Provato alla Gamescom 2019: Blasphemous

Presso Team 17 abbiamo avuto l’occasione di testare un nuovo titolo indie multipiattaforma in arrivo il prossimo il prossimo 10 settembre 2019. Blasphemous si tratta di un Metroidvania a scorrimento laterale bidimensionale ambientato in un universo gotico, oscuro e ispirato alla cultura spagnola.

Durante l’incontro con gli sviluppatori, the Game Kitchen, abbiamo potuto provare una breve demo su Nintendo Switch di 15 minuti, e le nostre impressioni sono state piuttosto positive. Dapprima il gameplay risulta intuitivo e di semplice apprendimento, e il livello di difficoltà è piuttosto elevato. Vi è un attacco leggero e un attacco pesante, delle abilità magiche e fisiche quale l’attacco a distanza, il contrattacco, la schivata e la parata. Non mancano abilità come la presa e l arrampicata, il classico salto e alcune meccaniche ispirate da Dark soul. Ci riferiamo in particolar modo all’anima da recuperare nel caso in cui il giocatore dovesse essere sconfitto, in modo da ripristinare il funzionamento della barra delle abilità. Concluso un breve tutorial ci cimentiamo nell’esplorazione delle prime 5/6 schermate nel mondo di gioco di Blasphemous.

La nostra breve avventura comincia in una landa desolata presso delle montagne ghiacciate. Dopo un paio di Checkpoint veniamo a contatto con un altare, con il quale è possibile sbloccare alcune abilità del protagonista e per proseguire con la storia. Prima di avere accesso al menù delle abilità, assistiamo a una breve cutscene d’impatto. Infatti la stessa è stata creata dal team di sviluppo pixel per pixel come se fosse disegnata, ciò ha chiesto molto tempo per la realizzazione. Concluso il filmato ed avuto accesso ai potenziamenti, abbiamo sbloccato l’attacco a distanza e lo stordimento contro i nemici vicini, abilità molto utile per l’esplorazione della montagna.

Fin da subito Blasphemous si rivela essere un Metroidvania piuttosto punitivo con un certo livello di difficoltà, simile alla Dark soul insomma: il giocatore deve sempre essere sull’attenti e attaccare/parare nei momenti giusti contro i nemici che si presentano sul cammino. Non tutti i nemici sono semplici da sconfiggere: alcuni hanno dei pattern non evidenti da apprendere e un attacco inaspettato potrebbe portare ad una veloce morte del giocatore. Tra quelli più ardui vi era una tomba vivente capace di allungare la mano di una statua e colpirci da una certa distanza, o vi era anche un fantasma che cavalcava una campana capace di sferrare attacchi veloci e imprevedibili…spesso letali.

Sicuramente per gli amanti del genere metroidvania di una certa difficoltà Blasphemous è un gioco da tenere sott’occhio. Il level design e il gameplay sono sicuramente il punto forte di questo prodotto indipendente dai tratti gotici e dark. Ricordiamo che Blasphemous sarà disponibile all’acquisto a partire da settembre per PC, Nintendo Switch, PS4 e Xbox One.

Ardral

Scritto da : Ardral

Studente, sportivo (nuotatore e crossfitter), redattore, tra le varie attività e passioni quella dei videogiochi rimane una delle principali. Amante delle proprietà intellettuali targate Nintendo e PC Gamer tramite un leggerissimo RoG da 5 kg, il Pusti è uno degli storici redattori in quel di Joypad.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.