Visto a Los Angeles: Days Gone

Gli zombie vanno ancora forte nel 2017, nonostante la mania lanciata da The Walking Dead stia lentamente perdendo un po’ lo slancio. Per fortuna ci sono produzioni videoludiche sul tema di grande interesse, sia su Xbox One (State of Decay 2) che PlayStation 4 (Days Gone).

Proprio di Days Gone vogliamo parlare, dal momento che abbiamo assistito alla presentazione hands off del gioco nella zona dedicata alla stampa della gremita West Hall del Los Angeles Convention Center.

Cominciamo col dire che la demo che abbiamo visto giocare da uno sviluppatore di Sony Bend è la stessa vista durante la conferenza di PlayStation. Con nostro grande disappunto, non abbiamo potuto giocare in prima persona a questo interessante survival-action. In Days Gone impersoniamo Deacon St. John, una sorta di mercenario in un mondo post apocalittico invaso dai non morti. La demo inizia con il protagonista in sella alla sua moto in una notte di pioggia mentre percorre un sentiero forestale. Ci imbattiamo in un gruppetto di lupi intento a sbranare un malcapitato motociclista.

Sfuggito per un pelo all’attacco degli animali, Deacon finisce ben presto in trappola: alcuni uomini gli tendono un agguato e lo fanno cadere dalla motocicletta. L’azione è brutale, uno scontro senza esclusione di colpi da cui esce vittorioso a fatica. Days Gone ci ricorda un po’ Uncharted nel suo essere un action in terza persona ma ha una dose di brutalità che non fa parte delle avventure di Nathan Drake. Proseguendo per la sua strada, notiamo di come il gioco offra la possibilità di sfruttare l’ambiente circostante come copertura, introducendo una certa componente stealth. In effetti i gruppi di zombie che aspettano il protagonista poco più avanti possono essere anche molto numerosi. A differenza di The Last of Us, in Days Gone non è tanto la ferocia di un singolo nemico il problema quanto più il numero soverchiante di bocche affamate. Gli zombie però non sono necessariamente un male, perché come abbiamo potuto vedere, possono essere sfruttati come diversivo contro altri nemici umani. Piazzando strategicamente una carica esplosiva su una barriera eretta come protezione di un campo, Deacon riesce a far fuggire parecchi nemici a guardia dell’obiettivo: un ostaggio da salvare. Il salvataggio fa a buon fine e la demo si conclude.

Days Gone è un titolo decisamente interessante tra le esclusive PlayStation 4. Se saprà affiancare una trama appassionante ad un gameplay che, già sin d’ora, ci sembra al contempo articolato e divertente, ha le potenzialità di diventare una vera killer app per la console Sony. Tecnicamente impressionante, specialmente per il numero di nemici che compongono gli sciami di zombie. Bend Studio saprà offrire un gioco dal giusto ritmo e in grado di incollarci allo schermo? Le premesse sembrano esserci tutte, non ci resta che aspettare.

 

Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Se volete contattarlo, provate su twitter @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.

Speciale E3 2017

Speciale E3 2017