Provato all’E3: Yoku’s Island Express

Questo titolo ci ricorda uno dei più famosi personaggi della casa Nintendo (Yoshi), ma Yoku’s Island Expresss ha più cose in comune con alcuni Spin-off di Sega che da parte di Nintendo. Questo è un gioco adatto a chiunque conosca e sia un amante di Sonic Spinbal ed altri giochi molto simili. Il trailer che potete vedere in calce, ci mostra degli elementi pinball associati a quelli di un platform game.
Il Developer Villa Gorilla lo descrive come un open world, metroidvania style pinball adventure. Sicuramente giocando a questo titolo la prima cosa che lascia il segno è il fatto di poter utilizzare la feautures di pinball.

Possiamo quindi definirlo come un Paintball Platform Game,dove rimbalzare e venir catapultati sono la chiave per poter risolvere i vari puzzle inseriti nel gioco. Davvero particolare, il protagonista è un piccolo animaletto con una palla, non c’è vita, non ci sono livelli solo una grande mappa con vari puzzle da risolvere e per farlo si dovrà rimbalzare . Andando avanti nella storia il mondo diventerà sempre più vasto e vi saranno diverse abilità da imparare lungo il tragitto che ci serviranno per risolvere alcuni dei puzzle.
Il gioco ha una grafica molto cartoon e ci presenta quindi a un game play old school mischiato a un concetto molto diverso da quelli visti prima, il che lo rende quindi molto particolare e unico nel suo genere. Abbiamo potuto provare due tipi di livello, il primo con un ambientazione che ricorda molto una giungla mentre il secondo con uno scenario montagnoso tutto innevato. Lo scopo nei due livelli è quello di risolvere tutti i puzzle e aiutare un’animale prendendo il maggior numero di frutta (punti) che saranno sul percorso.

Iniziamo la partita ci sentiamo disorientati a causa del gameplay adoperato in questo gioco, ma in breve tempo riusciamo a prendere confidenza con i comandi anche se per nulla semplice ma anzi da quello che abbiamo provato è risultato piuttosto difficile. Non c’è il rischio di morire ma c’è la possibilità di avere una penalità(malus) che consiste nel perdere la frutta raccolta durante il livello questo succede solo quando si sbaglia saltare e si finisce su delle spine.
La frutta che raccoglierete durante il tragitto vi serviranno per sbloccare degli oggetti secondari o delle abilità quindi bisognerà raccoglierne il più possibile per proseguire al meglio l’avventura.
Con un po’ di difficoltà, siamo riusciti a finire entrambi i livelli in questo mondo vasto ed esplorabile dove il divertimento è assicurato. C’è da domandarsi (e ce lo domandiamo pure noi) se ci sarà una modalità co-op oppure no, questo renderebbe tutto ancora più divertente gli sviluppatori al riguardo non hanno voluto parlarne al momento.

Il primo livello che abbiamo provato, possiamo dire che è molto più simile ad un tutorial, poiché ci permette di capire il funzionamento del mondo, dei salti e della features pinball. Il secondo livello invece è già più difficile e da per acquisite alcune dinamiche di gioco.
Questo è sicuramente un titolo che ci ha lasciato a bocca aperta per la sua unicità e semplicità, ci ha fatto riflettere sul significato di videogioco questo titolo ci ha sicuramente catturati e attendiamo con ansia di provare i prossimi livelli. La grafica cartoon e la fisica sono impeccabili, ovviamente non avrete molta azione in questo gioco ma se state cercando un gioco più tranquillo e che vi faccia utilizzare maggiormente la testa questo è il gioco che fa per voi, indubbiamente ci sono ancora molti elementi che non abbiamo potuto vedere ma che saranno inserite e renderanno l’esperienza ancora più divertente senza farci stancare del gameplay proposto.

Scritto da : Nadir

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.

Speciale Gamescom 2017

Speciale Gamescom 2017