Overcooked! 2

Scritto da il il Recensioni, 5 più
chiudi [x]

Overcooked! 2

Rieccoci su Overcooked, questa volta il due! Il caotico “simulatore di cucina” con personaggi simpaticissimi e tante cucine pazzerelle che ha saputo divertirci con il suo primo episodio. Il gioco è sviluppato da Ghost Town Games e pubblicato da Team17. Diamogli un’occhiata insieme!

A tutta cucina!

Per chi non conoscesse ancora questo simpatico giochino stiamo parlando di uno dei party game più divertenti usciti negli scorsi anni. Voi i vostri compagni cuochi (per un massimo di 4 giocatori) dovrete spartirvi i ruoli per poter portare a termine le ricette che vi verranno richieste. Il trucco per superare i vari livelli è un’ottima gestione dei compiti che vi permetterà di guadagnare preziosi secondi, soprattutto nelle sessioni più avanzate, dove saranno vitali per poter superare il livello. Progredendo con il gioco infatti ci verranno richieste ricette sempre più complesse dove dovremo affrontare più mestieri in meno tempo (essere in tanti può aiutare). Il tutto poi si complica con le cucine che presentano invasioni di topi, spazi ristretti o altre cose di cui non vogliamo spoilerarvi che andranno a rendere ancora più difficile il completamento dei vostri livelli.

Sporchiamoci le mani

Inutile dire che questo gioco è fatto per giocarlo in compagnia di più amici piuttosto che da soli (dove diventa piuttosto difficile e frustrante in alcuni livelli). Questo secondo capitolo della serie presenta qualche piccola aggiunta. Andiamo ad analizzarle insieme. Sicuramente la novità più grande di questo capitolo è la presenza della tanto desiderata modalità online, con tanto di matchmaking, che ci darà la possibilità di sfidarci in tante nuove modalità. La componente coop non è stata abbandonata, infatti nell’online avremo una modalità cooperativa dove dovremo fare squadra, insieme ai nostri 3 amici, per completare i livelli della campagna. In questo secondo capitolo, oltre a tanto nuovi personaggi, sono state introdotte nuove ricette tra cui il Sushi, dove dovremo tagliare il pesce, stenderlo sull’alga, far bollire il riso e impiattare tutto prima di servirlo (potremo anche completare il tutto in ordine casuale ma seguire l’ordine giusto della ricetta ci permetterà di guadagnare più punti).

Il comparto tecnico

Per quanto riguarda il comparto tecnico, Overcooked 2 utilizza ancora il motore grafico Unity, dallo stile colorato e minimale (tant’è che richiama molto lo stile grafico di Rayman o di un cartone animato della Disney). Si può dire che questo secondo capitolo presenta un miglioramento in quasi tutti i fattori rispetto al capitolo precedente che era afflitto da numerosi cali di framerate. Infatti ora il gioco può vantare di 30 fps fissi. La colonna sonora che ci accompagna nelle nostre sessioni di gioco è ben riuscita e ci mette allegria. Anche gli effetti sonori, importantissimi in questo tipo di gioco, svolgono bene il loro dovere. I comandi impartiti dal nostro controller risultano fluidi e immediati alla vista, senza nessun accenno ad una qualche latenza.

Spasso

Possiamo dire di essere piacevolmente soddisfatti di questo Overcooked 2, che se giocato in compagnia di amici vi regalerà sicuramente tanto divertimento e risate. Le piccole implementazioni introdotte in questo titolo ci hanno sorpreso e sono state assolutamente gradite. Ora potremo godere di questo fantastico giochino anche con i nostri amici Online. Sicuramente lo consigliamo a chi sta cercando un ottimo Party-Game adatto a tutti i tipi di giocatori.

Ci piace

  • Tante nuove ricette…
  • … e tanti nuovi personaggi
  • multiplayer online

Non ci piace

  • L’assenza di un qualche stravolgimento dal primo capitolo
  • Alla fine è il solito Overcooked
5
pirletto the neg

Scritto da : pirletto the neg

Da sempre appassionato di videogames, da qualche tempo youtuber!

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.