Logi Circle Camera

Logitech ha cambiato branding, passado ad un più amichevole Logi. Il cambio di strategia è evidentissimo nel prodotto che andiamo a discutere oggi: Logi Circle Camera. Una webcam wifi con un tocco di web!

logi-logo

Pallina rotondina

La Circle Camera è una webcam sferoidale che si collega al wifi di casa vostra per mostrarvi tutto quello che succede via app. Nella scatola troviamo la camera, una base magnetica, una base di ricarica e alcune viti. La Circle funziona senza fili e può essere spostata in qualsiasi momento in giro per casa o per l’ufficio. La base di ricarica, dotata ovviamente anche di caricatore da inserire nella presa, funziona a contatto: basta appoggiarvi sopra la camera per ricaricarla. La base magnetica invece serve per posizionare l’hardware su un muro o a testa in giù. Il contatto magnetico è bello resistente e non c’è davvero pericolo che si stacchi per cadere a terra. Volendo possiamo anche sfruttare il magnete per attaccare base e camera ad una superfice in ferro. Il cavo di ricarica è piuttosto lungo ma, sfortunatamente, non può essere sostituito con un altro quindi saremo costretti ad usare quello nella scatola. Nel caso avessimo bisogno di maggiore lunghezza, l’unica sarà usare una prolunga USB o una normale e collegare il caricatore più vicino alla Circle. Disponibile sia bianca che nera, la Circle camera dà l’impressione di buona robustezza e di buona qualità costruttiva. Piccola ma non eccessivamente leggera, è un’aggiunta discreta all’ambiente casalingo. Una volta che ci siamo occupati del montaggio o che abbiamo scelto una zona che vogliamo tenere sott’occhio, basta regolare l’inclinazione della sfera sulla sua base, accenderla e aprire l’app. L’app, disponibile per iOS e Android (niente Windows, Windows Phone o web) si collega dapprima direttamente alla Circle per poi richiederci le credenziali della wifi di casa. Una volta impostate, la camera si collegherà direttamente alla nostra rete (2,4 e 5 GHz sono entrambe sopportate).

logicircle (1)

Streaming casalingo

La Circle camera promette 12 ore di funzionamento in modalità power save, 3 ore in streaming continuo e autonomia infinita se collegata alla rete elettrica. Lo streaming video, in risoluzione 720p è di buona qualità ed è possibile anche attivare l’infrarosso per la visione notturna. Lo zoom digitale, fino a 8x, è deludente come tutti gli zoom digitali… quindi in pratica sconsigliato. Vista la sua destinazione, la camera ha un ampio angolo di venduta, circa 135 gradi che permettono di tenere sott’occhio un’ampissima zona anche se, come logico, c’è un certo effetto fish eye dovuto alla lente così ampia. La camera integra anche un microfono e un altoparlante che permettono non solo di sentire cosa succede ma anche di discutere con la persona inquadrata (anche se quest’ultima non potrà vedervi in faccia). Il volume non è altissimo devo dire ma è più che sufficiente per una discussione in ambienti non troppo rumorosi. Tramite l’app è possibile vedere gli eventi rilevanti, ovvero momenti in cui la Circle ha rilevato dei movimenti nel suo raggio d’azione, vedere lo stream in diretta oppure è possibile creare al volo un timelapse (chiamato Day Brief) della giornata. Non è però possibile salvare le clip registrate e il massimo che possiamo vedere sono le ultime 24 ore. I video vengono salvati online sul cloud Logi e non c’è, almeno per ora, la possibilità di estendere questo limite. Limiti un pochino deludenti, specialmente se vogliamo salvaguardare qualche evento speciale. Impossibile anche cancellare eventi particolari dal cloud, bisognerà aspettare la mezzanotte quando il reset giornaliero cancella tutto quanto.

logicircle (2)

Per chi è?

La Logi Circle Camera viene proposta alle persone che si trovano spesso lontane da casa ma che vogliono restare in contatto con i propri cari. Insomma, una sorta di device da Grande Fratello. Più realisticamente, questa camera da 229 CHF è utile per tenere sott’occhio parti della casa sensibili oppure spiare i nostri animali domestici (ho scoperto tutte le malefatte compiute dal mio gatto quando crede di essere da solo!). La possibilità di spegnere il led di alimentazione via app è forse la feature più da guardone! Ma scherzi a parte è un prodotto dedicato solo ad una parte di voi visto che per molti (me compreso) non ha nessun vero utilizzo pratico. I limiti di streaming, disponibilità dell’app su altre piattaforme e la mancata possibilità di salvare le clip sono tutti sistemabili con aggiornamenti software e speriamo che Logitech ci arrivi presto. Per ora vi consiglio quindi di pazientare fino ai prossimi aggiornamenti dell’app, quando l’offerta sarà più completa. A livello hardware invece nulla da dire, l’autonomia è buona, il sistema di montaggio magnetico funziona bene e la qualità del video, anche nel buio più totale, mi ha soddisfatto.

 

 
 

Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Twitter: @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.