The Walking Dead: The Telltale Series – A New Frontier

Scritto da il il Recensioni, 7 più
chiudi [x]

The Walking Dead season 3: Ties That Bind parte I e II

Le storie a tema zombesco stanno un po’ passando di moda. Perfino la serie tv The Walking Dead sta subendo una forte emorragia di pubblico, noi compresi. Tuttavia qualcosa legata a questo universo la attendevamo ancora con ansia: la terza stagione della serie di Telltale. I primi due episodi sono usciti ed è quindi ora di tornare in compagnia di Clem e dei walkers!

 

Povero nonnino

Telltale ha deciso di fare qualcosa di diverso dal solito. Invece di rilasciare un solo episodio e poi farci aspettare settimane per quello successivo ha deciso di rilasciare i primi due (di 5) episodi e poi, verosimilmente, farci aspettare settimane e settimane. Ma perché due episodi in una volta sola? Semplice! Perché si tratta della parte 1 e 2 di “Ties That Bind”, l’esplosivo inizio della terza stagione.

Nella season 3 impersoniamo Javi, giovane uomo che, come tutti, cerca di sopravvivere in un mondo infestato dagli zombie. Facciamo la sua conoscenza durante i primissimi istanti dell’apocalisse zombie: suo padre è appena defunto e, con grande sorpresa di tutti, torna in vita. Peccato che non sia un miracolo ma una terribile maledizione. L’uomo, oramai zombie, attacca la famiglia, annichilita dall’orrore… con risultati immaginabili. Ed eccoci catapultati a qualche anno di distanza. Javi è ancora vivo e si sposta continuamente in un minivan in compagnia della moglie del fratello, Kate e di due ragazzi. I quattro sono diventati una famiglia e sopravvivono raccogliendo qualsiasi tipo di cibo e carburante possibile. La discarica abbandonata in cui si sono fermati sembra un posto promettente e infatti, dopo qualche minuto, trovano cibo in quantità e benzina! Sfortunatamente per loro però anche un gruppo di uomini armati reclamano il bottino. Javi viene fatto prigioniero, Kate e i ragazzi riescono invece a nascondersi. Il gruppetto di manigoldi fa parte di un gruppo più grande e dalle regole piuttosto brutali. Le cose si mettono male per il protagonista: caricato su un camion in direzione della base di furfanti. Sulla strada però si abbatte un albero e, dalle ombre, compare una ragazzina armata di fucile a pompa. Quella ragazzina non è altri che Clementine…

Classico Walking Dead

Questa season 3 ha, come suo solito, i suoi colpi di scena. Non sono tutti shockanti ma alcuni di essi sono decisamente inattesi. Nei panni di Javi dovremo proteggere la famiglia, scegliere di chi fidarci e cercare di restare tutti d’un pezzo. Ma ovviamente noi vogliamo sapere di Clem! La ragazza è decisamente cresciuta rispetto alla bimba impaurita della stagione 1 e della pre adolescente piena di dubbi della stagione 2. In queste due puntata Clem è diventata una vera badass navigata: armata fino ai denti, forte sia nello spirito che nella volontà. Ha visto molto e perso troppo per non essere diventata forte. Durante gli episodi la ragazza vivrà diversi flashback del periodo in cui aveva ancora sulle spalle l’infante di cui si era fatta carico nella stagione 2. In questi momenti siamo noi a compiere le decisioni per lei, dandoci almeno una minima occasione di giocare nei suoi panni.

Per quanto riguarda il resto del cast troviamo la dottoressa dal cuore d’oro, il capo giusto e onorevole, il cuore infranto… i classici componenti di una miscela che promette emozioni e che, in buona parte, in effetti sa dare. Questo inizio di terza stagione non cambia la formula di Telltale con scelte a tempo, discorsi a bivi e quella sensazione che, nonostante le nostre decisioni, la storia vada comunque un po’ troppo nella direzione voluta dai suoi autori. L’esempio più emblematico di questa stagione accade nell’episodio due: su una barricata possiamo decidere se parlare o sparare. Peccato che se decidiamo di sparare non ci sia la possibilità di andare davvero fino in fondo: quando i cattivi attaccano con un camion c’è tutto il tempo per sparare all’autista ma il gioco non ce ne dà la possibilità: come se il fatto che il mezzo debba comunque, per ragioni di trama, sfondare la barricata su cui ci troviamo. Ma allora perché darci una scelta?

Speranze per la stagione

Javi è ok come personaggio. Ha le sue motivazioni, il suo passato, i suoi doveri. Ma risulta difficile, per noi giocatori, immedesimarci in lui e sentirci emotivamente legati a lui. Dopo due intere stagioni in cui, volenti o nolenti, Clem era il punto focale, vogliamo saperne di più su di lei. Che è successo dalla fine della stagione 2 all’inizio della terza? Ci siamo sacrificati per lei nella prima season, l’abbiamo guidata attraverso scelte e situazioni impossibili nella seconda, ora dobbiamo sapere. Che è successo al neonato? Cos’ha reso Clem così dura e solitaria? Le nostre speranze sono tutte riposte nei tre prossimi episodi.

Vi conviene giocare alla season 3 senza aver giocato alle prime due? Secondo noi, no. Non solo perché il gioco ci permette di importare le scelte fatte nelle stagioni precedenti da qualsiasi piattaforma (abbiamo dovuto ripescare la Xbox 360 dall’armadio per poter caricare i vecchi salvataggi online per poi usarli su PC) ma specialmente perché senza sapere cos’è successo prima, questa nuova storia mancherebbe di almeno la metà del suo interesse. Se volete iniziare, recuperate la season 1 e 2 (gli spinoff invece sono decisamente meno importanti per l’arco narrativo).

 

Ci piace

  • Clementine
  • Colpi di scena
  • Possibile importare i vecchi salvataggi

Non ci piace

  • Javi è meno intressante di Clem
  • Illusione della scelta
5
Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad. Appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.

Joypad è membro di