Sony WH-1000XM2

Scritto da il il Recensioni Hardware, 2 più

Sony WH-1000XM2

Adoriamo quando ci mettono fretta nello scrivere le recensioni! Ma quando si parla di top di gamma, forse siamo più inclini a perdonare la fretta di Sony nel riavere le WH-1000XM2, forse. Comunque, dopo averci speso una settimanella abbondante, siamo comunque pronti per parlare di queste cuffie davvero interessanti.

 

 

Questione d’orecchio

Le WH-1000XM2 non sono le solite cuffie da gaming che recensiamo su Joypad. Anzi, non sono cuffie da gaming punto e basta. Qui entriamo nel complesso, misterioso e a tratti intimidatorio mondo dell’audio d’alta gamma. Un terreno scivoloso e, solitamente, il cui accesso si fa proibitivo a causa dei prezzi esorbitanti. Ma prima di tutto, cominciamo dalle specifiche tecniche dure e pure. Le WH-1000XM2 sono cuffie stereo, dotate di driver da 40 mm, compatibili sia Bluetooth 4.1, che NFC che il buon vecchio cavo audio jack. Usando quest’ultimo la risposta in frequenza di questo headset è assolutamente impressionante: 4 Hz – 40’000 Hz, mentre se usiamo Bluetooth dobbiamo accontentarci di 20 Hz – 20’000 Hz. Usando il cavo insomma abbiamo tra le mani qualcosa di davvero speciale, unito ad un’impedenza di 46 Ohm (a 1 KHz) se le usiamo accese oppure 14 Ohm (sempre a 1 kHz) se sono spente (dati ovviamente riferiti alla connessione cablata). Molto interessante anche la sensibilità: 103 dB/ mW con l’unità accesa e cablata.

Varie tecnologie sono state incluse da Sony nelle WH-1000XM2: DSEE HX, S-Master HX, supporto a SBC, AAC, aptX, aptX HD, LDAC e SCMS-T. Tutte cose che di solito non leggiamo nella descrizione dei prodotti… Ovviamente le WH-1000XM2 supportano anche la cancellazione del rumore, ma ci torneremo. Interessante l’autonomia: 30 ore con NFC acceso, 38 con NFC spento e 4 ore per ricaricare il device. In poche parole, non abbiamo mai dovuto ricaricare le cuffie nel periodo di test pur utilizzandole da 2 a 3 ore al giorno! Davvero niente male. Il padiglione destro è caratterizzato da una superfice sensibile al tatto che permette di usare diverse gestures quali avanti, indietro, volume su giù oltre che attivare l’assistente vocale (Google o Siri) e mettere in pausa. Per finire il peso: 275 grammi, ovvero piuttosto maledettamente leggere per quello che sono in grado di fare!

Pure bliss!

Le WH-1000XM2 sono cuffie portatili e vengono vendute con un comodo case in stoffa per proteggerle. E dannazione se non sono delle ottime compagne di viaggio! La prima volta che le indossiamo possiamo (anche se in effetti, sarebbe meglio che siamo caldamente invitati a) seguire una procedura guidata tramite smartphone nell’app specifica “Headphones” per calibrarle in base alle nostre caratteristiche fisiche. Le WH-1000XM2 misurano dettagli quali l’ambiente circostante, la pressione, la nostra capigliatura (sul serio!) in modo da proporre il miglior noise cancel possibile. E la cosa funziona talmente bene che una volta attivo e con della musica in riproduzione (anche a volume piuttosto basso!) siamo davvero isolati dal mondo. Il sistema funziona così bene in tandem con i padiglioni over-hears che Sony ha inserito una modalità “suono ambientale” che si avvale del microfono delle cuffie per farci sentire cosa succede attorno a noi! Suono ambientale si attiva solitamente quando l’headset si accorge che siamo in movimento, sia a piedi o sui mezzi pubblici.

L’app si preoccuperà di attivare il profilo corretto in base al tipo di spostamento, offrendoci pure la possibilità di modificarne l’efficacia (ad esempio nella modalità mezzi pubblici possiamo selezionare il livello di rumore prodotto dal movimento del bus, treno, aereo). È difficile spiegare a parole l’effetto risultante di tutta questa tecnologia ma tutte le persone a cui abbiamo fatto provare le cuffie sono rimaste positivamente sorprese. È un po’ come infilare la testa in una boccia di vetro sott’acqua ma molto più piacevole. Il risultato è che, ancor prima di ascoltare musica, queste cuffie ci sono piaciute. Se viaggiate tanto come noi o lavorate in un ambiente rumoroso, le WH-1000XM2 sono una meravigliosa barriera tra voi e il mondo esterno. La gestione automatica del noise cancel può essere disattivata ma i vari livelli e combinazioni (in modalità statica ci permettono comunque di sentire se qualcuno parla forte per attirare la nostra attenzione, camminando un po’ di ambient noise ci permette di evitare incidenti fatali e in transport mode invece non sentiamo più niente) sono un tocco decisamente di classe.

 

Dipende dalla sorgente

Le performances musicali di queste WH-1000XM2 dipendono enormemente dalla sorgente. In modalità Bluetooth, che stiate usando una sorgente di qualità o un servizio di streaming tipo Spotify non otterrete il massimo della qualità. Collegarle al PC direttamente significa sentire i disturbi prodotti dal PC. L’idea migliore è usare un DAC esterno e dei files lossless o comunque di qualità alta. A questo punto le WH-1000XM2 sono maledettamente buone. Niente bassi esagerati, niente mid che si perdono, niente acuti che stridono. Queste cuffie sono decisamente di qualità e offrono un’esperienza d’ascolto calibrata, curata e sempre all’altezza della situazione. Molte cuffie tendono ad esagerare i bassi, per offrire quella che sembra essere un’esperienza d’ascolto più coinvolgente quando in realtà è solo stravolta. Sony con le WH-1000XM2 non ha avuto bisogno di imbrogliare.

Non proprio per tutti però…

Le WH-1000XM2 sono delle cuffie molto impressionanti. Ad un prezzo che gravita attorno ai 400 CHF, non ci aspettavamo niente di meno però! Confortevoli, zeppe di features comode e sensate e con un noise cancel ultraterreno che ce ne ha fatto innamorare. Detto questo, si tratta di un prodotto quasi di nicchia, visto il prezzo d’entrata di parecchio sopra la media dei prodotti che recensiamo su Joypad. Specialmente se state cercando una periferica fa gioco, qui siete di parecchio fuori strada. Se invece però volete investire in un prodotto che, a differenza di altri brand più gggiovani e scanzonati (sì, parliamo proprio di te, Beats, con le tue cuffie maledettamente troppo care per quello che offorno!), saprà davvero ripagare la spesa fatta. Nelle WH-1000XM2 abbiamo trovato solo una cosa negativa: la gesture pausa funziona una voltà sì e una no. Per il resto, considerateci convinti.

 

Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Twitter: @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.