Logitech G613

Scritto da il il Recensioni Hardware, 3 più
chiudi [x]

Logitech G613

Una settimana tutta all’insegna di Logitech questa! Ora è tempo di concentrarsi sulla nuova tastiera G613, compagna naturale dei G840 e G603! Meccanica, full features, wireless e bluetooth! E ricordiamolo subito, non ci sono poi tante le tastiere meccaniche wireless sul mercato attualmente.

 

Sobria presenza meccanica

Logitech sembra stufa di fare prodotti solo RGB quest’autunno. Come per il G603, anche con la G613 il marchio elvetico ha deciso di produrre una tastiera sobria e senza illuminazioni varie. Una scelta sensata, visto che non tutti vogliono avere una scrivania illuminata come un albero di natale. Il design, lo vedete nelle foto, è sobrio a dir poco. Diremmo che la cosa che coglie maggiormente la vista è il generoso – ma purtroppo non scollegabile – poggia polsi. Siamo sempre dei fan di una maggiore ergonomia per le nostre tastiere ma troviamo un po’ peccato non poterlo staccare dal corpo della tastiera quando, per esempio, dobbiamo portarla con noi.

La G613 è una tastiera meccanica, basata sugli switch Romer-G. Questi switch sono garantiti per 70 milioni di pressioni, hanno una distanza d’attuazione di 1,5 millimetri, una corsa di 3 millimetri e necessitano di 45 grammi per essere attuati. La tastiera, che dicevamo non ha nessuna illuminazione particolare, è di 478 x 216 x 33 millimetri e pesa 1460 grammi, con le due batterie AA che servono a farla funzionare per circa 18 mesi prima di essere sostituite.

Come per il G603, anche la G613 è dotata di tecnologia LightSpeed, che garantisce una velocità di aggiornamento di 1 ms. Basta collegare il minuscolo dongle USB al PC e avremo tra le mani un device veloce come una scheggia. Anche qui però possiamo collegarci via Bluetooth a un PC o altro device secondario (in realtà, fino a 8 device Bluetoot diversi e non solo Windows ma anche, per dire, Android). Lo switch si effettua premendo il tasto apposito, ben visibile sull’alto del corpo della tastiera. Una feature che vorremmo vedere sempre da qui in avanti! Il layout viene completato da una serie di benvenutissimi tasti multimedia (play, stop, avanti, indietro, muto e volume) e da sei tasti G, ovvero i tasti programmabili tramite il programma Logitech Gaming Software. Completano la serie, oltre al tasto Bluetooth, il tasto wireless e quello per la gaming mode che, come saprete, disattiva i tasti Windows.

Funzionale

La G613 è la più sobria tastiera da gaming sul mercato a cui riusciamo a pensare. Lo stesso discorso che abbiamo fatto per il G603 vale anche qui. Se vogliamo una tastiera meccanica tutto fare, che non sfigura in nessun contesto ma comunque in grado di offrire performance eccellenti, va considerata. Nelle tre settimane che l’abbiamo avuta sulla scrivania abbiamo apprezzato la comodità, largamente dovuta al poggia polsi ma anche a dei tasti di qualità e che rispondono immediatamente alla pressione delle dita. Come al solito vale il discorso Romer-G vs Cherry MX vs Razer, senza contare i vari colori (e vari feeling) di ciascuno di questi switch. Il nostro apprezzamento personalissimo per i Romer-G è andato aumentando negli anni e ora, ad ogni nuova tastiera, siamo felici di rincontrarli. Ma si tratta di puro e semplice feeling e non una questione di quale sia il migliore. Purtroppo l’unico modo per farsi un’idea precisa e provare personalmente ogni singolo tipo di switch e siamo consapevoli che non sia affatto un’impresa facile. Tornando alla G613, funziona sia per giocare che per scrivere, una cosa che per esempio semplicemente non siamo riusciti a fare con la BlackWidow X Chroma di Razer.

Due centesimi

La G613 ha dalla sua il grande vantaggio di essere wireless. Come per il G603, non siamo particolarmente esaltati da questo prodotto. Ma è onesto, solido e versatile. Il confort secondo noi c’è ma a 169 CHF, è di almeno 50 CHF troppo cara per quello che offre. Tuttavia non disperate perché, col passare dei mesi, diventerà progressivamente meno costosa e allora sarà decisamente un affare migliore di quanto non sia ora. Chi del tempo saprà aspettare, la tastiera si potrà aggiudicare 😀

 

Ci piace

  • Dual wireless
  • Poggia polsi
  • Switch Romer-G

Non ci piace

  • Poggia polsi fisso
  • Troppo cara
  • Niente RGB :(
Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Se volete contattarlo, provate su twitter @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.