Bee Simulator

Scritto da il il Recensioni, 5 più
chiudi [x]

Bee Simulator

Avete mai sentito parlare di VARSAV Game Studios? No? Beh, loro sono i produttori di Bee Simulator e di giochi indie un po’ più conosciuti come Giants Uprising.

Come dice il titolo del gioco in questione, in Bee Simulator scopriremo cosa vuol dire essere un ape, svolgendo i suoi compiti ed esplorando il mondo circostante dal loro punto di vista. Fidatevi, non è così male. Ma parliamone insieme.

“Apeggiando” qua e la

Il gioco ci mostra in tutto e per tutto la vita del nostro sciame che si troverà nella situazione di doversi spostare in un nuovo alveare e saremo noi a decidere dove fondarlo. La storia principale di Bee Simulator è composta da otto missioni principali che per lo più consistono nell’insegnarti le basi di gioco, raccogliendo il polline dai vari tipi di fiori, cacciare dall’alveare o scontrarci con altri insetti e così via. Esplorando la vastissima mappa di gioco, anche dopo aver concluso la storia principale, potremo affrontare le innumerevoli missioni secondarie e sfide che il gioco ci propone. Il tutto potrà essere affrontato sia in single player che in compagnia di un massimo di 4 amici in locale a schermo condiviso, scegliendo una delle tre ambientazioni possibili: Città industriosa, Mulino ad acqua e Serra delle palme, cooperando o sfidandoci l’un l’altro (perché si sa che svolazzare in compagnia è più divertente).

A volo d’ape

Per quanto il nome faccia pensare in un vero e proprio simulatore, il gioco presenta una componente gameplay più semplificata e (a mio avviso) più divertente di una simulazione realistica. Diciamo che di simulativo c’è la vita e i compiti che deve svolgere la nostra ape, ovvero estrarre il polline dai fiori, utilizzare il pungiglione per difendersi e così via, ma esistono elementi più “arcade” (tipo i cibi o le sostanze che contengono zucchero che ci ricaricano la “stamina” e lo “sprint”, assimilandolo dopo esserci posati sopra) che rendono il gameplay un po più arcade. Il volo è sicuramente la cosa più divertente e realizzata meglio nel gioco. All’inizio dovremo fare un po di pratica e abituarci alla reattività dei movimenti della nostra piccolina, ma presto scoprirete che i comandi sono semplici e che, appena avrete acquisito dimestichezza, sarà veramente divertente svolazzare in giro. Il mondo di gioco principale è il classico grande parco urbano (in stile Central Park) composto da varie aree, come lo zoo, il luna park, la zona pic nic e un grosso lago. L’ambientazione è ricca di elementi come animali e persone che si spaventeranno se ci avvicineremo troppo, folate di vento che ci spingeranno nelle varie direzioni, ragnatele e sciami di piccoli insetti che ci rallenteranno durante il volo e tanto altro. Non male quindi.

Comparto tecnico

Grazie l’Unreal Engine, che dona un realismo evidente al tutto, il gioco presenta un comparto grafico e un impatto visivo molto positivo. Stupende poi le musiche che ci accompagneranno per tutta l’avventura e l’intera locazione in italiano del gioco che dona più immersività al gioco.

In definitiva

Bee Simulator è un indie divertente da giocare, certo non molto simulativo come potrebbe lasciar intendere dal nome, ma fruibile e apprezzabile da tutti i giocatori o da chi cerca un passatempo alternativo. In oltre, il gioco, cerca di sensibilizzare il giocatore sull’importanza delle api e del loro importantissimo ruolo che svolgono nella nostra vita. Quindi che dire, un buon gioco dove divertirsi a svolazzare in giro e un buon messaggio che ci viene lasciato. Ve lo consigliamo.

Ci piace

  • Colonna sonora originale e localizzazione in italiano
  • Grande ambientazione

Non ci piace

  • Alla lunga forse un po' monotono…
4.25
Alberto Foroni

Scritto da : Alberto Foroni

Cameraman - Videomaker un tempo youtuber ma da sempre appassionato di videogames

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.