Razer Ornata Chroma

Scritto da il il Recensioni Hardware, 3 più
chiudi [x]

Razer Ornata Chroma

Vi ricorderete sicuramente della Blackwidow X Chroma, una delle tastiere più clicckettose della storia. Ottima per giocare ma poco pratica per scrivere e per essere usata in un ufficio o ovunque il potente click degli switch Razer possano diventare un problema. In effetti, pure avendo ancora la Blackwidow X Chroma e usandola spesso per giocare, perfino noi preferiamo tornare ad una tastiera da quattro soldi a membrana di Microsoft.

Per scrivere tanto, meglio una tastiera silenziosa. Ma perché questa lunghissima introduzione? Beh, perché abbiamo tra le mani la Ornata Chroma, tastiera basata su tasti “Mecha-Membrane”… saranno più silenziosi?

Mecha?

Iniziamo con una precisazione importante. Normalmente le tastiere a membrana sono silenziose e molto più economiche di quelle meccaniche. Queste ultime sono invece più costose ma offrono parecchi vantaggi in termini di velocità di scrittura, di durata di vita e di precisione. Ecco perché i gamer preferiscono tastiere più rumorose e costose ma che sono al contempo molto più durevoli e precise. Con la Ornata Chroma, Razer ha scelto una via di mezzo, combinando membrane e switch meccanici. In pratica, sotto i keycap c’è una membrana per l’attivazione del tasto ma al contempo c’è anche una parte meccanica che, oltre ad un soddisfacente feedback sonoro, trasmette anche un utile feedback tattile. Insomma, non c’è quel feeling soffice tipico dei rubber dome ma punti di attuazione più precisi e rapidi. Razer afferma che la sua tecnologia mecha-membrane è in grado di ridurre l’affaticamento dovuto all’utilizzo prolungato della tastiera rispetto ai modelli meccanici e basta.

Tour guidato

Prima di addentrarci nella nostra esperienza però facciamo un tour della tastiera. Il design della Ornata Chroma è, ancora una volta, piuttosto minimalista. Niente tasti multimedia, niente tasti macro dedicati, niente fronzoli. Non c’è un passtrought UBS sulla tastiera, cosa che comunque reputiamo un vezzo, una cosa in più che però raramente usiamo sul serio (eccezion fatta per le tastiere lapdog!). Il corpo è in plastica matte, così come i tasti. Un po’ una delusione, visto il prezzo di vendita e il fatto che altri modelli, come la Blackwidow X Chroma, hanno il corpo in alluminio. La tastiera esiste in diversi layout (il modello che abbiamo in prova ha layout US) ma non esiste nel layout svizzero, alla peggio bisogna indirizzarsi verso quello tedesco, simile (ma non identico) a quello elvetico. Come il nome suggerisce, la Ornata Chroma è dotata di illuminazione RGB. L’effetto è particolare ma decisamente bello, secondo noi. Al posto di evitare qualsiasi bleeding della luce dai vari keycaps (mantenere l’illuminazione di ogni singolo tasto solo all’interno dello stesso insomma), dietro ai keycaps c’è una superfice plastica che riflette la luce dei tasti. Questo significa che la luce di ogni tasto influenza un’ampia zona circostante, creando un bell’effetto soffuso che però, siamo coscienti, potrebbe non piacere a tutti. Nel caso della Ornata Chroma attivare l’illuminazione RGB ci sembra una necessità visto che i simboli sui singoli tasti sono davvero poco visibili quando la tastiera è spenta. Praticamente sono grigio scuro su nero! In ogni caso, che optiate per la versione Chroma o quella normale (fissa sul verde), vorrete lasciare l’illuminazione accesa, anche se al minimo.

Questione di feeling

La Ornata Chroma viene venduta assieme ad un poggia polsi morbidoso che si attacca alla tastiera tramite magneti. Come poggia polsi è decisamente comodo, soffice e piacevole non solo al tatto ma anche nell’utilizzo. Preferiremmo che il contatto magnetico fosse un filo più deciso, tuttavia se usate la tastiera su un tappetino di quelli full size (tastiera e mouse) non avrete nessun problema. Avremmo adorato poterlo usare anche sulla Blackwidow X Chroma ma purtroppo i profili delle tue tastiere non corrispondono… vabbé ma quante persone hanno più di una tastiera Razer in giro in effetti?!! Come tastiera da tutti i giorni, la Ornata Chroma è soddisfacente. Non è silenziosa, per niente. Meno rumorosa della già citata Blackwidow? Si! Meno rumorosa di una comune tastiera a membrana? Certo che no. La tecnologia mecha-membrane di Razer è interessante e ci piacerebbe in futuro provarne una versione più silenziosa ma con lo stesso feeling di questa tastiera. I tasti sono a profilo basso, il che rende l’utilizzo non gaming più comodo rispetto ad altri modelli con i tasti con una corsa maggiore (in effetti, questi si attivano già a metà corsa). Per quanto riguarda il gaming invece, la Ornata Chroma non ci ha deluso né stupito. Funziona bene, come funzionano bene moltissime altre tastiere là fuori.

Concludiamo

La Ornata Chroma di Razer è una tastiera tuttofare. Comoda per scrivere (anche se, forse per abitudine, forse per decibel, magari torneremo alla tastiera ergonomica a membrana? Siamo tentati di restare con la Ornata!). I tasti mecha-membrane non sono tasti meccanici, qualunque gamer se ne accorgerebbe e tuttavia non sono affatto malaccio. Se non potete permettervi (o non volete) il lusso di avere una tastiera per scrivere e una per giocare, questa potrebbe anche fare al caso vostro. Comoda per scrivere, dotata di un eccellente poggia polsi morbidoso, funziona altrettanto bene per giocare ad un’ampia varietà di titoli. Sebbene non ci siano tasti macro dedicati, è possibile crearli tramite il software Synapse, quindi a meno che non siate dei maniaci di MMO e altri titoli in cui avere dei tasti macro è una necessità più di un lusso, siete coperti.

Qual è la discriminante? Perché scegliere la Ornata ad una Blackwidow X o una qualsiasi altra tastiera meccanica di altri brand? Principalmente sono tre: prezzo, utilizzo e rumore. La Ornata Chroma costa molto meno della Blackwidow X Chroma (129 vs 199 CHF), è più versatile di una tastiera meccanica coi tasti a profilo normale ed è un po’ meno rumorosa di tasti meccanici di Green di Razer (ma più rumorosi dei Cherry Red o Brown, anche se poi entriamo in una dimensione diversa e la comparazione non ha totalmente senso riguardo a performances…). Discutere di differenze minuscole tra diversi tipi di switch non è come discutere del sesso degli angeli? Forse un po’ sì… Alla fin fine, a meno che non siate dei pro gamer, la cosa ha meno importanza di quanto crediate. Per quanto riguarda la nostra Ornata Chroma: fa rumore ma scriverci e giocarci è un piacere. Vi basta?

 

Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Twitter: @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.