possibile modificare l’equipaggiamento aumentando di riflesso i punti vettore (simil ai punti luce di Destiny, che definiscono la forza complessiva del nostro personaggio).

Nel complesso Killsquad ci ha piuttosto sorpreso. Si tratta di un action isometrico  che trae ispirazione da molti titoli concorrenti del genere, ma capace di crearsi una propria e ben definita identità. Anche se è spontaneo definirlo una sorta di Diablo Sci Fi, Killsquad offre elementi RPG, MOBA e di looting in grado di offrire un’esperienza di gioco appagante.

Ardral

Scritto da : Ardral

Studente, sportivo (nuotatore e crossfitter), redattore, tra le varie attività e passioni quella dei videogiochi rimane una delle principali. Amante delle proprietà intellettuali targate Nintendo e PC Gamer tramite un leggerissimo RoG da 5 kg, il Pusti è uno degli storici redattori in quel di Joypad.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.