Fritz!Repeater 3000

Scritto da il il Recensioni Hardware, 2 più

Fritz!Repeater 3000

AVM è un player sul mercato dei device network consumer che esiste da metà degli anni 80 e, col tempo, si è costruito una certa reputazione. In questi giorni il brand tedesco sta spingendo molto sulle migliorie del suo sistema di gestione, chiamato Fritz!OS, giunto alla versione 7.10.

Ma si sa che il software non è nulla senza l’hardware e quindi abbiamo deciso di provare uno dei tasselli nella strategia globale di AVM, Fritz!Repeater 3000.

Facile come bere un bicchier di wifi

La parola d’ordine per questo ripetitore wireless è semplicità. Specialmente se restiamo nei confini dell’ecosistema di AVM. Ma andiamo con ordine. Fritz!Repeater 3000 è un ripetitore WiFi Mesh. Nel caso questo concetto vi fosse estraneo, si tratta di un apparecchietto in grado di integrarsi nella vostra rete wireless di casa in modo da estenderne la portata, facendo in sostanza da ponte verso luoghi troppo lontani dall’access point principale. Il device in sé è piuttosto semplice all’esterno: un tasto di connessione sul davanti, un paio di led (accensione e connessione). Sul retro, due porte ethernet gigabit. Sotto, una presa per l’alimentatore. Dal design quasi giocattoloso, di sicuro molto meno intimidatorio di altri prodotti di altri brand, sembra essere stato pensato per dirci “Tranquillo, sono il tuo amico dell’internet! Non aver paura!”.

Ed in effetti quando andiamo a pensare a ponti wireless, reti mesh e chissà quali altre diavolerie, l’utente medio può effettivamente essere un po’ spaventato da questo concetto. Fritz!Repeater 3000 cerca di rendere il tutto meno complicato e frustrante. All’interno troviamo tre radio, con tre bande indipendenti: due sono a 5GHz e una a 2,4GHz e servono a fornire la miglior performance possibile. Per inciso la velocità massima varia a seconda della configurazione: 400 Mbit/s sulla banda 2,4 GHz (2 x 2), di 866 MBit/s sulla banda 5 GHz (2 x 2) e di 1733 Mbit/s sulla banda a 5 GHz (4 x 4). Una delle due radio a 5GHz è riservata alla comunicazione tra la rete mesh, ovvero tra il repeater e la base d’accesso. In questo modo, non c’è overlap tra la connessione interna e quella verso i vari device connessi alla rete (PC, laptop, smartphones, console e via dicendo). La radio a 2,4GHz serve più che altro come compatibilità legacy coi device che non supportano il nuovo standard. Aggiungiamo pure che Fritz!Repeater 3000 supporta IPv6, come oramai quasi ogni cosa, se non fosse che non tutti i provider effettivamente forniscono un IPv6 (nel nostro caso, nonostante una connessione FTTH da ben 1Gbps, solo IPv4 è supportato).

Potremmo parlarvi ora di tutta una serie di funzionalità estremamente tecniche come band steering, l’AP steering o crossband repeating, spettacolari innovazioni supportate dallo standard WiFi ma invece vogliamo seguire la filosofia di AVM e restare sul semplice. In pratica, una volta installato nella nostra rete, Fritz!Repeater 3000 funziona in modo del tutto automatico, senza che dobbiamo fare alcunché.

Gente felice su instagram!

Installami a casa tua

L’installazione di Fritz!Repeater 3000 è una vera cavolata e potete vederlo anche nell’unbox in fondo all’articolo. Se abbiamo un device Fritz! come modem/access-point è spettacolarmente facile. Collegare il repeater alla corrente, premere il tasto di collegamento sul device, spostarsi al modem, premere il tasto wps. Fatto. L’integrazione è talmente automatizzata che il repeater si copia da solo i dati dalla base: nome della rete, password e via dicendo. Nella mappa di rete lo vedremo apparire in pochi istanti e i nostri device wireless cominceranno a collegarsi in modo del tutto automatico alla base o al repeater a dipendenza di quale dei due fornisca il segnale migliore. Non è comunque necessario avere un modem di AVM per usare Fritz!Repeater 3000 e, stando ad AVM, la procedura è altrettanto semplice ma purtroppo non possiamo valutare perché, come detto, abbiamo un modem Fritz!Box 5490 (altrimenti detto, l’unico prodotto di AVM al momento per la fibra ottica). Dovremo credere loro sulla parola.

Nonostante per il nostro modem non ci sia ancora la versione 7.10 di Fritz!OS (arriverà nelle prossime settimane), la funzionalità mesh è già attiva e, come potete vedere qua sotto, si abilita in automatico.

Il problema di chi scrive è che vive in un appartamento non molto grande, quindi, in pratica, che non ha necessità di un repeater. La wifi dell’access point principale è ben più che sufficiente per coprire l’intera abitazione. Allora, per fare qualche test extra, ci siamo spostati in una casa più grande, su più piani. In questo caso (e dopo aver cambiato Frizt!Box col nuovo modello 7590 perché abbiamo scoperto che quello in dotazione era vecchio di quasi 10 anni e non più supportato – una cosa da tenere a mente se caso!) abbiamo potuto fare i nostri test. Muoversi per gli ambienti semplicemente funziona. La connessione non cade perché il passaggio tra la base e il ponte avviene in pochissimi millisecondi automaticamente. Certo, poi ci sono limitazioni per quanto riguarda la velocità massima di connessione ma quello dipende in larga maggioranza dalla configurazione fisica di casa vostra. AVM questo lo sa bene e ha predisposto un sistema che aiuta l’utente a selezionare il posto più adatto in cui posare Fritz!Repeater 3000. Tramite l’app Fritz!App WLAN possiamo avere una valutazione della potenza del segnale, in modo da scegliere una location adatta. Un passo in più verso la semplicità che, ancora una volta, troviamo molto interessante per l’utente che cerca una soluzione senza complicazioni.

Concludiamo

Con Fritz!Repeater 3000 non troverete funzionalità avanzatissime ma non è nemmeno quello lo scopo. Questo prodotto funziona però alla grande e può essere usato anche assieme ad altri Fritz!Repeater 3000 (o altri prodotti dalla stessa funzionalità) in modo da usarli in serie per espandere sempre di più la copertura wifi di casa in modo graduale. Il prezzo è sufficientemente contenuto per farne un upgrade senza pensieri, specialmente (e lo ripetiamo) se avete tutto dello stesso produttore. Insomma, da tenere in considerazione!

Ci piace

  • Semplicissimo
  • Funziona e basta!
  • Porte LAN integrate

Non ci piace

  • Compatibilità con altre marche - incognita per noi
Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Twitter: @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.