Anteprima: Stray

Ah, i gatti, come si fa a non amarli? Noi siamo di sicuro dei gattofili e non c’è quindi da stupirsi se non siamo abbiamo potuto perderci il primo evento di anteprima di Stray. Leggete la nostra anteprima per scoprire se stiamo miagolando soddisfatti o piuttosto soffiando in attesa dell’uscita.

Nell’ambientazione distopica e cyberpunk di Stray di Annapurna Interactives e BlueTwelve Studios, prenderemo le parti di un gatto alla ricerca della sua famiglia. Secondo gli sviluppatori, non si seguiremo la storia di un gatto qualsiasi, quella un amico a quattro zampe molto specifico. L’avventura in terza persona ci porterà in vari luoghi sconosciuti con regole proprie che dovremo capire per poter progredire.

Uno strano mondo pieno di robot

Finora non si sa molto della storia, che durerà circa sette-otto ore. Probabilmente è meglio così, perché il gioco è in gran parte sostenuto dalla sua narrazione. Al centro troviamo il fatto e il suo compagno simile a un drone, che lo aiuta a comunicare nel mondo cyberpunk. Come gatto, non potremo parlare, ma c’è comunque un tasto “miagola”! Con esso è possibile miagolare in accordo o esprimere melodicamente ogni passo. Possiamo miagolare a piacere anche nelle cut scenes! Ben presto notiamo che la città buia e piena di luci al neon è popolata da creature robotiche che sembrano quasi esseri umani. Ma solo quasi. Come ci hanno detto gli sviluppatori, all’inizio erano solo dei segnaposto. Dopotutto, si trattava solo di un piccolo team e, tanto per cominciare, i robot sono più facili da implementare rispetto agli esseri umani. Ma nel corso del processo di sviluppo, l’idea è piaciuta così tanto che i robot sono rimasti e ora conferiscono alla città un tocco molto speciale. Tuttavia, poiché gli abitanti della città parlano una lingua straniera, avete bisogno del vostro amico drone per comunicare con loro.

Chi non ha mai voluto essere un gatto?

Come di consueto per un gioco del genere avventura, si hanno numerose conversazioni e si esplora l’ambiente per trovare indizi per la propria missione. Il fatto che si impersoni un gatto fa il suo gioco, perché i gatti sono incredibilmente agili. Si può stare in equilibrio su cornicioni stretti, superare dislivelli con un semplice salto e atterrare a quattro zampe quando si salta da un tetto. Questo sembra aprire molte nuove possibilità di integrare piccoli enigmi e segreti nel gameplay. Se trovate un oggetto importante, il vostro amico a quattro zampe lo prenderà in bocca e lo porterà da A a B. Inoltre, l’inventario è davvero ridotto: un gattino non può portare con sé molto. Questo sembra più realistico di alcuni degli zaini infinitamente grandi che conosciamo bene da altri rappresentanti del genere.

Per raggiungere il luogo successivo, non solo si possono attraversare elementi di parkour, ma anche superare distanze maggiori con delle sorta di zipline. Questo tipo di verricello sembra essere installato in molti punti, in modo da permettere rapidi progressi. Sebbene i progressi nel gioco siano lineari, sono disponibili aree aperte più ampie. Così potete ficcare il naso quasi ovunque a vostro piacimento. Oltre alla città distopica cyberpunk di notte, ci sono altri luoghi in cui è possibile entrare con le proprie zampe di velluto. Gli sviluppatori ci hanno già fatto intravedere una sorta di complesso residenziale, che può essere esplorato anche in verticale grazie a piccole sporgenze e davanzali.

Danni e guai a non finire!

Il gioco non consiste solo nell’esplorare il mondo, ma anche nell’interagire con l’ambiente circostante. Ad esempio, i nostri artigli affilati sono ottimi per distruggere i mobili imbottiti. Ma anche le porte non sono al sicuro da graffi entusiastici. Sembra che questa funzione non sia solo per divertimento: a volte una porta si apre se si gratta abbastanza a lungo. Ci auguriamo che tali connessioni del tutto naturali vengano integrate più spesso in questo gioco d’avventura piuttosto breve. Questo darebbe a Stray un’ulteriore porzione di autenticità. Nel caso in cui non l’avessimo detto abbastanza spesso fino a questo punto: impersoniamo un GATTO! E cosa amano fare in particolare i gatti? Esattamente: spingere le cose verso una rovinosa fine sul pavimento! Probabilmente conoscete i numerosi meme, video e clip comici in cui una palla di pelo guarda il suo padrone e spinge deliberatamente il prezioso vaso dalla credenza. Semplicemente perché è divertente. In Stray avete l’opportunità di provare esattamente questo. Vi farà sentire in colpa? O semplicemente vi sentirete potenti e soddisfatti?

Sette vite?

Come gatto, avete poche opportunità di combattere seriamente contro i guerrieri. Per questo motivo, spesso vi aggirate furtivamente per le strade e sfruttate le dimensioni ridotte del vostro corpo. A nostro avviso, un gioco come questo non ha bisogno di sequenze di combattimento ricche di azione o della possibilità di morire. Perché dovrebbe? Sembra che ci siano abbastanza altri elementi per intrattenere i giocatori durante il moderato tempo di gioco. Durante la sessione di anteprima, gli sviluppatori ci hanno comunque dato un piccolo indizio sul fatto che le cose possono diventare un po’ rischiose per l’amico a quattro zampe. Il vostro randagio può anche morire! Ma non sappiamo ancora se ci piace l’idea. È davvero necessario? Al momento non possiamo ancora rispondere. In linea di principio, le sequenze d’azione isolate non sono un male e possono (se usate in modo selettivo) creare ancora più suspense. Tuttavia, non devono sembrare semplicemente schiacciati. Come questi momenti si inseriscano nel resto della storia resta da vedere nel gioco completo.

Prospettiva

Stray sembra essere davvero un’avventura a tutto tondo con le sue numerose possibilità di interazione nel mondo. La maggior parte degli sviluppatori ha gatti come animali domestici e conosce bene le loro abitudini e uno o due dei loro trucchetti e in Stray si vede! Ci sono molti dettagli che i proprietari di gatti riconosceranno e che sono semplicemente divertenti. È anche possibile utilizzare le zampe per azionare il telecomando o per dormire tutto il giorno. Durante la prima occhiata, gli enigmi e gli elementi puzzle non sembravano particolarmente impegnativi, ma piuttosto divertenti grazie alla presentazione. L’ambientazione cyberpunk sembra in qualche modo familiare e allo stesso tempo non spenta, il che ci fa desiderare di più. Grazie ai robot, la città sembra anche meno deserta di quanto ci si aspettasse inizialmente. La sensazione sarà la stessa nel resto del gioco?

Articolo originale di games.ch, pubblicato previa autorizzazione

Scritto da : games.ch

Questo profilo ripubblica contenuti da games.ch tradotti in italiano

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.

SGN Logo

Altri membri di SCN:
games.ch
the(G)net.ch