Silence

Scritto da il il Recensioni, 4 più
chiudi [x]

Silence: The Whispered World 2

Silence è il nome di un mondo particolare, che fa da frontiera tra la vita e la morte. Noah e Renie, i protagonisti del gioco, si ritrovano loro malgrado in questo luogo onirico e il vostro compito sarà quello di aiutarli a ritrovare il cammino per la realtà. Il seguito di The Whispered World, avventura grafica del 2009, ci aveva impressionato alla Gamescom 2016 e è giunto infine il momento di scoprire se le nostre aspettative sono state soste soddisfatte da Daedalic!

L’inizio di una guerra spinge Noah e Renie, due fratellini orfani, a fuggire dalle esplosioni e a rifugiarsi in un bunker. Mentre le bombe continuano a piovere dal cielo, Noah cerca di occuparsi come può della piccola Renie: riesce a tranquillizzarla solo raccontandole l’avventura del clown triste Sadwick e del bruco Spot nel mondo di Silence. Un improvviso bombardamento, ben più violento del solito, scuote però il rifugio e fa scomparire Renie. Il ragazzo si dispera e cerca la sorellina fra le macerie del bunker, duramente toccato dall’ultimo attacco subito. Così facendo, apre un passaggio che lo porta a Silence, dove rapidamente incontra il tenero Spot e Kyra. Quest’ultima è una graziosa e grintosa guerriera a capo di un gruppo di resistenza di cui fanno parte anche i suoi compagni Sam e Janus; insieme, il manipolo di eroi cerca di rovesciare la malvagia Falsa Regina e di salvare il mondo di Silence dalla distruzione. Intanto che l’avventura si dipana, dei conflitti di scopi e vedute appaiono fra i due fratellini e i rivoluzionari: i primi cercano principalmente di trovare l’uscita da Silence, mentre i secondi mirano a riportare la vita nel loro mondo e a salvarlo dalla distruzione. Al contempo, Renie dimostra di essere ben più forte e temeraria di quel che può sembrare a prima vista e Noah lascia invece trasparire un carattere più debole e parecchia insicurezza.

Silence è una fiaba moderna, che parla dell’avventura iniziatica dei due fratelli e che non esita a trattare tematiche complicate alternando con grande efficacia delicatezza, humor, immagini simboliche e un tono malinconico. La storia in quanto tale non offre forse particolari colpi di scena, dato che riuscirete quasi sempre a intuire il seguito delle vicende con più o meno grande anticipo. Ciononostante, la narrazione è scorrevole e vi lascerete trasportare facilmente nel mondo di Silence, soprattutto grazie alle interazioni con i personaggi che incontrerete, tutti caratterizzati splendidamente e molto carismatici. Peccato però che Kyra, Sam, Janus e altri ancora siano un po’ accantonati verso la fine della storia e vi dispiacerà di non sapere per davvero quale sia il loro destino.

Misteri e enigmi silenti

Silence è un’avventura grafica in tre dimensioni, nella quale dovete principalmente muovervi con la levetta sinistra del joypad e utilizzare un bottone per interagire con gli oggetti o per dialogare con gli altri personaggi. Ogni azione è contestuale: il gioco sceglie dunque per voi il tipo di interazione e l’oggetto raccolto da utilizzare, senza bisogno di dover consultare un inventario, di combinarne il contenuto o di dire come usare ciò che avete racimolato durante il viaggio. Una particolarità di Silence è data dalla capacità di Spot di cambiare forma: premendo il giusto tasto, il bruco può infatti appiattirsi, gonfiarsi come una palla, assumere il suo aspetto originale e addirittura assimilare sostanze che, per esempio, lo infiammano o gli permettono di volare. Questo dono è fondamentale per risolvere gli enigmi e gli sviluppatori ne hanno probabilmente abusato un po’, proponendovi più volte dei quesiti da risolvere nello stesso modo. La varietà delle meccaniche è comunque garantita: oltre alle interazioni appena descritte, vi sarà anche proposto di trovare la soluzione a qualche raro puzzle e di riuscire dei semplici mini giochi, come restare in equilibrio su un pallone o volare fra le nuvole.

Silence è abbastanza facile e difficilmente resterete bloccati a lungo per via di un enigma troppo complesso. Questa semplicità è legata all’approccio un po’ dirigista dato dalle azioni contestuali e alla mancanza di un inventario in cui combinare i vostri oggetti. Inoltre, un oggetto raccolto è solitamente usato nella stessa scena in cui l’avete trovato o comunque poco distante. Per allungare un’esperienza di gioco che dura tra le sei e le otto ore, vale la pena evitare di dare un’occhiata agli aiuti o, ancora meglio, disattivarli nelle opzioni.

Un mondo da fiaba

Silence è un gioiello dal punto di vista grafico: i personaggi e le loro espressioni sembrano quelli di un film della Disney, le animazioni sono estremamente curate e i fondali sono dettagliati all’inverosimile. Le scene sono così belle che a volte rimpiangerete di doverle attraversare troppo rapidamente per via di alcuni enigmi troppo semplici. La ricchezza di dettagli è ancor più sorprendente se pensate che i creatori sono passati dalla rappresentazione in due dimensioni del primo The Whispered World a una in 3D per questo nuovo episodio. Alla Gamescom 2016 gli sviluppatori ci avevano spiegato il procedimento usato per ottenere un tale risultato: dapprima gli artisti hanno dipinto le scene, poi hanno costruito gli elementi tridimensionali e infine hanno corretto o ridipinto le immagini applicate ai modelli 3D.
Dal punto di vista sonoro, la recitazione in inglese (o in tedesco o in polacco, se preferite) è piuttosto buona e convincente. Le musiche passano dal molto ben fatto all’eccelso e ricorderete a lungo un paio di scene, orchestrate magnificamente.

Un’avventura piacevole

Senza troppi giri di parole, diciamo subito che Silence ci è piaciuto per davvero. Il mondo creato dagli sviluppatori tedeschi è magnifico e i personaggi sono accattivanti. Fra questi, una menzione speciale va a Renie: se nei videogiochi i bambini sono spesso pedanti, in Silence la giovane eroina è simpatica, dolce, temeraria e capace di attirare quasi subito le vostre simpatie. L’ottima caratterizzazione dei personaggi è fondamentale per farvi immergere in una storia fiabesca che è forse un po’ scontata, ma che è anche capace di trattare con un humor e sensibilità delle tematiche estremamente complesse, senza mai cadere in semplici moralismi e nella banalità. Purtroppo, Silence è afflitto anche da qualche difetto, che non intacca comunque l’esperienza globale di gioco: per esempio, alcuni comprimari vengono lasciati in disparte di colpo, la difficoltà generale tende a essere troppo bassa, l’avventura è un po’ corta e la storia è a tratti un po’ frammentata.
Vi domandate dunque se vale la pena giocare a Silence? La risposta è di certo affermativa – ancor più se siete neofiti che vogliono scoprire il genere! -, con una riserva: gli appassionati di avventure grafiche che si sono fatti le ossa con i mastodonti di 20-25 anni fa potrebbero essere delusi dalla semplicità degli enigmi e dalla vicenda un po’ corta!

 

 

Ci piace

  • Splendido dal punto di vista estetico
  • Tutti i personaggi sono carismatici e ben pensati
  • La storia narrata con sensibilità

Non ci piace

  • Semplicità degli enigmi
  • Un po’ corto
  • Alcuni personaggi dimenticati alla fine della storia
5
Mauri

Scritto da : Mauri

Alle fiere, sarà più facile trovarlo attorno alle hostess che a una demo...

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.