The Elder Scrolls Online

Scritto da il il Recensioni, 4 più
chiudi [x]

The Elder Scrolls Online: Elsweyr

Dopo l’annuncio di Gennaio di quest’anno, il 4 giugno viene lanciata Elsweyr, la più ambiziosa e succulenta espansione del MMORPG pubblicato da Bethesda, The Elder Scrolls Online. Noi abbiamo provato la versione per Xbox One e ne siamo stati particolarmente entusiasti. Ecco la nostra recensione.

Nuovo mondo, tante novità!

Prima di tutto parliamo della nuova ambientazione di gioco. Visiteremo la terra natia dei Khajiit (i nostri micioni preferiti). Le dimensioni della nuova mappa sono equilibrate, ne troppo grandi ne troppo piccole. Qui rincontreremo una minaccia che, rispetto alla Quarta Era di Skyrim, nell’antica Seconda Era di The Elder Scrolls Online è infinitamente più rara e meno conosciuta… stiamo parlando dei temibili Draghi! Oltre questi fantastici bestioni avremo l’opportunità di riutilizzare la razza dei Khajiit, con tante nuove sotto-razze legate alla varie fasi lunari delle 2 lune di Nirn (Masser, la più grande, conosciuta anche come Jode in lingua Khajiiti e Secunda, la più piccola, chiamata anche Jone) in cui sono nati. Tra le sotto-razze Khajiit troviamo: i Cathay che abbiamo conosciuto in Oblivion e Skyrim, i Suthay-raht di Morrowind, gli Ohmes-raht di Daggerfall e gli Ohmes veri e propri di Arena. Oltre a queste sotto-razze possiamo incontrare anche i misteriosi Mane, derivati da una terza luna sconosciuta, e i Pahmar-raht, mentre tra i quadrupedi troviamo i bellissimi Alfiq e i bestioni Senche-rah. Sono una ventina circa le combinazioni possibili. Quindi oltre alla scelta della fazione di appartenenza, la scelta della razza Khajiit influisce relativamente sulla quotidianità vissuta del giocatore. Il nome di quest’espansione è il nome della terra natia dei Khajiit che è composta da deserti sabbiosi, savane e praterie più fertili (composte raramente da alcune oasi), ed infine formazioni rocciose composti da canyon e appezzamenti coltivati. E per finire arriva l’aggiunta che tutti noi giocatori di vecchia data degli MMORPG attendevamo… la classe del Negromante, ma di quella ne parleremo più dettagliatamente in seguito. 

I draghi sono tornati!

Ebbene si, siamo in piena Stagione del Drago e quindi la comparsa di enormi draghi che ci svolazzeranno sopra le nostre teste sarà all’ordine del giorno. Sarà una bella sfida affrontarli con i nostri PG, soprattutto per il fatto che non siamo il Sangue di Drago, e quindi potremo affidarci soltanto alle nostre spade e magie. Il trucco per sconfiggerli e il lavoro di squadra, infatti la comparsa di un drago verrà segnalata a tutti i giocatori nell’area circostante con una specifica icona che sicuramente attirerà orde di giocatori pronti a combattere e morire. Questo evento viene chiamato Dragon Hunt, ovvero dei veri e propri eventi pubblici, un po’ come le Dark Anchor o gli Abyssal Geyser di Summerset. L’unica differenza sta nel fatto che le Dragon Hunt non sono fattibili in solo (ci abbiamo provato più di una volta ma non è mai finita bene).

Il Negromante

Eccola qui, la classe preferita di molti giocatori di MMORPG. Volete farvi il vostro esercito personale di Non Morti, evocare grandi bestioni ossuti, lanciare enormi teschi in faccia al vostro nemico per poi assorbirne la forza vitale e colpirlo con la vostra gigantesca falce da Cupo Mietitore? Beh il Negromante è la classe giusta per voi. Le linee delle skill a cui dovrete badare sono: Grave Lord se vorrete evocare il vostro esercito di Non Morti, Bone Tyrant per rendere la vostra falce un arma infallibile e guadagnare parecchie abilità molto fighe e la possibilità di trasformarsi in Non Morto ed in fine il nostro ramo preferito (legato alla build che abbiamo scelto per il nostro personaggio) il Living Death, ovvero l’Healer dei Non Morti. Il Negromante, come le altre classi del gioco, dà al giocatore la possibilità di coprire tutti i ruoli possibili.

E c’è dell’altro…

Elsweyr ci propone tante nuove aggiunte. Oltre a tutto quello descritto fino adesso (che non è per niente poco) affronteremo nuovi world boss e public dungeon, delve, troveremo nuovi skyshard e lorebook, che ci daranno una panoramica migliore sulla storia di questa nuova espansione e naturalmente ci fanno accumulare punti con la Gilda dei Maghi. Un nuovo Trial da 12 partecipanti, Sunspire, dove affronteremo un drago d’oro e altri 2 Boss draconici e… molto altro ancora. Per quanto riguarda il PvP, fanno la comparsa gli Artefatti, ovvero speciali armi leggendarie, che spawnano fino a cinque volte al giorno in punti casuali di Cyrodiil e che possono essere impugnate soltanto da un giocatore per volta. Il primo che che riesce ad ottenere una di queste formidabili armi ne ottiene il potere, che va continuamente alimentato con imprese eroiche in ambito PvP, questo per evitare che finiscano per nutrirsi della nostra stessa essenza vitale.

Khajiiti pucciosi

Draghi, Negromanti, Khajiiti pucciosi, una nuova terra da esplorare ricca di nuove attività e una lore più che solida… cosa volete di più? Elsweyr è sicuramente l’espansione di The Elder Scrolls Online più completa e succulenta di sempre che, in aggiunta a tutte le altre, rende il gioco uno degli MMO attuali migliori in circolazione. Per chi come noi ha già dei trascorsi con questo fantastico gioco rimarrà pienamente soddisfatto e si aggiungeranno parecchie ore divertenti di gioco. Per tutti gli altri che si avvicinano per la prima volta a questo titolo è un ottima occasione per incominciare, ora che il gioco è più completo e divertente che mai. Peccato solo che sia ancora tutto in inglese…

Ci piace

  • Ambientazioni stupende
  • I draghiiiiii
  • Tante nuove aggiunte e storia ben strutturata

Non ci piace

  • Giocato da soli perde un po
  • Ancora niente localizzazione italiana
4.75
Alberto Foroni

Scritto da : Alberto Foroni

Cameraman - Videomaker un tempo youtuber ma da sempre appassionato di videogames

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.