Anteprima: Skull and Bones

Una nuova tendenza sta emergendo, passando da Open World a Open Sea? Il progetto a lungo termine di Ubisoft Skull and Bones si sta avvicinando alla fase di completamento. Anche se forse quasi nessuno ci credeva ancora: l’8 novembre di quest’anno è finalmente arrivato il momento. Annunciato quasi cinque anni fa e sicuramente in fase di sviluppo da molto più tempo, si potevano nutrire seri dubbi sul fatto che l’epopea piratesca sarebbe mai stata lanciata. La data di uscita inizialmente comunicata di “autunno 2018” si era da tempo assopita in fondo al mare.

Di recente, in seguito ad un leak, sono aumentate le voci secondo cui il gioco finito non sarebbe stato all’altezza delle grandi aspettative. Quello che è certo è che l’equipaggio di Ubisoft Singapore ha navigato in mari piuttosto agitati per diversi anni. Le accuse di maltrattamento nei confronti di un ex produttore hanno portato a un ammutinamento che si è concluso con lo sbarco di quest’ultimo. Alla fine, si dice che siano stati affondati 120 milioni di dollari americani, senza alcuna terra in vista.

Infamia contro Sea of Thieves

“Raise your infamy”, tradotto liberamente come “Celebra la tua infamia”, è il motto scelto per questa nuova IP. Il combattimento navale è il cuore del gioco, secondo gli sviluppatori. Ma può davvero diventare più di una versione aggiornata delle battaglie navali di Assassin’s Creed IV: Black Flag? Non sarebbe la cosa peggiore: dopo tutto, la gita ai Caraibi degli assassini che viaggiano nel tempo è considerata da molti giocatori il miglior gioco di pirati di tutti i tempi. Se non fosse per un concorrente che Ubisoft Singapore dovrà riuscire a superare: Sea of Thieves. Sebbene anche il gioco piratesco per Xbox non sia partito a vele spiegate, la produzione di Rare sembra ora andare abbastanza bene dopo diversi aggiornamenti ed espansioni.
Per Skull and Bones questo significa che deve recuperare alcune miglia nautiche. Ma come pensa lo sfidante di reggere il confronto con l’attuale re dei free-boot multiplayer? Gli obiettivi sono molto simili: Si concentra su battaglie navali online, oceano liberamente navigabile, potenziamento delle navi simile a un gioco di ruolo. Gli sviluppatori affermano di voler perseguire un “approccio più cupo e serio”. Di conseguenza, l’aspetto fumettistico lascia il posto a un open world almeno visivamente impressionante e realistico, scusate, open sea, come solo Ubisoft riesce attualmente a fare.

625 km² solo acqua?

Ma i paesaggi marini sono tutt’altro che auto esplicativi. La mancanza di punti distintivi nel panorama rende praticamente impossibile distrarsi dalle masse d’acqua, che per loro natura sono estremamente difficili da rappresentare, per far sembrare il tutto più credibile. Non solo le navi devono essere autentiche, ma devono anche simulare il peso per non danzare come tappi di sughero sulle onde e, per finire, muoversi in sincronia con la superficie dell’acqua. Infine, bisogna fare in modo che l’ambiente, in definitiva piuttosto monotono, non diventi noioso. Non si può quindi puntare su paesaggi grandiosi ed edifici storici ricreati in modo convincente come in Assassin’s Creed. Ma con cosa?

Abbiamo chiesto direttamente al senior game director Ryan Barnard, che è salito a bordo poco più di un anno fa per guidare con sicurezza la fregata Skull and Bones attraverso il tratto finale. “Sarà il secondo gioco open-world o meglio open-sea più grande che Ubisoft abbia mai realizzato “, spiega Barnard. All’inizio, 625 km² di acqua circondano il giocatore. Dopo tutto, il gioco riguarda le navi pirata. “Questo cambia le dimensioni e la scala da creare. È necessario avere abbastanza spazio per le battaglie navali, per realizzare tempi di viaggio soddisfacenti e per avere qualcosa di abbastanza grande da esplorare, qualcosa che si deve effettivamente conquistare!

Contrariamente al timore che non ci sia molto da scoprire oltre alle battaglie navali, i primi livestream mostrano isole e massicce fortezze terrestri, oltre a vivaci porti con commercianti che si riforniscono per il prossimo viaggio. “A terra si fa tutto ciò che ha a che fare con l’artigianato e il commercio”, spiega il capitano. “Si tratta di concludere affari e contratti, incontrare altre fazioni e accettare ordini. Ma come ho detto prima, si tratta di combattere in mare, non sulla terraferma”. Alcune delle cose che si possono fare sulla terraferma, tuttavia, saranno rivelate più avanti. Sembra abbastanza certo che si possa anche andare su isole e scavare tesori, il che fa pensare di nuovo a Sea of Thieves.

Il Quest Director Terry Han ha promesso nuovi contenuti gratuiti per molti anni a venire. Quando gli sviluppatori fanno riferimento a futuri DLC, però, raramente è un buon segno. Ubisoft Singapore, tuttavia, afferma di attribuire grande importanza allo stretto contatto con la comunità e di tenere conto dei desideri dei giocatori. All’inizio, tuttavia, i giocatori avranno abbastanza da fare nel mare del PvP per equipaggiare una dozzina di navi con diverse armi. Ci saranno ingombranti navi da trasporto, navi da viaggio più veloci per esplorare l’oceano virtuale e, naturalmente, navi da guerra con una grande potenza di fuoco.

Alla domanda se sia possibile avventurarsi in mare come solista, Ryan Barnard entra un po’ più nello specifico. Si inizia in un mondo multigiocatore, ma nella fase iniziale ognuno guida la propria barca. “C’è anche una narrazione, ci sono storie e personaggi che si incontrano. Ma non siamo Assassin’s Creed. Quindi non c’è una trama per giocatore singolo e poi, boom, i titoli di coda. Il gioco è più incentrato sul fatto che i giocatori scrivono le proprie storie. All’inizio tutti sono dei fuorilegge, ma sta a voi decidere se giocare da soli o con altri pirati “.

Quasi come la vita reale, si potrebbe dire, e in effetti qualcosa da cui differenziare positivamente Sea of Thieves.

Articolo originale di games.ch, pubblicato previa autorizzazione

Scritto da : games.ch

Questo profilo ripubblica contenuti da games.ch tradotti in italiano

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.

SGN Logo

Altri membri di SCN:
games.ch
the(G)net.ch