DJI lancia il suo primo robot educativo in Europa

DJI ha annunciato la disponibilità per questo ottobre in Europa del RoboMaster S1, il suo primo robot terrestre educativo.

S1 è stato progettato per ispirare al divertimento e alla scoperta delle potenzialità della tecnologia robotica, con potenti motori brushless, telaio omnidirezionale, stabilizzatore ad alta precisione e moduli interattivi per la programmazione, il gioco e le sfide. Ci si potrà divertire assemblando l’hardware personalizzato di S1, e imparando a guidare il robot programmandolo con Python e Scratch per gareggiare con gli amici in mille modi diversi.

DJI è sostenuto da un team di ingegneri che desiderano sfidare i limiti della tecnologia”, ha affermato Frank Wang, fondatore e CEO di DJI. “La passione è fondamentale, ma lo è anche l’opportunità di imparare a interagire con la tecnologia sin da piccoli. Abbiamo sviluppato RoboMaster S1 pensando alle future generazioni di innovatori, rendendo robotica e programmazione non solo più accessibili, ma anche più divertenti ed educative”.

RoboMaster S1 è equipaggiato con trentuno sensori che permettono la mappatura dell’ambiente circostante; sei di essi sono posizionati sulla corazza intelligente e sono utilizzabili durante le gare. Sulla parte superiore della struttura resistente di S1, è posta una fotocamera FPV che invia immagini stabilizzate in tempo reale dal robot all’app RoboMaster. Lo stabilizzatore meccanico è inoltre dotato di un lanciatore di pallini gel non tossiche o raggi infrarossi, in grado di limitare automaticamente la distanza e l’angolazione di lancio per garantire la sicurezza del gioco. S1 è componibile con parti DJI e inoltre include sei porte PWM (modulazione di larghezza di impulso) e un porto di controllo Sbus che consente di usufruire di componenti aggiuntivi per l’uso da parte degli utenti più esperti.

Alcune interessanti funzionalità in arrivo a novembre: Intercom, attraverso il quale l’S1 potrà essere utilizzato come interfono, trasmettendo clip di audio dall’app RoboMaster al robot. Questa nuova funzionalità offrirà clip preregistrate nell’app e supporterà registrazioni importate localment di una durazione massima di 30 secondi. In combinazione con la funzione di ritorno vocale, RoboMaster S1 può diventare un interfono tra te e i tuoi amici. L’aggiunta di porte Sbus consente il supporto di alcuni radiocomandi di terze parti insieme a un development board. Questa board consente ai clienti di aggiungere ancora più codici e parti personalizzati all’S1 e utilizzare linguaggi di programmazione addizionali come il C/C++. Gli utenti in cerca di opzioni più avanzate possono utilizzare Scratch 3.0 o Python per programmare S1 con funzionalità esclusive, dal movimento per aumentarne l’efficienza alla torsione delle quattro ruote. L’opzione “Abilità programmate” porta l’apprendimento delle nozioni di programmazione nell’applicazione dell’ambiente reale. Programma e salva impostazioni e azioni personalizzate che ottimizzeranno le prestazioni di S1 per sferrare colpi decisivi sugli avversari, come ad esempio “Colpisci e via”, con cui S1 si gira e va al contrattacco dopo essere stato colpito alle spalle. Un’altra nuova funzionalità è la programmazione musicale con Scratch. Sono state aggiunte 36 note musicali al modulo di programmazione, consentendo agli utenti di scrivere musica originale e far suonare il robot.

Inoltre, utilizzando la telecamera FPV avanzata e la tecnologia di visione artificiale, S1 può fare una guida autonoma. Progettando un percorso di linea con il nastro adesivo fornito, S1 seguirà il percorso e registrerà persino i segnali stradali simulati utilizzando i marcatori di visione.

 

Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Twitter: @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.