Hands on : Star Fox Zero alla Gamescom

Sicuramente uno dei maggiori titoli protagonisti dello scosro E3 presentati durante il Digital Event Nintendo, Star Fox Zero ha suscitato non poche reazioni nella comunità videoludica e purtroppo, causando numerosi scontenti e delusioni. Le maggiori critiche sono state sollevate sulla questione del comparto puramente tecnico, invocando una grafica non degna per una console come la Wii U e un gameplay fin troppo simile a Star Fox 64. Ma è effettivamente veramente così ? Scopriamolo con le nostre prime impressioni.

WiiU_StarFoxZero_scrn02

L’approccio di Star Fox Zero effettivamente si ricollega al gameplay presente nella versione 64 e non quella Gamecube (Star Fox Adventure), legata a un genere Platform / Adventure tridimensionale. Il risultato è quindi un titolo che punta solamente alla simulazione di volo a modo di arcade nel quale, in un persorso ben definito, dobbiamo comandare la navicella di Fox schivando i vari attacchi nemici WiiU_StarFoxZero_scrn03.0ma, allo stesso tempo, sparandoli. Il mirino è gestito di default sfruttando il giroscopio del Wii U Gamepad, altrimenti è possibile modificarlo nelle impostazioni optando a un sistema di controllo tradizionale tramite lo stick destro. Obbligati quindi a seguire un’unica direzione il giocatore, a dipendenza dell’ambiente circostante, è in grado inoltre di modificare la forma dell’astronave in una navicella che corre sul terreno. Il controllo libero tuttavia è introdotto solamente durante le sessioni spaziali e, molto probabilmente, con i Boss se analogo al capitolo per Nintendo 64.  Concludendo, nel suo insieme è un more of the same dal puro punto di vista dei comandi e del genere, quindi niente di nuovo che possa dare un po’ di aria fresca alla storica IP. Quindi sì, in parte è fondata la delusione sulla ripetitività del brand, ma giustificabile se saprà offrire livelli degni e una mole di contenuti soddisfacente. Per contro il lato tecnico e grafico non è così terribile come si vuole far credere, visto dal vivo è un altro prodotto se confrontato al trailer dell’E3. Su questo elemento non possiamo esprimere un giudizio molto dettaggliato, per questo bisognerà aspettare la recensione. Nel complesso non siamo rimasti piacevolmente sorpresi dal prossimo importante storico brand di Nintendo, o meglio, non ne siamo rimasti colpiti seppur l’esperienza sui controlli sia solida e ben studiata. Se inoltre aggiungiamo lo sfruttamento del secondo schermo tramite Wii U Gamepad, sia per i comandi del mirino che per la prospettiva in prima persona, si stratta sicuramente di un plus interessante. Siamo curiosi di ottenere la versione definitiva al fine di poter dare un giudizio completo sui contenuti, sperando di non rimanerne delusi.

Ardral

Scritto da : Ardral

Studente, sportivo (nuotatore e crossfitter), redattore, tra le varie attività e passioni quella dei videogiochi rimane una delle principali. Amante delle proprietà intellettuali targate Nintendo e PC Gamer tramite un leggerissimo RoG da 5 kg, il Pusti è uno degli storici redattori in quel di Joypad.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.