Yo-Kai Watch 2: Psicospettri

Scritto da il il Recensioni, 3 più
chiudi [x]

Torniamo a parlare di Level-5 e dei suoi prodotti, conosciuti per i fantastici titoli come Inazuma Eleven o il Professor Layton. Ma negli ultimi anni, almeno qui nelle alle nostre latitudini, gli Yo-kai hanno invaso le nostre console portatili della grande N e non solo. Serie animate, accessori, peluche e giocattoli di ogni genere sono presenti in qualsiasi negozio o supermercato. Quasi da sopprimere in parte i tanto amati Pokèmon. Il grande successo è ottenuto da svariati fattori, come dalla meccanica “catturarli tutti”, mappe esplorative, ma soprattutto, dal design caratteristico dei personaggi, come il mitico e indiscusso Jibanyan. Non è passato molto tempo dalla nostra recensione di Yo Kai Watch 2 – Polpanime e Spiritossi, dove avevamo raccontato la nuova avventura di Nathan (o la sua amica) in questo seguito tanto atteso. Ma cosa ci sarà in questa nuova versione “2.5” chiamata Psicospettri? Non differisce molto dalle due precedenti versioni di Yo-kai Watch 2, dove la differenza sostanziale stava nella selezione di determinati tipi di Yo-kai, se non per alcune novità che ora andremo a raccontarvi nei dettagli successivamente.

La storia:

Inizialmente non c’è molta differenza dalle due versioni precedenti. Infatti come in Polpanime e Spiritossi, dopo aver scelto il sesso del nostro personaggio, la storia riprende dalla fine del primo capitolo, ossia le vacanze estive. Ma due Yo-kai, che osservano il portatore/trice del mistico orologio, stanno tramando qualcosa, facendo sparire i ricordi a lui e a tutti i suoi amici (Jibanyan, Whisper, ecc) inerenti alle loro avventure e lo Yo-kai watch. Si dovrà quindi ricominciare tutto da capo, innanzitutto recuperando l’orologio che permette di rendere visibili gli Yo-kai all’occhio umano ed interagire con loro. Quindi dopo un lunghissimo tutorial, creato appositamente per i neofiti di questo gioco, si inizia con l’avventura vera e propria, con il collezionismo e l’esplorazione. Ritrovando i vecchi compagni d’avventura, recuperando contemporaneamente la memoria perduta, si viaggerà tra le strade di Valdoro e non solo. Infatti, come già raccontato nella precedente recensione, La sostanziale differenza tra Il primo capitolo e il secondo, è proprio nella grandezza della mappa. Prima si era abbastanza limitati in Valdoro e vicinanze. Mentre ora è possibile addirittura viaggiare con il treno in città lontane, cambiando completamente scenario. Inoltre è anche possibile viaggiare nel tempo, scoprendo la storia di sessant’anni prima, incontrando un misterioso bambino che legherà in particolar modo il nostro personaggio, svelandoci il segreto che ci lega al nostro destino potenziando ulteriormente lo Yo-kai watch per far fronte alla nuova minaccia.

Gameplay:

Il sistema di combattimento e di “cattura/amizicia” non si differenzia dai suoi predecessori. La squadra é composta da 6 medaglie Yo-kai, dove ogni membro si differenzia tra tipo: 8 tipi di tribu, elementi naturali, debolezza e classe. Inserendo le medaglie all’interno dello Yo-kai Watch (rappresentata da una ciambella con le incavature) è possibile configurare la propria squadra, dove se si colloceranno vicini quelli della stessa tribu, si otterranno dei bonus come potenziamenti di forza o velocità. Le battaglie saranno abbastanza autonome, dove il giocatore dovrà assistere i propri amici Yo-kai ruotando l’orologio per rimuovere un compagno dalla squadra attiva per ripristinare i punti vita o curare dalle maledizioni. Durante i combattimenti gli Yo-kai riempiranno la barra per effettuare la mossa Energimax, che permetterà di effettuare un attacco speciale del proprio personaggio. Energimax e cura delle maledizioni dovranno essere effettuate tramite il completamento di minigiochi (per esempio premere tutte le bolle del “veleno”).

Ogni Yo-kai ha la proprie personalità, dove per conquistare la loro fiducia bisognerà: mostrare la propria forza o fornire del cibo. A differenza del primo episodio, dove non veniva fornita nessun indicazione sul tipo di cibo oltre che a visualizzare dei cuori mentre lo si lanciava, adesso viene specificato esattamente quale è quello preferito  durante la battaglia. Se al vostro aversario gli andrete a “genio”, allora vi chiederà di potersi unire alla vostra collezione offrendovi, come segno della vostra amicizia, la propria medaglia.

Una delle cose sicuramente più belle è sicuramente la vastissima mappa da esplorare in lungo e in largo, passando da Valdoro a Campofiorito, da Harrilandia a San Fantastico. Il tutto moltiplicato per due, visto la possibilità di viaggiare tra presente e passato.

Le novità:

Yo-kai Watch2: Psicospettri è la versione definitiva di Yo-kai Watch 2. Oltre a ripercorrere la storia di Polpanime e Spiritossi, vengono aggiunte quindici ulteriori missioni che allungano maggiormente la longevità. Per quanto riguarda gli Yo-kai, sono stati inseriti altri 15, toccando una quota totale di 315. Molti di questi erano già disponibili nelle altre due versione, ma senza possibilità di ottenere la loro amicizia. Senza contare nuovi e pontenti Boss da affrontare.

Anche sul reparto multiplayer viene fatta un’aggiunta. La modalità blaster, infatti, viene ampliata permettendo, a voi e i vostri amici, di collaborare in questa versione ad-hoc di acchiappa fantasmi.

Conclusione:

Yo-kai Watch 2: Psicospettri è la versione perfetta che completa Yo-kai Watch 2. Ideale per chi non ha acquistato le versioni Polpanime o Spiritossi, oppure che vuole iniziare per la prima volta ad avvicinarsi a questo magico mondo divertente e particolare, pieno di amici tutti da scoprire. Segnaliamo comunque, che è possibile trasferire i dati da Polpanime e Spiritossi a Psicospettri, sblocando (in teoria) solo le parti aggiuntive della nuova versione.

La narrazione semplice e divertente permette di essere compreso, senza troppi problemi, a un pubblico di qualsiasi età ottenendo anche questa volta il successo meritato. A fare da contorno, la fase esplorativa alternata alle battaglie rende piacevole e attraente il tutto. Level-5 anche questa volta è in grado di offrirvi moltissime ore di divertimento, senza nessun compromesso, affezionandovi a questi strani e stravaganti esseri chiamati Yo-kai.

Ci piace

  • Una versione finalmente completa
  • Nuove missioni e Yo-kai
  • Nuove aree
  • Blasters migliorato

Non ci piace

  • Un clone di Spiritossi e Polpanime
  • Nessun miglioramento grafico dal primo capitolo
5
Neme

Scritto da : Neme

Diplomato in Digital Graphic Computer Animation, sviluppatore web e grafico pubblicitario con una passione nello sviluppo di videogiochi. Nato negli anni d'oro dell'intrattenimento videoludico, ha incominciato la sua passione da ragazzino con i Game&Watch e il MegaDrive per poi passare a tutte le piattaforme.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.