Sennheiser CX 400BT True Wireless

Scritto da il il Recensioni Hardware, 5 più

Sennheiser CX 400BT True Wireless

Che problema ha Sennheiser coi nomi corti e semplici? Non lo capiremo mai, visto che il prodotto che recensiamo oggi si chiama Sennheiser CX 400BT True Wireless.

Siccome ci piacciono le cose semplici, le chiameremo 400BT per brevità, ok?

Shoot for the stars!

400BT sono, come l’avrete intuito, earbuds wireless prodotte dal marchio tedesco Sennheiser. Sono posizionate sul midrange per quanto riguarda il design ma, tenendo fede alla propria reputazione, la qualità audio invece è sorprendentemente buona. Ma andiamo con ordine. 400BT sono earbud da 6 grammi l’uno, estremamente leggere. Per trasportarle e ricaricarle vanno inserite nell’apposito case di dimensioni 59 x 33.8 x 42.3 mm e 49 grammi complessivi di peso. Il case si ricarica via porta Type-C e permette di ottenere 1 ora di riproduzione musicale con una carica di appena 10 minuti e una carica completa in un ora e mezza. L’autonomia complessiva è di 7 ore per le earbud da sole e 20 se esauriamo completamente anche la batteria del case. Le cuffie hanno una risposta in frequenza da 5 a 21’000 Hz (100 a 10 kHz per il microfono) prodotte dal minuscolo driver dinamico da 7 mm. Alti dati utili sono i profili supportati, A2DP, AVRCP, HSP, HFP e i codec che possiamo usare, SBC, AAC, aptX. La gestione delle earbuds si fa tramite l’app Sennheiser Smart Control App disponibile sia su Android che iOS.

Il design delle 400BT non è un granché, specialmente se le provate subito dopo aver usato per un po’ le Galaxy Beans, pardon, Galaxy Live. Sono squadrate, grosse, avanzano fuori parecchio dalle orecchie. In più hanno un “bel” logone visibile di Sennheiser in bianco su nero. Insomma, un po’ come le Momentum True Wireless 2, il design ci soddisfa poco (ma a onor di cronaca, le MTW2 avevano un design più piacevole!). Condividono però anche un’altra cosa con le cuffie recensite lo scorso aprile, i driver da 7mm. Al netto della cancellazione del rumore attiva, non presente nelle 400BT, la qualità della riproduzione sonora rimane davvero buona. Ottimi bassi, acuti puliti, midrange chiari… 400BT ci ricordano perché Sennheiser ha la reputazione che ha! Sennheiser permette all’utente di modificare la risposta delle earbuds tramite la sua app ma con un equalizzatore che più basico di così si muore.

In pratica possiamo regolare solo un punto della curva e il resto seguirà da solo in modo automatico. Comprendiamo la necessità di fornire opzioni facilitate ma diamine datemi una versione avanzata e non quelle tre barre che fate passare per EQ avanzato! Durante il nostro test abbiamo notato lo stacco in qualità in modo particolare dopo aver finito di testare le Buds Live, semplicemente non ci sono paragoni. Certo, il vantaggio delle 400BT è che si infilano nel canale auricolare, chiudendo parecchio rumore esterno ottenendo in cambio la possibilità di brillare di più dell’offerta di Samsung. Abbiamo apprezzato moltissimo il sound stage di queste earbuds, sia nell’ascolto di musica in streaming che per guardare film, YouTube e telefonate. A proposito di quest’ultime, l’audio in chiamata è soddisfacente, la voce arriva sufficientemente chiara al nostro interlocutore anche se in situazioni di forti rumori ambientali la tendenza è un po’ al ribasso.

Da qualche parte si doveva pur tagliare

400BT suonano alla grande ma non tutto è perfetto. Iniziamo col citare che non hanno una carica wireless nel case, non hanno un rating IP (niente acqua ma nemmeno sudore, quindi se le usate per fare sport è a vostro rischio e pericolo) e, come detto, niente riduzione del rumore ambientale (ANC). Anche il design è un po’ tanto massello e decisamente non è per tutti i gusti. Un’altra criticità che abbiamo notato è che i controlli touch sono troppo sensibili. Durante le nostre settimane di test abbiamo finito per premere “pausa” o altre gestures per errore una quantità notevole di volte. A onor del vero anche le Buds Live hanno dimostrato la stessa fastidiosa abitudine. Non abbiamo ovviamente una soluzione magica da proporre però bisogna, a nostro modo di vedere, lavorare un po’ in questa direzione per fornire un’esperienza utente migliore.

Arriviamo dunque al punto focale della nostra recensione: il rapporto features/prezzo. La qualità non entra nel discorso, visto che è ottima. Le MTW2 che abbiamo recensito in primavera hanno il feature set completo e, al momento della pubblicazione di questa recensione, costano 306 CHF per il modello bianco. Le 400BT non ci sono su Digitec ma sul sito ufficiale di Sennheiser vengono 229 CHF. Lo scarto è poco meno di 100CHF dunque. Per essere l’offerta meno cara del marchio tedesco (in termini relativi “meno caro”) abbiamo comunque parecchie features di qualità di vita in meno. Certo, le cuffie suonano bene come le più care MTW2 ma l’ANC ci è mancato parecchio, così come la funzione Transparent Hearing. Manca anche la pausa automatica quando togliamo una earbud, ad esempio per parlare con qualcuno. È una combinazione di piccole cose a cui siamo abituati che finiscono per mancare parecchio a lungo andare. Il design di case ed earbuds è anche al risparmio se per voi questa cosa è determinante.

Linea di sotto

Sennheiser CX 400BT True Wireless suonano assai bene ed è un bene perché ad un prezzo di 229 CHF sarebbe stato molto più difficile giustificare la mancanza di tutte quelle funzioni che sono state tagliate rispetto al modello d’alta gamma. La competizione in questo segmento di prezzo è feroce e le offerte di Sony, Samsung e Apple (tanto per citarne tre) è assai competitiva. Sennheiser ha dalla sua la qualità sonora ma in realtà questa offerta ci sembra quasi più per far risaltare le MTW2, che hanno un’offerta molto più interessante. Valutate le 400BT con attenzione e aspettate un eventuale riduzione di prezzo…

Ci piace

  • Qualità audio
  • Autonomia
  • Confortevoli

Non ci piace

  • Niente ANC
  • Touch molto sensibile
  • Niente rating IP
Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad. Appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.

Joypad è membro di