Pro Evolution Soccer 2017

Scritto da il il Recensioni, 7 più
chiudi [x]

Pro Evolution Soccer 2017

Rispetto all’edizione 2016, in Pro Evolution Soccer 2017 non troverete chissà quali novità eclatanti. Possiamo quindi affermare che questa ennesima versione è da vedere più come un tentativo di consolidare ciò che è stato fatto finora che di creare qualcosa di nuovo.

I ritocchi sono stati fatti soprattutto con l’IA dei portieri, che finalmente possono quasi chiamarsi tali. Però, come spesso accade, c’è un rovescio della medaglia: la gestione dei tiri. Quest’ultimi, oltre ad essere assai ripetitivi nella loro esecuzione, sono delle cannonate assurde, alla Mark Lenders o Roberto Carlos, persino per giocatori che magari non hanno tutta questa potenza. Anche se sono stati fatti alcuni passi avanti, come l’accordo ufficiale con l’FC Barcellona, la pecca più grande di PES resta pur sempre purtroppo quella: le licenze! .. e niente Juventus quest’anno!!

Ma procediamo con ordine..

logo_pes2017

Da qualche anno a questa parte la licenza PES è ritornata agli albori (dove il gameplay e simulazione sono di casa) e ad essere la serie che propone un’alternativa più che valida all’onnipresente FIFA. Al contrario della diretta concorrente che sembrerebbe stia cambiando il motore di gioco, quest’anno PES gioca la carta della sicurezza e perfeziona la ricetta esistente arrivata oramai a maturità, introducendo solo qualche modifica. Fiduciosa del suo operato, è come se Konami dicesse a Electronic Arts “A te la prossima mossa”..

ulpes_2017-4

Già dall’edizione 2015, PES punta sulla costruzione e il bel gioco. L’accordo ufficiale con l’FC Barcellona non fa altro che sottolineare questa volontà. Gli sviluppatori di casa Konami spingono affinché i giocatori prendano il tempo necessario per costruire, per apprezzare ogni passaggio, per rallentare e aumentare improvvisamente il ritmo cercando di aprire una breccia nella difesa avversaria. Oltre a difese abbastanza solide e menu tattici che permettono di gestirle al meglio, la novità più interessante e palese è il comportamento dei portieri, come anticipato. Da tempi remoti, una delle critiche più ricorrenti alla serie è quella della gestione degli estremi difensori, che passavano da essere considerati dei polli o colabrodo. In Pro Evolution Soccer 2017, riflessi sbalorditivi su colpi di testa ravvicinati o parate miracolose per bloccare un tiro nel 7 saranno invece sul menu. Il rischio di vedere un portiere ordinario trasformarsi in superman è purtroppo la contropartita.

ulpes_2017-3

Nel “Control Reality” (così chiamato in PES) sono stati introdotti alcuni concetti, come il “Tocco realistico” e il “Passaggio preciso”. Queste due funzioni permettono una gestione del pallone più realistica, tenendo conto sia del giocatore (delle sue abilità e dei suoi modi unici di controllare la palla), sia dei movimenti imprevedibili della sfera sul terreno. Persino i movimenti di alcuni giocatori e i contrasti sono stati sviluppati più nel dettaglio, con lo scopo di aumentare il realismo.

“Istruzioni avanzate” e “Controllo totale della squadra” sono altre due caratteristiche interessanti del “Control Reality” che permettono di meglio gestire la squadra. Le “Istruzioni avanzate” permetteranno di impostare strategie di forte impatto sulla filosofia della squadra, come il Tiki-taka e la marcatura stretta, ampliando ulteriormente le tue opzioni per arrivare alla vittoria, definendo ancora meglio il carattere della squadra e rendendo più soddisfacenti le vittorie. Senza dimenticare il fatto di rendere il gioco ancora più divertente. In PES 2017, grazie al “Controllo totale della squadra”, si potranno scegliere altre opzioni al volo durante la partita a dipendenza dello svolgimento della partita.  I giocatori potranno modificare all’istante la mentalità offensiva o difensiva della squadra, utilizzando una serie di semplici comandi per apportare modifiche e variazioni e reagire immediatamente agli sviluppi del gioco.

ulpes_2017-1

Mancando le licenze ufficiali, PES tenta di palliare il problema dando la possibilità di modificare vari parametri a livello di squadre, come loghi e colori delle divise o il nome della città in telecronaca e via dicendo. La Playstation 4 è leggermente agevolata rispetto alla Xbox One in questo contesto, visto che si possono importare alcuni dati via uno stick USB solo sul sistema della Sony. Fatto sta che alcune squadre mancano all’appello, come la Juventus..

ulpes_2017-6

Grazie ad un’integrazione sempre più stretta con il Fox Engine, Pro Evolution Soccer 2017 offre una grafica ancora più ricca, come fonti di luce raddoppiate, modelli del pubblico e textures del campo riviste e migliorate. Altri numerosi dettagli, anche se non essenziali, fanno la loro comparsa, come il respiro dei giocatori in inverno, le gocce d’acqua scosse via dalla rete quando il pallone la colpisce sotto la pioggia e i frammenti di zolla calciati via dal campo insieme al pallone. Ogni aspetto è stato migliorato, dai modelli dei giocatori all’illuminazione, dalla folla al campo, fino agli stadi. Tutte queste novità hanno lo stesso e identico scopo: quello di aumentare il realismo e quindi l’immersione.

Chi vincerà la sfida quest’anno?

 

Ci piace

  • Gameplay
  • Sempre meglio...
  • Portieri più... portieri

Non ci piace

  • Mancanza di licenze...
  • ...ma poche novità
  • Tiri troppo potenti
  • Cross troppo spesso precisi
5.25
Bizio

Scritto da : Bizio

A Bizio piace Resident Evil :D

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.