Xiaomi Mi 9 annunciato ufficialmente

Xiaomi Mi 9 è il nuovo top gamma del famoso produttore cinese, il quale, giusto ieri, ha rivelato tutte le caratteristiche tecniche del top gamma 2019. Si tratta di uno smartphone dalle dimensioni piuttosto generose (157.5 mm x 74.67 mm x 7.61 mm per 173 gr), infatti lo stesso è equipaggiato da un display pari a 6.39 pollici Full HD+ di tipo Amoled, il quale occupa ben il 90% della superficie della scocca e rivestito della protezione Gorilla Glass 6. In alto vi è un piccolissimo notch che ospita la fotocamera frontale da ben 20 mpx nonché lo speaker audio per le telefonate. Il display, inoltre, integra il riconoscimento delle impronte (Fingerprint on display), rimuovendo qualsivoglia sensore esterno piazzato posteriormente alla scocca come Xiaomi Mi 8.

Il tutto è mosso dal nuovo SoC Qualcomm Snapdragon 855, accompagnato dalla GPU Adreno 640, oltre alla memoria LPDDR4X pari a 6GB Ram (con variante 8 GB Ram), nonché memorie UFS 2.1 a partire da 128 GB. Il nuovo SoC è un’evoluzione naturale dal modello dello scorso anno, lo Snapdragon 845, il quale già offre performance di alto livello su Xiaomi Mi Mix 3, disponibile dallo scorso dicembre. La vera novità succulenta, invece, sono le ben tre fotocamera posteriori, alla stregua di Huawei e Samsung. La prima fotocamera principale, una Sony IMX586 da 48 MP (1/2 pollice con pixel da 0,8 micrometri, sensore quadruplo, risoluzione default 12 MP, obiettivo: apertura f/1,75, lunghezza focale 26 mm equivalente), la seconda, una Samsung S5K3M5 da 12 MP (1/3,4 di pollice con pixel da 1 micrometro, obiettivo: apertura f/2,2, lunghezza focale 50 mm equivalente, zoom 2X), la terza dedicata al grandangolo, una Sony IMX481 da 16 MP (1/3 di pollice; obiettivo: apertura f/2,2, lunghezza focale 17 mm equivalente, campo visivo di 117 gradi; autofocus: PDAF, laser, rilevamento del contrasto) hanno ottenuto un punteggio molto alto sul famoso sito di Benchmark fotografico DxOMark (ben 107 punti).

Per quanto riguarda la batteria, la medesima è pari a 3’300 mah (con supporto alla ricarica rapida e al Wireless Charging), non tantissimi considerando le dimensioni generose dello schermo. A suo favore vi è il processore, di 7nm che è energeticamente meno energivoro della precedente generazione, mentre la dark mode dell’UI di sistema permette di risparmiare fino all’83% del consumo generato dallo schermo. Lato connettività vi è il 4G VoLTE, NFC, WiFi 802.11ac, Bluetooth 5.0, USB Type-C, dual GPS con antenna L5 indipendente. Per quanto riguarda il software è presente la canonica MIUI, nella versione 10.2, la quale offre tutte le funzionalità tipiche di Xiaomi con qualche nuova chicca. La nuova versione introduce il Game Turbo, funzionalità simile alla soluzione adottata da Huawei lo scorso anno, Reading mode 2.0, High Brightness mode 2.0, Wallpaper dinamici e via dicendo, per uno smartphone molto completo sotto differenti aspetti.

Allo Xiaomi Mi 9 si aggiunge la versione Xiaomi Mi 9 Explorer Edition, caratterizzata da ben 12 GB di Ram, retro trasparente e una fotocamera con ben 7 lenti al posto di 6 del modello appena esposto. Xiaomi Mi 9 SE, invece, è la versione leggermente più compatta caratterizzata da uno schermo pari a 5.97 pollici, Snapdragon 712 (con GPU Adreno 616), una batteria leggermente più piccola (3070 mah) e tripla fotocamera leggermente rivista (48 mpx, 13 mpx e 8 mpx).

Xiaomi Mi 9 arriverà alle nostre latitudini nel corso delle prossime settimane, a un prezzo a partire da circa CHF 500.- a dipendenza del rivenditore, mentre la versione Explorer Edition ed SE bisognerà attendere futuri sviluppi da parte di Xiaomi.

Ardral

Scritto da : Ardral

Studente, sportivo (nuotatore e crossfitter), redattore, tra le varie attività e passioni quella dei videogiochi rimane una delle principali. Amante delle proprietà intellettuali targate Nintendo e PC Gamer tramite un leggerissimo RoG da 5 kg, il Pusti è uno degli storici redattori in quel di Joypad.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.