12 Minutes provato all’E3 2019

Durante la conferenza XBOX è stato presentato un nuovo e interessante titolo Indie che sbarchera sulla console Microsoft, 12Minutes. Abbiamo provare durante lo showcase l’interessante thriller di Annapurna.

Il titolo sviluppato da una singola persona, Luis Antoni, ex-dipendente di Rockstar e Ubisoft, il quale ha deciso di percorrere la strada dello sviluppatore indipendente rivela al mondo la sua nuova creazione, 12 Minutes, un titolo interessante che ci ha lasciato senza parole e con qualche momento di riflessione. Il gioco è un avventura punto e clicca con interfaccia molto classica, ma con tutta una serie di proposte innovative. Il protagonista si trova intrappolato in un loop temporale di dodici minuti, che è costretto a rivivere incessantemente. Tutto ha inizio con l’arrivo a casa dopo una stancante giornata di lavoro, entriamo nel nostro appartamento dove ci attende la nostra mogliettina che ci preparerà una bella cena a lume di candela, purtroppo tutto ciò viene interrotto dall’arrivo di un poliziotto, che accusa la donna di omicidio verso il padre ormai defunto da diversi anni. L’avvenimento quindi, risale a molti anni prima, l’uccisione del padre è avvenuta in circostanze anormali.

Nel momento prima che il poliziotto ammanetterà nostra moglie, potremo decidere come interagire, ci sono svariate possibilità come p.es: “prendere il coltello e cercare di difenderla tendando di colpire il poliziotto”. Lo sviluppatore ha volute lasciare la  totale libertà del giocatore, capendo come fosse meglio agire. Purtroppo verremo, se come noi l’azione è quello di proteggere nostra moglie, verremmo colpiti dal poliziotto per poi venir ammanettati e messi a terra. In quel momento un lampo e un rumore forte partono facendo ricominciare da capo l’avvenimento appena successo, entriamo così nuovamente nell’appartamento. Ci troviamo d’ora in avanti nel loop infinito, che sarà il punto cardine su cui ruoterà 12Minutes. La porta si chiude, la moglie esce nuovamente dal bagno e ci accoglie nuovamente dandoci il bacio sulla guancia per poi sedersi a leggere un libro, ignara di quello che sta per succedere. Ogni loop durerà 12 minuti sarà nostro compito trovare tutte le component del puzzle che ci permetteranno di salvare nostra moglie, per farlo bisognerà ingegnarsi, cercando di farle capire e credere che la polizia sta arrivando per arrestarla. 12 Minutes, lascia spazio all’approccio con cui affronteremo il loop temporale, permettendoci senza aiuti di fidarci unicamente al nostrocosì del nostro istinto e intuito. Trovare il modo di resistere all’arresto potrebbe essere una soluzione, come anche convincere la moglie a fuggire prima che la polizia irrompa nell’appartamento. Qualsiasi approccio vogliamo adottare, per metterla in pratica sarà necessario sfruttare le conoscenze degli avvenimenti racchiusi nel loop, così da anticiparli e/o fermarli. Tutte le informazioni che raccoglieremo man mano saranno la chiave per arrivare al raggiungimento del nostro obiettivo riuscendo così di volta in volta a risolvere gli enigma che il gioco ci metterà di fronte come ostacolo. Nel nostro hands on abbiamo adottato l’approccio di voler raccontare tutto alla moglie, l’idea che ruota dietro a 12Minutes è di sfruttare il loop temporale per stupirla anticipandole il regalo che ci verrà dato durante la cena speciale che ci ha volute fare, oppure ascoltare la radio e la canzone per poi la volta successiva riferire in anticipo il titolo che verrà emessa alla radio, sono questi i passi che siamo riusciti a fare durante la nostra prova. Non vogliamo però dare troppi dettagli, per questo non ci addentreremo nella descrizione profonda del nostro provato, evitando così di rompere quella curiosità e suspence nella ricerca delle possibili soluzioni nei 12minuti a nostra disposizione di ogni loop. Il gioco propone un concetto tutto nuovo e con un gameplay ricco di idee brillanti. La durata del loop ci spinge ad agire in fretta, cercando di volta in volta un modo sempre più rapido. 12 Minutes ci fa trovare nuovi elementi che permetteranno di acquisire più informazioni possibili per la risoluzione del rompicapo.

Lo sviluppatore Luis, è riuscito a non rendere il titolo monotono e ripetitivo, con una storia tutta furchè banale e la sensazione di angoscia ci tiene incollati al televisore, cercando con grinta gli elementi successive per la risoluzione di questo loop temporale.La ciliegina sulla torta è la trama molto inusuale, un misterioso omicidio irrisolto ed un’accusa che ci sembra infondata che si presenta a noi così all’improvviso. Un gioco che di primo acchito lascia una sensazione di stranezza, quasi non sapendo come definire le sensazioni provate. Un titolo molto interessante e per cui siamo curiosi di vederlo una volta ultimate gli ultimi lavori. Luis, durante il nostro hands on ci ha comunicato che la parte di sviluppo legata alla storia è ultimato, mancano da aggiungersi alcuni elementi di contorno come p.es: le animazioni, le colonne sonore, i dialoghi che renderanno ancora più coinvolgenti il gioco e altre piccolo cose. È previsto per questo titolo una durata complessiva di 6/8 ore a seconda del approccio che si adotterà con il gioco. Tutto il gioco ruota attorno alle tre stanze del piccolo appatamenti, una sfida non piccola che si prefigge il nostro 12Minutes. Siamo curiosi di mettere mano sul prodotto finale così da poter assaporare tutte le modalità creative adottate per tenerci ancorati al divano e finire questo titolo davvero interessante. Il titolo saprà essere all’altezza e riuscirà a catturarci per tutta la sua durata? Siamo davvero curiosi di dare una risposta a questa domanda, per il momento il titolo ci ha convinto, purtroppo sul lato tecnico non possiamo dare un giudizio in quanto la mancanza di alcuni elementi, come le animazione dei personaggi, le musiche e simili non permettono di dare un quadro complete su questa tematica, sicuramente la grafica adottata molto semplice e minimalista con l’aggiunta della vista dall’alto rende il titolo assai intrigante.

L’uscita è prevista nel 2020, bisognerà aspettare per una data visto che al momento non vi è alcuna data precisa, il titolo sarà disponibile per XBOX.

 

Avatar

Scritto da : Nadir

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.