Hungry Baby: Party Treats

Scritto da il il Recensioni, 2 più
chiudi [x]

Hungry Baby: Party Treats

Spesso in redazione arrivano titoli che ancor prima di recensirli sai quale sarà il loro esito finale. Ma capita che durante l’analisi del gioco, riescono a stupirti, meravigliare e perché no pure appassionare e spesso non è semplice convincere i futuri clienti ad acquistare titoli fuori dal comune.

Il bambino affamato

Hungry Baby Party Treats, già il nome la dice tutta, vuole mettere alla prova da uno a quattro giocatori simultanei (anche con l’aiuto della CPU) la possibilità di rendere felice un neonato voglioso di dolci. Scegliendo tra ben 30 personaggi “differenti”, dove in pratica sono sempre gli stessi (gelato, caramella, frutta, ghiacciolo, hamburger/hot dog o bibita) con un colore o un leggera modifica sull’aspetto, bisognerà muoversi su un tabellone in stile campo minato su Windows 95 per raggiungere la bocca dello “spietato” natante a bordo della mappa.

 

Modalità Party

Qui si potranno sfidare i propri amici, o la CPU, in una delle cinque modalità messe a disposizione. Nella “Classic” l’obiettivo è quello di arrivare per primi alla bocca del bambino, mentre “Last Ice Standing” e “GO! GO! PAN!” si dovrà raggiungere il punto di raccolta (frigo o padella) invece di una bocca da sfamare. Più divertente e caotico è la modalità “ICY RACE” dove bisognerà fare una gara, piena di insidie ovviamente, cercando di completare un giro del tracciato. Ultima è la “FOOD CART” dove bisognerà collaborare per schiacciare il pulsante per aggiungere i binari del treno, in modo da far raggiungere un bel hot dog al bambino sul bordo.

Ogni giocatore, mentre cammina, riempirà una barra per ottenere un “power up” che si potrà utilizzare per mettere in difficoltà gli altri giocatori.

 

Modalità Campagna

Niente di stravolgente. Anche qui si può giocare singolarmente oppure con i propri amici, dove bisognerà sfamare il neonato. Per ogni mappa, se completata entro un breve tempo, si riceverà un massimo di tre stelle (un po’ in stile Angry Birds). L’unica differenza tra un livello e l’altro è la grandezza della mappa e la presenza sempre più massiccia degli ostacoli sulle caselle. Le mappe non sono casuali, perciò ripetendole un paio di volte si potrà facilmente ottenere il percorso ideale.

Conclusione

Hungry Baby Party Treats risulta per i primi 10’ divertente se giocato con gli amici, ma subito dopo si cambierà immediatamente il gioco. Il gameplay e la dinamica del gioco diventa ripetitiva dopo pochi istanti e la colonna sonora lascia molto perplessi, talmente tanto da abbassare il volume immediatamente.
Questo titolo potrebbe essere messo su un qualsiasi store a 1.- CHF, ma oltre a questo prezzo vi sconsigliamo vivamente l’acquisto, anche se nonostante questo è fuori sullo store svizzero a circa 8.- CHF.
Ritornando al nostro discorso iniziale, ogni tanto succede che ci sono titoli indie che ci stupiscono, ma oggi non è la giornata fortunata, nonostante ci sono tanti dolci e un bambino capriccioso.

Ci piace

  • Gioco ideale per i più piccoli
  • colori

Non ci piace

  • colonna sonora e suoni snervanti
  • gameplay monotono
  • modalità di gioco tutte uguali
2.5
Neme

Scritto da : Neme

Diplomato in Digital Graphic Computer Animation, sviluppatore web e grafico pubblicitario con una passione nello sviluppo di videogiochi. Nato negli anni d'oro dell'intrattenimento videoludico, ha incominciato la sua passione da ragazzino con i Game&Watch e il MegaDrive per poi passare a tutte le piattaforme.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.