Sonic Boom: Fuoco e Ghiaccio

Scritto da il il Recensioni, 4 più
chiudi [x]

Sonic Boom: Fuoco e Ghiaccio

Torna il porcospino più amato del mondo, in un nuovo capitolo della serie, discussa sia nel bene che nel male, chiamata Sonic Boom. Ne avevamo già parlato diverso tempo fa, dove diversi pareri di opinioni, non apprezzavano in modo particolare i nuovi tratti personali e caratteristici dei personaggi principali. Inoltre era stato aggiunto un nuovo folle personaggio, dal nome Sticks, che a livello di personalità si potrebbe dire che non ha tutte le rotelle a posto. Ma risulta di grande carattere e con un cuore d’oro e, purtroppo, a volte anche troppo. D’altro canto, grazie soprattutto all’anime in onda su diverse reti televisive, Sonic Boom, riscuote un successo enorme, anche se realmente tutti gli amanti della serie di Sonic the Hedgeog aspettano solamente i nuovi “veri” capitoli che usciranno il prossimo anno intitolati Sonic Mania e Project Sonic 2017. Ovviamente il titolo di quest’ultimo non sarà quello definitivo. Ma torniamo a palare di Sonic Boom: Fuoco e Ghiaccio, titolo sviluppato, per fortuna, sempre da Sanzaru Game per la console portatile di Nintendo. Creatori del precedente capitolo (sempre su console portatile), dove erano riusciti a fare più che un egregio lavoro sulla giocabilità e sulla velocità, di questo jump & run che vive dagli anni ’90.

ci_3ds_sonicboomfireandice_heroes-1_image912w

Storia:

Facciamo innanzitutto una premessa: la serie di Sonic Boom è legata fortemente all’anime. Ciò comporta che dialoghi e battute potrebbero non essere conformi alla serie “classica” del porcospino, anche perché è uno spin-off. Detto questo, in Sonic Boom: Ghiaccio e Fuoco, potrebbe essere benissimo un episodio del cartone animato, del quale si situa benissimo è successiva rispetto i precedenti capitoli usciti nel 2014 su 3DS e Wii U.
Il caro dr. Eggman, ha scoperto un potente minerale: la magnite. Grazie al suo potere di carburazione, vuole costruire dei robot velocissimi in grado di umiliare, una volta per tutte, il suo acerrimo nemico Sonic. Per l’estrazione del sottosuolo, si affida alla sua ultima creazione Magnabot, un potentissimo robot con un’incredibile forza bio-magnetica in grado di estrarre tutto il minerale dalla zona. Purtroppo, durante la fase di collaudo, Magnabot si rileva un disastro, ed invece di attirare la magnite, attira verso di sé tutto il resto. Scocciato e seccato, il Dr. Eggman lo rinomina D-Fecto, dimostrando verso di lui tutto il suo disprezzo. Il povero D-Fecto, che provava grande ammirazione verso il suo creatore, cerca di rimediare in qualche modo, cercando di aprire dei geyser di energia fatti di fuoco e ghiaccio.
Amy e Sonic riescono ad assorbire, durante un’esplosione, questo potere dentro i loro dispositivi, che si rivelerà un’ottima soluzione per chiudere questi geyser, che potrebbero distruggere tutto il mondo in cui vivono.
Toccherà all’intera squadra composta da: Sonic, Amy, Tails, Knuckles e Sticks, a fermare la potenza incontrollata di D-Fecto e fermare i piani malvagi del Dr. Eggman nell’estrazione di magnite.

ci7_dfect_image266w

Gameplay:

Come il precedente capitolo: Sonic Boom frammenti di cristallo, si rileva un ottimo platform 2.5D, dove si sarà alle prese di un gameplay fluido e veloce. Oltre i “vecchi” poteri, tra cui aggrapparsi con il raggio, si avrà la possibilità di controllare i due elementi naturali. Grazie a questo potere, infatti, si potrà sciogliere o congelare i vari blocchi di ghiaccio sparsi per i vari livelli. Inoltre, a dipendenza del personaggio, tale potere si incanalerà nell’arma (come per esempio in Sticks dentro il suo boomerang).
Si viaggerà principalmente in 6 mondi, dove si avranno quattro tipi di modalità di gioco. La prima è la classica avventura platform a scorrimento orizzontale, dove si dovrà principalmente raccogliere degli oggetti speciali e finire entro un tempo limite. Facendo questo, oltre ad ottenere il 100% della zona, si raccoglierà della magnite in grado di comprare potenziamenti o contenuti speciali come: artwork o robot per il multiplayer locale. È possibile raccogliere questo materiale anche distruggendo i robot nemici, oppure, raccogliendo in determinati momenti ed entro un tempo limite, dei frammenti di un oggetto.

sb-adv

Un’altra modalità presente è il tunnel delle fessure. Qui si controllerà solo Sonic in una visuale 3D, nel quale si dovrà correre più velocemente possibile raccogliendo i ring sparsi per l’area, facendo attenzione alle varie trappole sul percorso. Correndo in questa “specie di ottagono”, basterà semplicemente muoversi a sinistra o a destra per passare da una piattaforma all’altra, aggrapparsi alle rotaie con il raggio e raccogliere i frammenti blu. La terza si tratta di una gara di velocità tra Sonic e i robot alla magnite del Dr. Eggman. Qui si dovrà correre in un circuito ad ostacoli, sfruttando tutte le abilità del personaggio principale per arrivare primi al traguardo alla fine dei tre giri. L’ultima modalità, sono due minigiochi di Tails. In una bisognerà, tramite il suo sottomarino giocattolo, raccogliere dalle profondità delle acque dei pezzi di collezionabile, facendo attenzione alle bombe e a non finire l’energia. Mentre nell’altra si controllerà un howercraft in un livello a scorrimento verticale, dove, anche in questo caso, bisognerà evitare le bombe, raccogliere il collezionabile e fare attenzione all’energia (che può essere ricaricata con degli oggetti) per arrivare alla fine.
Nella modalità avventura ci saranno degli ostacoli che solo un personaggio tra i cinque eroi sarà in grado di superare. Per esempio Amy, grazie al suo martello, potrà abbassare dei piastri, oppure Tails, con il suo Blaster, potrà distruggere delle pareti. Diciamo che è un piccolo incentivo per cambiare il personaggio, invece di usare sempre Sonic.

sb-avventura

Ormai non è perfetto:

Ecco partiamo proprio da quest’ultima caratteristica. L’idea di avere cinque personaggi, tutti con abilità uniche, sembrerebbe fantastico e l’idea è buona. Ma purtroppo nel complessivo, si utilizzeranno veramente pochissimo. Penso che Knuckles l’avrò usato a dir tanto 3 o 4 volte, stessa cosa per Sticks.
Un altro grande difetto è quella della modalità multiplayer. È disponibile una zona, o meglio una nave, dove sarà possibile acquistare dei robot per le gare e sfidare i propri amici nei tracciati in cui abbiamo sfidato le creazioni del Dr. Eggman. Purtroppo penso che forse l’1% di chi possiederà questo titolo potrà mai sfruttarlo, anche perché richiede di avere un altro utente in possesso di un’altra console e titolo, vicino a noi. Peccato perché passa anche la voglia di raccogliere magnite, o altri collezionabili, per sbloccare nuovi robot da gara. Sarebbe stato molto più interessante introdurre delle gare online con altri utenti o, ancora meglio, sfidare il computer in gare a tempo. Giusto per darti la soddisfazione di esserti guadagnato la possibilità di sbloccare questi sbloccabili.

sb-gara

Un altro punto negativo è la casa di Amy. Qui si potrà, raccogliendo gli oggetti a forma di martello sparsi per la modalità avventura, modificare l’aspetto del martello di Amy. Peccato che a livello di funzionalità non serve proprio a niente. Nessun potenziamento e nessuna abilità nuova. Serve solo per cambiare la “skin” e basta.
La parte Streetpass dovrebbe, grazie ad altri utenti, far ottenere magnite. Peccato che quando si entra in gioco, non te ne rendi conto di quanta ne hai ricevuto e, tanto meno, se veramente è cambiato qualcosa. Siamo andati a leggere perfino sul manuale se, magari, bisognava andare in un determinato luogo per ottenerla, ma ovviamente, senza risultato. Deduciamo che forse viene caricato in automatico al contattore, ma non ci voleva molto a creare una finestra che ti informava cosa avevi guadagnato.
La parte stereoscopica è quasi assente e la difficoltà risulta un po’ troppo facile. Infatti si riuscirà tranquillamente a completare tutto il gioco in pochi giorni.

Conclusione:

D’altro canto, Sonic Boom: Fuoco e Ghiaccio è un titolo veloce divertente ed interessante. I filmati in stile anime accompagnano perfettamente il corso dell’avventura ed è anche doppiato perfettamente in italiano.
Concludendo, che dire, si tratta di un bello “spin-off” da spenderci qualche ora, che per gli amanti di Sonic potrebbe far più che piacere giocarci. Ma restiamo più che convinti che il vero successo lo vedremmo il prossimo anno con i nuovi titoli.

 

 

Ci piace

  • Gameplay veloce
  • Storia
  • Diverse modalità di gioco

Non ci piace

  • Personaggi poco utilizzati
  • Multiplayer locale privo di significato
  • Collezionabili senza senso
  • Troppo facile
4.5
Neme

Scritto da : Neme

Diplomato in Digital Graphic Computer Animation, sviluppatore web e grafico pubblicitario con una passione nello sviluppo di videogiochi. Nato negli anni d'oro dell'intrattenimento videoludico, ha incominciato la sua passione da ragazzino con i Game&Watch e il MegaDrive per poi passare a tutte le piattaforme.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.