Wonderboom 2

Scritto da il il Recensioni Hardware, 4 più

Wonderboom 2

Arriva l’estate, è ora di fare casino. Andare in piscina, fare la grigliata al lago, partire per qualche spiaggia. Ma che fare se vogliamo la musica a farci compagnia? Beh, Ultimate Ears ha avuto un’ideuzza chiamata Wonderboom 2!

Tondo!

Wonderboom 2 è uno speaker bluetooth, la seconda revisione in effetti come il nome chiaramente suggerisce. Partiamo dalle specifiche tecniche e andiamo avanti con ordine. Wonderboom 2 è uno speaker bluetooth A2DP dotato di due driver attivi da 40 mm e due radiatori passivi da 46,1 mm x 65,2 mm. Dotato di una batteria ricaricabile che promette circa 13 ore di autonomia (e un tempo di ricarica di poco più di due ore e mezza via USB micro) ha un raggio d’azione di 33 metri. Il device ha dimensioni ridotte: 104 mm in altezza e 95,3 mm di diametro per 420 grammi di peso. Sulla parte superiore di questo cilindro arrotondato troviamo il pulsante accensione, quello per il pairing, un tasto multifunzione e uno strap elastico per attaccare Wonderboom 2 a un moschettone o dove ci pare. Sulla parte inferiore c’è il tasto Outdoor Boost che aumenta in modo sensibile l’emissione sonora (ci torniamo dopo). Davanti i due enormi tasti più e meno che come sempre nei prodotti di UE, servono a regolare il volume.

Wonderboom 2 è fatto per essere usato in movimento e all’esterno e ha una certificazione IP67 (immersione in acqua a 1 metro per 30 minuti), un miglioramento alla certificazione IPX7 del primo Wonderboom. La novità è anche la possibilità di ottenere suono stereo collegando due Wonderboom 2 allo stesso device. Di solito si poteva collegare due speaker UE in modo da avere il doppio degli speaker ma non una vera separazione stereo. Con questa novità è possibile immaginare di usare una coppia di Wonderboom 2 non solo in giro ma anche per un uso stazionario, ad esempio su una scrivania o comunque in casa. Una buona idea che poteva arrivare prima… ma non stiamo a lamentarci ora! Terminiamo coi colori: bermuda blue, radical red, deep space black e crushed ice grey. Nomi bislacchi a parte, è quasi strano vedere UE offrire “solo” 4 colorazioni (la versione rosa arriverà più in là nel 2019)! Noi abbiamo la versione nera che è comunque molto stilosa (e che potete vedere nell’unbox in basso). Un ultima nota: è fatto per galleggiare se messo in acqua ma noi onestamente lo lasceremmo sul bordo, un po’ per essere sicuri di non sorpassare i famosi 30 minuti, un po’ perché si sente meglio se non ne occludiamo la metà con l’acqua!

Me lo porto in jet ski?

Wonderboom 2 non è un enorme passo avanti rispetto al primo, in effetti a vedersi è quasi identico. Piccolo ma sorprendentemente potente per la sua taglia, è un perfetto compagno di serate in compagnia. Una volta caricato per benino tramite la porta USB Micro (ma perché non Type-C? Vorremmo portarci un solo caricatore in vacanza, grazie!) siamo pronti per una lunga serata di festa. Il device, come detto, è bello potente di suo ma possiamo sempre optare per la modalità Outdoor Boost. Il volume aumenta di molto ma va detto che la qualità sonora decresce in modo quasi esponenziale. A volume massimo, è una festa di distorsioni fastidiosissime. Ma se regoliamo il volume verso la metà otterremo suoni più cristallini, medi più forti ma un basso meno incisivo… in generale questa modalità cambia l’equalizzazione d’uscita in modo che sia più udibile in zone ampie in cui non si può contare su riflessioni e rimbalzi. Ad essere onesti però preferiamo la modalità normale, il suono è più naturale e meno esacerbato.

Molto piacevole l’aggiunta, rispetto ad altri modelli di *boom di UE, di un tasto multifunzione. Una pressione mette in pausa, due salta una canzone… peccato che tre non facciano tornare indietro la canzone. E non potremo nemmeno gestire il device con l’app perché non supporta funzioni avanzate come ad esempio Google Assistant o la possibilità di usarlo come device vivavoce.

Conclusioni

Wonderboom 2 è un piccolo speaker con tanto volume anche se non può competere con un MegaBoom o SRS-XB41, più che altro si tratta di una questione di dimensioni fisiche! Il prezzo è un po’ alto, al momento 119 CHF presso retailer come Digitec. Wonderboom normale è venduto alla metà del prezzo, finché durano le scorte. Tuttavia a nostro avviso la maggiore robustezza, la possibilità di usarne due in stereo e la maggiore autonomia dovrebbero valere la spesa maggiore. Decidete voi!

Ci piace

  • Qualità audio
  • Autonomia
  • Robusto

Non ci piace

  • Niente Type-C
  • Niente funzioni smart
Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Twitter: @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.