FIFA 20

Scritto da il il Recensioni, 5 più
chiudi [x]

FIFA 20

Come ormai siamo abituati da sempre, anche quest’anno, con un po di ritardo rispetto alla controparte Konami (PES), vediamo l’arrivo del nuovo FIFA. Electronic Arts ha lavorato sodo sul suo FIFA 20, titolo tanto amato dai giocatori di tutto il mondo, che ormai ogni anno torna con un’edizione migliorata e ricca di novità, pronta a (ri)confermarsi come il Re dei videogiochi calcistici.

Sembra ormai lontano il caro 1993, quando utilizzavamo dei personaggi rettangolari (tutti uguali) per calciare un pallone pixelato in porta. Oggi con FIFA 20 ci ritroviamo davanti un gioco sempre più perfezionato e affinato della versione precedente, con questa volta delle aggiunte di rilievo. Ma andiamo a scoprirle insieme!

Lo stesso feeling?

Una cosa che abbiamo notato fin da subito, rispetto al titolo dell’anno precedente, sono le poche differenze a livello di gameplay. Pochi cambiamenti che però se visti nel dettaglio si riveleranno aggiunte più che gradite per un titolo che ha ormai poco da migliorarsi. Una migliore fisica del pallone e quindi dei movimenti più precisi e realistici sarà la prima cosa che noteremo ed è la cosa che andrà padroneggiata di più, anche per gli esperti del genere. Dovremo quindi stare attenti ad ogni singolo movimento, ogni singolo passaggio, perché ora più che mai il realismo del titolo si fa notare (e su questo va sicuramente premiato il grande lavoro svolto da EA). Anche l’IA è stata migliorata (nonostante non sia perfetta) e dimostra un miglior realismo e un miglior controllo del pallone, sia che sia con o contro di noi. E se il dribbling risulta essere nella solita formula classica, i tiri in porta diventano ancora più precisi e realistici. Quindi alla base di questo titolo c’è la parola realismo, e a noi ci piace. Bel lavoro EA!

C’era una Volta FIFA Street…

La modalità che più ci ha stupito (e che vi stupirà) è la modalità Volta. Già dal primo trailer del gioco questa modalità aveva suscitato l’interesse da parte di tutti noi che avevamo amato il caro e vecchio FIFA Street. FIFA 20 dal canto suo con la modalità Volta vuole ripercorrere i passi del vecchio gioco del calcio da strada, riproponendola in salsa del tutto nuova e migliorata. Infatti oltre alle solite amichevoli (che seguono i regolamenti ufficiali futsal, 3v3, 4v4 o 5v5) avremo a che fare con una modalità Storia dove affronteremo le migliori squadre dello street football per puntare alla J10, la migliore accademia di calcio fondata dalla leggenda del freestyle Jayzinho. A quel punto non ci rimarrà che qualificarci per i campionati mondiali di Buenos Aires dove dovremo dare tutto noi stessi per far vedere chi è il migliore in campo. All’inizio dovremo fare pratica con questo “nuovo” stile di gioco e grazie alle Prove Volta riusciremo a padroneggiare al meglio tutte le skill. Noi ci siamo divertiti un sacco a giocarla e sicuramente la troverete divertente anche voi.

Il gestionale che ci piace

Per gli amanti di FIFA Ultimate Team possiamo dire di stare tranquilli, perché anche in questo FIFA 20 tornerà l’amata modalità della maggior parte dei giocatori degli ultimi FIFA. Dopo aver ormai consolidato la struttura di gioco grazie alle precedenti edizioni, questo Ultimate Team si presenta a noi con poche aggiunte se non per il fatto che avremo questa volta più possibilità di personalizzazione. Potremo infatti modificare gli stadi, la tifoseria e molte altre cose. In oltre noterete sicuramente l’aggiunta di nuove icone storiche come Zidane, Pirlo, Kakà, ecc. Tante sono le licenze, dalle competizioni UEFA e in primis alla Champions League, anche se alcune (Juventus ad esempio) mancano all’appello. Una modalità che ci ha divertito un sacco e che sicuramente verrà apprezzata sia da chi gioca a FIFA da tempo e chi l’ha scoperto da poco.

La storia che si ripete

Anche la modalità Carriera ritorna in questo FIFA 20 che, a differenza delle modalità accennate precedentemente, quest’anno si presenta con qualche aggiunta di spessore già a partire dall’editor dell’allenatore (o del giocatore) dove potremo scegliere il sesso femminile. Il morale della squadra svolgerà ancora di più un aspetto importante di questa modalità, un aspetto che andrà gestito nel migliore de modi se vorremo ottenere degli ottimi risultati nella nostra carriera. Una grande aggiunta è anche quella delle conferenze pre e post partita nelle quali andremo ad influenzare nel bene o nel male le statistiche della nostra squadra, in base alle risposte che daremo ai vari giornalisti.

Il comparto tecnico

Anche dal lato tecnico non troveremo grandi cambiamenti rispetto a gli ultimi titoli della serie. Il Frostbite 3, come al solito, fa la sua grande figura presentandoci degli stadi ancora più vivi (anche se di quelli italiani troveremo solo l’Olimpico di Roma e San Siro) e realistici, regalandoci quindi un miglior colpo d’occhio generale senza però dare il meglio di se. Infatti i modelli dei giocatori, purtroppo, soffrono degli stessi problemi dei titoli precedenti (alcuni giocatori famosi fatti bene, altri che non ci assomigliano neanche lontanamente…). Anche alcune animazioni risultano grezze e irrealistiche. Alla telecronaca troveremo anche quest’anno Pierluigi Pardo e l’ex difensore del Milan, Stefano Nava. La colonna sonora come sempre ci regala grandi brani i vari menù, questa volta risultano essere molto più semplificati.

In definitiva

Che dire, grazie ad una base consolidata negli anni e delle piccole migliore o cambiamenti qua e là, questo FIFA 20 riesce ancora a stupirci e convincerci, pur non offrendoci particolari novità, se non quella della modalità Volta, che verrà sicuramente apprezzata dai vecchi fan di FIFA Street e non. Nonostante la presenza di alcune imperfezioni tecniche provenienti anche dalle edizioni passate e alcune mancanze nella vastità di licenze di questo titolo, Il gioco presenta comunque piccole migliorie e grandi aggiunte che nel complesso rende FIFA 20 uno dei migliori giochi di calcio di sempre, che saprà tenervi incollati allo schermo per parecchie ore!

Ci piace

  • "Il ritorno di FIFA Street” con FIFA Volta
  • Fisica generale sempre più realistica

Non ci piace

  • Poche aggiunte rilevanti nelle solite modalità di gioco
  • Manca qualche licenza
5.5
Alberto Foroni

Scritto da : Alberto Foroni

Cameraman - Videomaker un tempo youtuber ma da sempre appassionato di videogames

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.