Need for Speed Heat

Scritto da il il Recensioni, 4 più
chiudi [x]

Need for Speed Heat

Ormai è da anni che la serie di Need For Speed arranca di titolo in titolo, cercando di guadagnarsi il successo e l’approvazione dai giocatori della serie provando almeno ad eguagliare o superare successi indiscussi come Underground 2 e Most Wanted.

Eppure in questi anni nessun titolo è riuscito a stupirci come i titoli della serie di un quindicennio fa. Con Need For Speed Heat i ragazzi di Ghost Games hanno cercato di dettare un nuovo inizio per la serie, provando a riportare la serie (per l’ennesima volta) ai fasti di un tempo… ci saranno riusciti? Scopriamolo insieme!

Una nuova rinascita o un ritorno in grande stile?

Ispirata a Miami, Palm City è la città che darà luogo le vicende di questo nuovo NFS. Di giorno affronteremo eventi legali organizzati dallo Showdown, dove dovremo affrontare i piloti più performanti e guadagnare soldi da spendere nelle modifiche del nostro veicolo (o per comprarne dei nuovi). Ma la parte più interessante che tutti i veri giocatori di NFS sono interessati avviene di notte, dove le strade di Palm City diventano una terra di nessuno e potremo partecipare alle gare clandestine che ci permetteranno di guadagnare fama e rispetto (utili a sbloccare nuovi componenti per le nostre auto) ma anche attenzioni della polizia, che ha creato una task force apposita per dare la caccia a chi partecipa alle gare clandestine. Il gioco gira attorno quindi a questa dualità tra fasi diurne e notturne (come si evince anche dal trailer del gioco) che presentano comunque delle notevoli differenze tra loro. Di giorno ad esempio potremo passare velocemente dal giorno alla notte con la sola pressione di un tasto.

Potremo effettuare i viaggi veloci verso i rifugi o cambiare addirittura l’auto direttamente sul luogo dell’evento, comodo è? Bene, di notte invece è tutta un’altra storia e l’idea del pericolo viene enfatizzata dal fatto che tutte le opzioni appena citate non sono disponibili. Addirittura le riparazioni del veicolo (essendoci la barra dei danni) sono limitate solo a 3. Quindi quando usciremo di sera per le strade di Palm City dovremo scegliere accuratamente l’auto con cui vorremo careggiare. Più vinceremo nelle varie competizioni clandestine, più aumenterà il nostro indicatore Heat (da 1 a 5) ovvero il nostro livello da ricercato. E più alto sarà il nostro livello Heat più poliziotti avremo alle calcagna, ma potremo anche sbloccare i pezzi migliori, grazie anche a gli eventi Allerta Alta. Per quanto riguarda invece la storia non svolge un ruolo fondamentale in questo titolo e viene più considerata come un pretesto per presentare, al giocatore, i vari contenuti del gioco. La trama poi è la solita storiella alla Fast & Furious, che ci viene raccontata da sempre in questo genere di giochi, però potremo godere al meglio le tantissime scene d’intermezzo, di qualità molto alta grazie al Frostbite Engine di questo titolo. Noi Vestiremo i panni del classico novellino appassionato di corse, pronto a farsi un nome in città. Il personaggio che sceglieremo di utilizzare (potremo scegliere un personaggio di default all’inizio del gioco) sarà interamente personalizzabile in-game.

Il parco giochi del tuning

Se negli altri titoli della serie avevamo trovato poco sodisfacenti le varie attività che il gioco ci proponeva, quest’anno con Need for Speed Heat possiamo dirvi di esserci divertiti ad affrontare le svariate corse su circuito, off-road, prove a tempo, derapate e sprint che ci sapevano regalare esperienze diverse in base all’ora del giorno in cui le affrontavamo. Non mancano poi le varie attività secondarie di tutti i titoli di auto, come gli immancabili autovelox, i salti, le zone di derapata e i vari collezionabili come cartelloni, fenicotteri neon da distruggere graffiti che questa volta ci permetteranno di sbloccare ricompense interessanti. In questo nuovo NFS potremo giocare offline, anche se il bello avviene nella modalità All drive, in compagnia dei vostri amici. Con loro potrete affrontare gare, dedicarvi alla raccolta dei collezionabili o divertirvi nei svariati parchi giochi di Palm City.

Ma una delle cose più utili potrebbe essere quella di farvi aiutare di notte con la polizia. Infatti se un vostro amico ha un livello di ricercato più alto la polizia si concentrerà di più su di lui, un aiuto fondamentale quando si vogliono affrontare determinate modalità di notte. In oltre potremo creare la nostra Crew, che permetterà ai vari componenti di sbloccare bonus di varia natura, anche se tutt’ora questa componente di gioco sembra piuttosto limitata… speriamo venga migliorata nel tempo. Il parco auto è composto da più di 120 bolidi pronti a sfrecciare nelle strade di Palm City. Per quanto riguarda la personalizzazione delle nostre vetture Need For Speed ci offre una grande gestione dei componenti estetici delle nostre vetture e ancor più dettagliati quelli delle performance che dona ancora più profondità al titolo, rispetto a quelli precedenti. Il sistema di controllo brake to drift è ancora presente in questo titolo. La cosa cambia però sui veicoli modificati per le corse da strada, con cui dovremo giocare molto con il freno per poter affrontare al meglio le curve.

Il comparto tecnico

Il motore grafico Frostbite da il meglio di se e ci regala un realismo grafico, sulle vetture e sugli scenari, mai visto prima nella serie di NFS. Realismo dato anche dalla cura degli shader e dei riflessi che ne enfatizzano i dettagli che avremo modo di apprezzare soprattutto di notte, dove i colori vividi dei neon di Palm City regalano scenari notturni indimenticabili. Peccato però per la colonna sonora che ha sempre svolto un ruolo fondamentale nei capostipiti della serie e che su questo Need For Speed Heat non ci ha convinto per niente, proponendoci brani poco famosi e poco incalzanti (anche se questo giudizio varia in base ai gusti di ogni persona).

Need for new beginnings?

Per quello che ci è sembrato, questo Need For Speed Heat segna un nuovo inizio per la serie, proponendoci meccaniche interessanti (come quelle del giorno e della notte), un sistema di personalizzazione ricco e molto dettagliato (cosa fondamentale per questo genere di giochi) che unito ad un comprato grafico di tutto rispetto, al passo coi tempi, un gameplay semplice e divertente adatto ad ogni tipo di giocatore e una nuova ambientazione interessante ci fa, almeno per questa volta, approvare questo nuovo titolo della serie o per lo meno fa “frenare” il declino dettato dai titoli precedenti della serie. I ragazzi di Ghost Games quindi ci sono riusciti nel loro intento e hanno creato un titolo che racchiude tutta l’anima della serie e le cose migliori che ci hanno saputo offrire i titoli precedenti della serie. Peccato solo per un comparto musicale poco convincente e una trama non troppo originale… ma d’altro canto, per quest’ultima, era quello che ci potevamo aspettare dall’ennesimo titolo di corse clandestine. Per gli amanti della serie, per chi cercava un buon NFS o semplicemente un buon gioco di corse clandestine (e non) arcade, questo è il titolo che fa per lui e ve lo consigliamo a pieno!

Ci piace

  • Personalizzazione completa delle auto
  • Tante attività, tanti contenuti
  • Interessante doppio sistema di progressione

Non ci piace

  • Musiche poco originali e di basso spessore
  • Trama scontata
  • Sistema Crew povero di contenuti
5
Alberto Foroni

Scritto da : Alberto Foroni

Cameraman - Videomaker un tempo youtuber ma da sempre appassionato di videogames

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.