Marvel’s Guardians of the Galaxy: The Telltale Series

Scritto da il il Recensioni, 7 più
chiudi [x]

Marvel’s Guardians of the Galaxy – Episodio 1: Tangled Up in Blue

C’era una volta una oscura serie che quasi nemmeno i fan Marvel conoscevano. Poi, questa serie è stata magistralmente adattata al cinema in un film che ha riscosso notevole successo. Poi, è arrivato il sequel. E quando siamo di fronte a dei successi commerciali di questa portata, è quasi naturale pensare ad un videogioco. Sicuramente è quello che hanno pensato alla Telltale quando deciso di proporci Marvel’s Guardian of the Galaxy. Perché NOI SIAMO GROOT!

 

Oh, mio adorato Thanos..

Prendete tutto quello che sapete dal film… fatto? Ok, buttatelo via. L’avventura preparata dai Telltale è tutta diversa. Iniziamo con un epico scontro tra i Guardiani e Thanos, il potentissimo titano, nemico giurato della galassia. Lo scontro sembra volgere al peggio: Thanos si è procurato una strana reliquia e, ebbro di potere, si gira per affrontare Star-Lord e compagni. Ma non ha fatto i conti con l’ingegno di Rocket Raccoon e della sua arma potentissima.

In parole povere, Thanos finisce bello stecchito sul pavimento, con un bel buco nel petto. L’incredulità dei Guardiani si trasforma ben presto in sbronza quando, fatto ritorno “alla civiltà” non esitano nemmeno per un secondo a farsi offrire collettivamente da bere da chiunque stia loro intorno. D’altra parte sono riusciti in un’impresa che nessuno riteneva possibile. Rimangono solo un paio di cose in sospeso. La prima, cosa fare con l’ingombrante corpo violetto di Thanos. La seconda, scoprire cosa cavolo è la reliquia che abbiamo recuperato. Quando però Peter Quill, aka Star-Lord, comincerà ad avere visioni del suo passato scatenate proprio da quello strano oggetto recuperato le cose inizieranno a farsi complicate. Anche perché non siamo i soli interessati all’affarino misterioso…

Siamo seri, dai!

Questo primo episodio intitolato Tangled Up in Blue (come sempre, il gioco è esclusivamente in inglese) inizia in modo adrenalinico, si perde a metà e recupera sul finale. Passato lo shock iniziale della morte di Thanos (che invece sarà bello vispo in Infinity Wars al cinema!) ci ritroviamo per un po’ senza una direzione chiara finché, tra la comparsa di una nave da guerra Kree e misteriose visioni della madre di Star-Lord si riaccende il nostro interesse. Trama a parte però abbiamo trovato questo primo episodio un po’ poverello per quanto riguarda il lato comico, su cui specialmente il secondo film ha puntato così tanto. Poche le battute davvero divertenti e praticamente tutte ad opera di Rocket. Qualcosina da Drax. Zero da Gamora (non che sia sorprendente, visto di chi stiamo parlando) e ben poco sia da Peter che da Groot. Insomma, se la direzione della storia ci sembra interessante, i gustosi condimenti sono un filino carenti.

Visivamente i personaggi non hanno le fattezze degli attori delle due pellicole e lo troviamo un po’ un peccato. Oramai la maggior parte di noi associano Chris Pratt a Star-Lord, Zoe Saldana a Gamora e Dave Bautista a Drax. Peccato che non sia la stessa cosa anche nel gioco e sospettiamo che sia una questione di soldi colpevole di questa situazione.

Tirando le somme, è difficile immaginare in che direzione andrà questa serie episodica. Per ora siamo piuttosto intrigati dalla direzione presa sul finale. Ma lo consigliamo comunque solo ai fan dei Guardians of the Galaxy.

 

Ci piace

  • Colonna sonora
  • Storia intrigante

Non ci piace

  • Personaggi che non assomigliano a quelli del film
  • Solo per i fan
4.5
Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Twitter: @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.