Sonic Forces

Scritto da il il Recensioni, 6 più
chiudi [x]

Sonic Forces

Eravamo esaltati già l’anno scorso, quando SEGA ha annunciato che quest’anno sarebbero usciti due titoli di Sonic, il famoso porcospino blu. Il primo, Sonic Mania, ha ottenuto voti altissimi da tutte le critiche. Questo grazie anche al ritorno al passato, onorando i primi titoli della serie (ossia 1,2,3 e Knuckles) usciti sul fantastico Mega Drive aggiungendo nuove ed interessanti punti di vista in un titolo. Il secondo, annunciato con il nome in codice Sonic Project 2017, lascia da parte il passato, e utilizza un ambiente completamente  3D, con meccaniche già viste nel capitolo Generation con la parte moderna del personaggio.

Sonic Force finisce la celebrazione del suo 25° anniversario, con un titolo molto particolare, specialmente dal lato dei personaggi. Sarà all’altezza del successo di Sonic Mania? Conquistando la critica, ma soprattutto, il suo pubblico?

Storia

Il Dr. Eggman è sempre alla conquista del mondo: vuole trasformare tutto nella sua visione fantastica chiamata Eggmanlandia. Sonic cerca di sventrare subito i suoi piani malvagi, correndo nelle ormai caotiche lande di Green Hill, ma al capolinea viene contrastato da Shadow, Metal Sonic, Chaos e Zavok (personaggi conosciuti già nelle precedenti serie), dove viene sconfitto grazie ad un nuovo nemico: Infinite, un personaggio molto più forte e veloce del nostro eroe, con la capacità di alterare la psiche degli altri.

Senza Sonic in circolazione, tutto il mondo cade ai piedi del Dr. Eggman, disseminando il caos, distruzione e la paura tra la popolazione.

La speranza sembra ormai persa, specialmente mentre tutti piangono ancora la morte dell’eroe blu da diverso tempo, quando una piccola ribellione segreta formata da Amy, Knuckles, Espio, Charmy e Vector si oppone. Questa volta  ci sarà un nuovo alleato: il nostro avatar. Tails sembra essere impazzito, ma scoprirà ben presto che il Sonic del passato (incontrato in Sonic Generation) è tornato per dare una mano, dando nuova speranza anche al volpino a due code.

Alleati più che mai, si scoprirà che Sonic (del presente) è ancora vivo ed è tenuto prigioniero nella nuova Death Egg. Grazie soprattutto al supporto di Shadow e Rouge che forniranno importanti informazioni sulla base del dottore e Infinite, facendo capire che tutti i numerosi nemici presenti sono in realtà illusioni (tra cui anche lo Shadow all’inizio della storia) in grado di far percepire anche il dolore.

Accompagnati da gli amici più cari, toccherà al “new entry avatar” e i due Sonic a salvare questa nuova minaccia in questa “task” Force, per salvare il mondo dalle grinfie del dr. Eggman e il suo aiutante Infinite.

Sonic, Sonic e Avatar

La novità principale in Sonic Force, è la creazione di un personaggio, con la possibilità di scegliere la razza, il sesso, la colorazione e l’abbigliamento, potendolo personalizzare dalla testa ai piedi. Il gameplay si suddividerà in quattro fasi, differenziandosi nell’uso dei personaggi. Usando il Sonic del passato, si affronteranno livelli in 2.5D, cercando di ricreare quel “feeling” nostalgico. Sonic moderno affronterà le fasi veloci in 3D, che ricordano molto quelle di presenti in Generation.

Per quanto riguarda l’avatar, anche chiamato “Spina” da Knuckles,  è la versione ibrida dei due precedenti compagni, ossia i livelli sono composti sia da parti 3D che 2.5D, dove grazie alla Wispons (l’arma che tiene in mano e potenziata dai Wisp, creature presenti da Sonic Colors) si aprirà la strada con molta facilità. Sono presenti varie Wispons, sbloccabili successivamente, dove ognuna ha un potere particolare associato ad un colore del Wisp quando viene caricato, come per esempio la Burst che permette di lanciare fuoco ed effettuare ulteriori salti.

Sono presenti anche dei livelli dove Sonic (versione moderna) e l’avatar saranno in coppia. Qui la differenza è che si potrà usare la potenza del porcospino blu più le abilita della wispon. A completare il cerchio, ci saranno dei piccoli istanti dove i due personaggi uniranno le loro velocità, per correre ancora più velocemente e spazzare via tutto quello che tenterà di fermarli.

Difficolta e personalizzazione

Quando si inizierà per la prima volta Sonic Forces il software ci chiederà se siamo già esperti della saga, aumentando la difficolta in difficile, altrimenti sarà settata con un livello inferiore. Ora, va bene che noi della redazione siamo nati a “pane e mega drive”, ma quando vedo che il gioco potrebbe diventare difficile mi aspetto che mi metta almeno un po’ in difficoltà, specialmente per ottenere i gradi migliori o altro. Invece qui tutto sembra tutto troppo “regalato”, sia nei livelli che nell’ottenimento di gradi o i ring rossi (si magari qualcuno di questi è nascosto bene, ma non può contare l’1%). Per facilitare maggiormente l’impresa per raggiungere il grado S (ricevendo anche nuovi oggetti per la personalizzazione) vengono a “nostro aiuto” anche le sfide giornaliere, facendo ottenere dei bonus aggiuntivi sul punteggio totale. Ora, per mancanza di tempo, non abbiamo testato la versione facile, ma a questo punto abbiamo il terrore di abilitarla.

Oltre questo punto, che a dipendenza del giocatore può più o meno essere deludente, ad ogni livello affrontato, grado S raggiunto o ottenendo abbastanza punti per far ottenere delle medaglie all’avatar, si otterranno dei nuovi set d’indumenti e accessori che potranno essere indossate all’avatar. Molto bella come cosa, peccato che dopo un po’ passi più il tempo a vedere cosa hai sbloccato alla fine del livello che nell’affrontarne. Questo perché non si può saltare questa fase, facendo scendere l’adrenalina che il gioco dovrebbe regalare.

Missioni e richieste d’aiuto

Per aumentare la longevità, ci verranno inviate delle richieste d’aiuto, facendoci ritornare in un livello precedente tentando di completarlo senza morire, oppure di liberare gli animali rinchiusi dentro i contenitori del dr. Eggman entro il tempo limite. Il tutto utilizzando o gli eroi classici (compreso l’avatar) o con un personaggio personalizzato online da qualche altro utente. Questo permette anche di curiosare su come un’utente ha dato libero sfogo alla sua creatività, visto anche la discreta scelta di oggetti che ci viene fornita alla fine di ogni livello. A far da supporto a questa funzione vengono aggiunte le sfide, dove alcune (dopo averle portate a termine) forniranno ulteriori accessori all’avatar, mentre altre i “famosi” bonus per facilitare il raggiungimento.

Conclusione

Sonic Forces, ha una bella trama che i fan (ma non solo) apprezzeranno moltissimo. L’introduzione del personaggio avatar personalizzabile in molte maniere, riesce a regalare quel qualcosa in più a questo titolo aggiungendo nuove dinamiche al gioco interessanti. La presenza secondaria di quasi tutti i personaggi usciti in questi ultimi 25 anni, farà sicuramente felice i nostalgici, peccato però per la difficoltà, che influenza in modo pesante anche la longevità totale del gioco.

Il software è stato testato su Xbox One, ma è disponibile per tutte le console casalinghe, anche l’ultima della casa di Kyoto, la piccola Nintendo Switch. Su quest’ultima avevamo provato la demo in fiera qualche mese fa, dove avevamo riscontrato un ottimo feeling a livello di prestazione (con qualche ottimizzazione grafico ovviamente, ma niente d’importante). Sono anche disponibili dei DLC, dove in uno racconta degli avvenimenti su Shadow, mentre gli altri sono elementi di personalizzazione dell’avatar, tutto ovviamente gratuito per adesso.

Nonostante siamo fan di Sonic, vogliamo essere più neutri che mai in questa recensione, per questo vi diciamo che questo non è uno dei migliori della saga, ma comunque divertente e interessante da giocare. Il prezzo, per niente esagerato, lo rende estremamente appetibile e che sicuramente vi ruberà diverse ore in questo mondo dove il caos e le paure regnano.

https://youtu.be/tbIO4uO7awg

Ci piace

  • Storia
  • Personalizzazione dell'avatar
  • Ritrovare tanti vecchi amici della saga

Non ci piace

  • Difficoltà bassa
  • Perdita di tempo alla fine del livello
  • Bonus aggiuntivi per facilitare i gradi
4.75
Neme

Scritto da : Neme

Diplomato in Digital Graphic Computer Animation, sviluppatore web e grafico pubblicitario con una passione nello sviluppo di videogiochi.
Nato negli anni d’oro dell’intrattenimento videoludico, ha incominciato la sua passione da ragazzino con i Game&Watch e il MegaDrive per poi passare a tutte le piattaforme.

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.