Crackdown 3 provato all’E3 2017

Finalmente dopo una lunga fila di 35 minuti siamo riusciti a mettere le nostre manine su una demo a tempo di Crackdown 3 che girava su PC. Dopo essere stati approcciati da uno degli sviluppatori (Dave) che ci introduceva alle novità sul gameplay e un breve filmato tutorial che spiegava le dinamiche base del gameplay.

La demo ci ha catapultati in campo nella nuova vibrante città del gioco per 10 minuti. A Primo impatto il gioco risulta tutto molto familiare ai titoli precendentemente giocati, la demo ci dava la possibilità di girare liberamente in un piccolo pezzo di città dove era possibile collezionare le sfere dei power-ups per aumentare le abilità del nostro agente, in piu era possibile incontrare varie fazioni nemiche sparse per sfogarsi nei vari combattimenti corpo a corpo o armi.

Non vi era nessuna missione o obbiettivo specifico da provare ma semplicemente un girare e sparare e distruggere tutto quello che ci capitava difronte, un pó come succedeva con la demo di Crackdown 2. Per quello che riguarda il movimento del personaggio è stato aggiunto il doppio salto eseguibile premendo doppiamente il tasto A, e lo sprint in avanti a mezz’aria con la pressione del Thumbstick sinistro, tuttoció rende l’esplorazione verticale tra palazzo e palazzo piu facile, eliminando un pó la frustrazione che a volte i titoli precedenti potevano portare mentre si esplorava il mondo. Il combattimento rimane sempre il corpo a corpo classico, con possibilita di usare anche oggetti contundenti di vario tipo, grazie ad una buona fisica interagibile dove è possibile sollevare e tirare gran parte degli oggetti per infliggere danni ai nemici.

Ovviamente non possono mancare anche armi di svariato tipo come il fucile d’assalto, pistole, fucili a pompa e anche nuove tipologie di armi speciali, ad esempio dei cannoni in grado di sparare buchi neri che risucchiano tutti gli oggetti/personaggi/macchine limitrofe regalando bei effetti esplosivi spettacolari. Effetti che non mancheranno in quanto mano a mano che si prende confidenza con il gameplay e potenziamenti dell’agente si arriva ad essere una vera e propria macchina da guerra che semina panico e distruzione. La modalità della demo che è estratta dalla versione Single Player non vantava grossi effetti distruttivi fisici come visto precedentemente in altri trailer di gioco, lo sarà solamente in versione multiplayer sfruttando le caratteristiche computazionali del Cloud Azure di Microsoft che permetterà calcoli fisici fuori dai canoni.

Per quello che si è potuto provare il gioco pecca l’introduzione di un po’ di freschezza sotto diversi punti di vista, come grafica, animazioni e gameplay, che risulta un po’ povero per gli standard di questa generazione. Sicuramente non deluderà i fan della serie in quanto il gioco contiene le stesse formule dei precedenti che se vi sono piaciute, continueranno a farlo.

 

Articolo di KentZeL

Scritto da : Redazione

Di quando in quando la Redazione prende vita e pubblica articoli tutti suoi. Com’è possibile? Nessuno lo sa…

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.