WWE 2K18

Scritto da il il Recensioni, 3 più

WWE 2K18

Che anno sarebbe senza il caro e vecchio WWE firmato 2K Sports e Yuke’s? Ormai è diventato un appuntamento annuale, e quest’anno tocca a WWE2K18, il nuovo capitolo della serie che si presenta con una forma fisica più pompata rispetto al suo predecessore, grazie soprattutto ad alcune modalità e meccaniche di gioco che stravolgeranno il gioco di cui siamo ormai abituati a conoscere. Ringraziamo Xbox per averci dato la possibilità di provarlo.

Stessa sostanza ma rimessa a lucido

Chiariamolo subito, non aspettatevi dei cambiamenti significativi nel gameplay di WWE 2K18, che di fatto resta per un buon 80% uguale a quello proposto nella passata edizione del gioco. In compenso, però, vi troverete davanti al roster più corposo di tutti i titoli della serie ricreato fedelmente sotto ogni singolo dettaglio, come le arene e le ambientazioni. Si può dire con certezza che il dettaglio grafico raggiunto dal titolo sia il più alto di sempre. Ma scopriamo insieme le differenze sostanziali di questo titolo rispetto ai predecessori della serie.

Il gameplay

Come detto prima, il gameplay non differisce di molto rispetto agli altri titoli, ma la prima grande novità sta nel fatto che la barriera dei sei wrestler sul ring è stata abbattuta, passando da un massimo di sei a un massimo di otto wrestler sullo schermo (2 in più quindi).
Tutto ciò rende il titolo ancora più reale e apre le porte a tutta una serie di nuovi match! L’esibizione “8-Man”, infatti, permette di accedere a incontri Tag Team quattro contro quattro, Ladder Match con otto contendenti e Battle Royale con otto wrestler sul ring. Ancora più caotico! (ci piace…) Purtroppo non può mai essere tutto rose e fiori, infatti come conseguenza alla presenza di tutti questi atleti sul ring, noteremo un gameplay che tende a essere troppo al rilento, con un conseguente abbassamento dei frame. Per quanto riguarda le modalità classiche, che la serie di WWE ci ha sempre proposto (compreso l’Online), si può dire che rimangano le stesse che conoscevamo, senza nessun tipo di novità.

La differenza sostanziale la fa invece la modalità carriera, la quale possiamo affermare essere l’esperienza MyCareer definitiva! Oltre a dover creare e personalizzare il nostro personaggio nei minimi dettagli (nonostante agli inizi avremo dei tool limitati che verranno sbloccati e ampliati mano a mano che avanzeremo con la carriera) e il dover competere per arrivare la punto più alto della carriera, ci verrà data una libertà d’azione mai vista prima d’ora nei titoli della serie. Potremo, infatti, camminare nel performer center e nel backstage, interagire con gli altri wrestler e i dirigenti e accedere perfino a missioni secondarie. Diventare i favoriti dei fan o i pupilli dell’azienda… una carriera a 360°. Fa la sua comparsa la modalità Road to Glory, che ci offre la possibilità di farci un nome anche online, garantendo gradi, ricompense, moneta in-game e potenziamenti. E la presenza dell’immancabile modalità “WWE Universe” che ci permetterà di gestire gli show principali della WWE.

Il comparto tecnico

La prima cosa che si può notare in WWE2K18 è un dettaglio grafico magistrale degli atleti e delle ambientazioni. Un dettaglio grafico che si nota maggiormente nelle entrate dei nostri wrestler sul ring e che va a calare nella fase di gameplay vero e proprio. Anche il pubblico dell’arena è migliorato graficamente (finalmente!). Parlato dell’aspetto grafico del gioco, la cosa che ci ha lasciato più con l’amaro in bocca è stato il frame rate e la fluidità che calava drasticamente quando il ring si affollava di giocatori. Per non parlare dell’online dove questo difetto viene marcato ancora di più. Invece un giudizio positivo (seppur di poco conto) può essere dato alla soundtrack presente nel menù di gioco che ci ha dato la carica giusta già dai primi momenti di gioco.

In definitiva

Quindi che dire alla fine? Vero che ci sono degli alti e bassi e che il gameplay resta pressochè lo stesso del predecessore, ma WWE 2K18 è sicuramente il miglior titolo della serie 2K! Il suo roster corposo (c’è pure Eddie Guerrero… dai), il dettaglio grafico raggiunto, le tante esibizioni disponibili e le nuove modalità introdotte, fanno di questo picchiaduro un must-have per tutti gli appassionati del genere e/o della serie. Se vi sono piaciuti anche gli altri titoli della serie o vi state avvicinando per la prima volta a questo genere ve lo consigliamo alla grande!

 

Articolo di Pirletto

 

Ci piace

  • Tante modalità di gioco e roster IMMENSO
  • Modalità Carriera corposa e longeva
  • Comparto visivo di grande impatto

Non ci piace

  • Dinamica del combattimento non sempre fluida e omogenea
  • Sistema di controllo sempre troppo macchinoso
  • Pochi cambiamenti nel gameplay rispetto le versioni precedenti
4.25
Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Se volete contattarlo, provate su twitter @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.