eFootball PES 2020 provato all’e3 2019

Durante l’E3 2019, la casa nipponica Konami ha presentato il nuovo titolo Pro Evolution Soccer 2020, siamo stati invitati durante la fiera a provare la demo, ci siamo addentrati quindi nel gameplay di una modalità classica; partità veloce. Il titolo viene anche chiamato eFootball PES 2020 e come ogni anno fa il suo debutto cercando di rubare il trono all’eterno rivale FIFA.

In questo nuovo capitolo il titolo si allunga aggiungendo il termine “eFootball” per rispecchiare maggiormente l’impegno preso dagli sviluppatori verso gli esports e tutto il mondo di competizione che ci ruota attorno.
Konami ha ben pensaro di creare un arena dedicate esclusivamente alla competizione dei suoi titoli nella nuova sede costruito visto il loro traslocco dalla sede attuale. Siamo curiosi anche di saperne di più su come Konami lavorerà per promuovere gli eSports dei suoi titoli in questa nuova infrastruttura. Sappiamo che da quest’anno eFootball PES 2020 vanta di una nuova collaborazione con Iniesta che aiuta a migliorarne l’immagine del titolo. Bisogna parlare anche del nuovo movimento utilizzato per il dribbling chiamato Finesse Dribling, un nuovo movimento che può essere utilizzato senza troppa complicazione muovendo leggermente l’analogico destro mentre siamo in possesso palla e stiamo cercando di affondare le bariere avversarie. Questo ci permetterà di attuare dei propri e veri dribbling che ci faranno mantenere il possesso palla nei momenti più difficili.

I tiri, che fanno meglio capire lo stile di gioco e il tocco sul pallone che permette di caratterizzare ogni singolo personaggio adottando delle animazioni molto più simile a quelle reali, come anche gli stop quando recuperiamo il pallone, sono anch’essi stati migliorate le animazioni permettendo al videogiocatore di vedere in ogni singola squadra e giocatore un tipo di cacio diverso.
Questo nuovo titolo è innovative anche perchè ha volute migliorare tutta una serie di aspetti che migliorano lo stile di gioco lavorando p.es: sulla fisica del Pallone, sia in modo diretta che indiretta. Vi sono due modalità di gioco per il momento; “Master League“ già nota nei capitoli precedenti, dove all’interno saranno presenti anche dei dialoghi narrativi. La componente invece più moderna legata al calciomercato è anch’essa stata migliorata, promettendo di essere più realistico con allenatori più precisi e credibili. La seconda modalità invece verrà chiamata “Matchday”, si tratta di una modalità dove ogni settimana sarà messo in evidenza uno scontro. Gli utenti di eFootball PES 2020 potranno scegliere da quale parte stare, giocare la partita e aspettare il risultato della stessa: verrà fatta un estrazione fra tutti I utenti, che potranno giocare uno contro l’altro per accaparrarsi delle ricompense esclusive in game. Un’idea sicuramente interessante. Un ultima considerazione è da dare ai dettagli legati ai personaggi molto ben definiti ciò acquisisce un valore aggiunto al titolo sopratutto per I fan che apprezzeranno sicuramente il lavoro svolto dalla casa nipponica, insomma I volti, le maglie e gli stadi in particolare delle squadre partner, un sistema di illuminazione sempre più curato e ora anche un nuovo e più articolato menu più pratici e moderni.

Io e Francesco abbiamo potuto provare in tutta tranquillità questo nuovo titolo. La modalità è partita veloce, iniziamo con la scelta delle squadre scelgo la Francia mentre il nostro rivale ha scelto FC Barcellona Partiamo così con il nostro hands on, inizialmente proviamo ad evventurarci nella prima partita, i primi minuti di gioco ci siamo trovati un po’ spaesati per i comandi ma con un attimo di gioco con il pad alla mano ci rendiamo conto che sono i classici; passaggio, tiro, cross e corsa che combinandoli ci permettono di fare goal e porcarci in vantaggio. Da subito però notiamo la miglioria del comparto grafico e delle animazioni che sempre di più si avvicinano alla realtà. Tra passaggi filtrati, tiri in porta e altro tentiamo di eludere il nostro avversario Francesco il possesso di palla e perlo più in mano nostra. Non riusciamo però in questa partita a portarci a casa la partita. I giochi di calcio li ho sempre trovati belli se giocati in compagnia, infatti durante il nostro hands on, ci siamo divertiti un mondo. Inoltre il nostro caro Francesco essendo messo in difficoltà ha iniziato a falciare ogni singolo giocatore così da avere tutti le component della sua squadra con un cartellino giallo. Termina la partita quando il nostro avversario fa un autogoal clamorosissimo e questo ci permette di portarci in vantaggio. Passiamo gli ultimi minuti restanti della nostra partita a cercare di portarci ulteriormente in vantaggio ma non c’è verso nonostante tutto Francesco si comporta bene in difesa. Finisce quindi 1-0 la partita Francia- FC Barcellona. Dopo qualche risata ritorniamo seri e partiamo con una seconda partita, qui il discorso si fa interessante. Partiamo dal centro campo e facciamo una serie di passaggi filtratnti con il tasto “A” arrivando verso l’area di rigole però ci spostiamo sulla fascia dove qua con un cross tattico che è possible farlo con il tasto “B” riusciamo a passare la palla al nostro giocatore che si trova davanti al portiere e con un tiro premendo invece il tasto “X” riusciamo a scagliare la palla senza troppa forza nella rete avversaria arrivando così ad ottenere il primo goal di gioco 1-0 per la Francia. La partita si fa interessante, Francesco tenta di contrattaccare subito dopo ma niente cambiando i giocatore con LB/RB e correndo con il trigger RT riusciamo a riprendere il giocatore di Francesco e a bloccarlo prima che potesse entrare nell’area di rigore. La partita va così avanti fino a che trovo I Giusti spazi e segno un goal, poi un altro e un altro ancora, Francesco cerca di fermare la mia mitraglia di goal cercando scivolate pericolose dove rischia il rosso dei suoi giocatori questo si può fare con il tasto B quando non si ha il possesso di palla. Riesce ogni tanto a prendere il possesso di palla ma con poca difficoltà gliela riprendo cercando di evitare il fallo, il tasto per questo tipo di approccio quando non si ha il possesso palla e l’avversario sta contrattacando è il tasto “A”. La partita tra un espressione seria e una risata per il divertimento termina 5-0, tutte ci siamo divertiti molto durante la prova ed abbiamo potuto vedere diverse migliorie di questo titolo.

PES ha la peculiarità di avere la mappa posta in basso al centro dello schermo che ci permette di avere un’idea più chiara della disposizione dei nostril giocatori sul campo. Ciò ci permette a livello strategico di affinare l’arte e riuscire a creare delle azioni non solo da manuale. Inoltre le animazioni sono state migliorate molto sia dei personaggi con diversi nuovi balli dopo aver segnati ma anche proprio nei movimenti che diventano sempre più realisti. L’intercettazione, lo scartaggio e l’ingeniosità dei passaggi sarà fondamentale per la vincità della partita, un titolo ricco di novità interessante e per gli amanti del genere sicuramente avranno di che divertirsi, aspetteremo di provarlo con mano una volta uscito per vedere tutte le novità che Konami ha aggiunto all’interno di questo titolo. eFootball PES 2020 ci ha convinti un gioco divertente, ricco di contenuti e se giocato in compagnia c’è la possibilità che la giornata passi in men che non si dica.

L’uscita è pervista per il 10 settembre 2019 e vedremo questo nuovo titolo della casa nipponica su PC, PS4 e XBOX.

Avatar

Scritto da : Nadir

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.