iPhone 7 Plus (Product) RED

Scritto da il il Recensioni Hardware, 3 più
chiudi [x]

iPhone 7 Plus (Product) RED

Con un po’ di colpevole ritardo sul programma, eccoci finalmente pronti per parlare dell’ultimo nato in casa Apple. Tra le mani abbiamo l’iPhone 7 Plus (Product) RED, la nuova versione speciale del top di gamma della casa di Cupertino. Nuovo colore, vita nuova?

 

Al top

Come di consueto, dedichiamo le prime righe alle specifiche tecniche di questo smartphone (o dovremmo dire piuttosto phablet?). L’iPhone 7 Plus Red è identico all’iPhone 7 Plus uscito sul mercato l’autunno scorso. È dotato di un processore Apple A10 Fusion (quad core da 2,34 GHz), 3GB di RAM, schermo IPS Full HD da 5,5 pollici (401 ppi), supporto a 3D touch e lettore d’impronte digitali. Le dimensioni sono 158,2 x 77,9 x 7,3 millimetri e 188 grammi di peso. Questo particolare modello è disponibile sia in versione da 128 che da 256 GB di memoria d’archiviazione. Di particolare pregio il comparto fotografico: frontalmente troviamo una camera da 7 megapixel per selfie e videochat (con risoluzione massima 1080p @ 30 fps) mentre sul retro Apple ha adottato una soluzione curiosa. L’iPhone 7 Plus monta infatti due sensori da 12 megapixel l’uno (rispettivamente 28mm, f/1.8, OIS e 56mm, f/2.8) accoppiate da un flash quad-LED a due toni. Ritorneremo presto sul comparto fotografico.

L’iPhone 7 Plus, RED o normale, riprende come sempre il design che ha fatto la fortuna di Apple in campo smartphone. Linee semplici e arrotondate, un solo “tasto” home (che in realtà tasto non è perché non è mobile ma viene accompagnato da un convincentissimo effetto di vibrazione) e la solita dotazione di tasti volume, accensione e silenziatore. Sparito il jack audio da 3,5 millimetri in favore di una unica porta lightning reversibile. Nella scatola troviamo quindi il caricatore, un cavo, cuffie lightning e un adattatore lightning-femmina jack 3,5 millimetri. Nemmeno Apple ha osato eliminare una porta standard usata da tutti senza fornire, almeno per questa volta, un adattatore. Onestamente non siamo particolarmente fan di questa scelta perché per usare le cuffie non possiamo caricare il telefono, pure ammesso di usare l’adattatore audio fornito. Insomma, sicuramente Apple ha guadagnato in termini di ingombro interno e di costi di produzione ma eliminare il jack è una scelta estremamente controversa, specialmente in uno smartphone di queste dimensioni. Per taluni è l’ennesima fanfaronata di Apple, per altri un passo nella giusta direzione. Dovendo scegliere, preferiremmo comunque avere il jack integrato e non doverci portare in giro un adapter, ma tant’è.


Rosso fuoco

Per quanto riguarda la colorazione, il rosso che caratterizza questa RED edition è davvero spettacolare. Perfino nelle fotografie distribuite da Apple non riusciamo ad apprezzarne l’effetto appieno. Sostituite la mela con una crocetta svizzera e avrete lo smartphone patriottico perfetto. Peccato che però il frontalino sia bianco. In una scelta che fa veramente a pugni con l’ottimo rosso del backplate. Non siamo solo noi a dirlo ma praticamente tutti quelli che in queste settimane hanno dato un’occhiata al nostro device hanno apprezzato il rosso e giudicato un vero peccato che la scocca non sia interamente rossa. Occasione mancata. Per finire, questo iPhone è IP67, che significa resistenza a spruzzi e polvere. Più resistente dunque ma non è IP68, quindi noi vi sconsigliamo caldamente di immergerlo nell’acqua (specialmente salata). In teoria dovrebbe resistere ad una breve immersione, ma non so se volete rischiare uno smartphone così costoso per fare una foto subacquea! Il prezzo di vendita senza abbonamento è piuttosto alto, rispettivamente 1019 e 1139 CHF) di cui una parte viene devoluta da Apple per la ricerca contro l’HIV. Insomma, fate del bene ma dovete anche essere piuttosto ricchi voi. Se però amate il colore (e la buona causa) ma volete spendere meno, Apple ha rilasciato anche una versione (Product) RED dell’iPhone 7, che però non recensiremo.

Fotograficamente parlando

Il retro dell’iPhone 7 Plus è contraddistinto dagli obiettivi delle fotocamere che sporgono leggermente dal corpo del device. All’interno troviamo una camera “normale” e una “zoommata”. Nell’app fotografica troveremo poi i tasti 1x e 2x che permettono di scattare la stessa identica fotografia con due livelli di zoom senza perdere niente per quanto riguarda la qualità. In pratica, tramite questo espediente abbiamo a disposizione uno zoom ottico, oltre al solito zoom digitale che però significa una perdita di qualità fotografica. In particolare la camera con l’apertura f/1.8 offre interessanti performances a bassa luminosità che si avvicinano molto alle già ottime performances del Galaxy S7. Molto soddisfacente anche i risultati video: iPhone 7 Plus può realizzare video in 4K a 30 fps e video slowmo a 720p a 240 fps (o 1080p a 120fps) (tuttavia le impostazioni non sono direttamente nell’app ma nelle impostazioni del telefono). Molto buona la stabilizzazione video, che riduce sensibilmente vibrazioni e vari effetti jello tipici di smartphone meno avanzati. In generale siamo molto soddisfatti delle potenzialità delle fotocamere dell’iPhone 7 Plus che, sebbene non sostituiscano una vera DLSR o mirrorless, portano questo telefono a combattere praticamente ad armi pari con l’S7.

Usabilità

iPhone 7 Plus è ovviamente basato su iOS 10. Un OS mobile oramai rifinitissimo e che su questo device vola letteralmente. Vuoi per la maggior quantità di RAM a cui siamo solitamente abituati, vuoi per il SoC A10 di Apple ma non c’è scusa che tenga: la rapidità c’è. Stessa cosa quando sblocchiamo il device con il lettore biometrico: riconoscimento praticamente istantaneo delle impronte digitali. Parlavamo del tasto home, che è stato sostituito da un semplice anello metallico e dall’Apple Taptic Engine, in grado di fornire un feedback estremamente accurato. Tanto che molte persone non si rendono conto di non stare interagendo con un vero tasto fisico finché non provano a premerlo a device spento, caso in cui non succede assolutamente nulla. Ritorna, ovviamente, anche 3D Touch: in pratica premendo sullo schermo più forte o meno forte possiamo ottenere diverse funzioni e menu contestuali. Nella homepage premere più forte sull’icona di Facebook, per esempio, fa comparire una serie di shortcuts come trasmettere video in diretta, caricare foto o scrivere un nuovo post. Una feature carina che però non è indispensabile e che anzi, alcuni utenti di iPhone addirittura ignorando. Passando all’autonomia, siamo estremamente soddisfatti. Con un utilizzo medio-intenso siamo arrivati a sfiorare i due giorni, usando principalmente app e fotocamera (ma con una connessione wifi quasi sempre a portata). Se da un lato siamo delusi perché non c’è nessuna feature fast charge (ci mette una vita a caricarsi rispetto al nostro solito S6), dall’altro la durata di una singola carica è sorprendente. Merito anche della batteria da 2900 mAh e della dimensione più generosa della scocca del device, indubbiamente.

Conclusion time!

Oltre mille franchi per uno smartphone è un prezzo davvero importante, anche se stiamo parlando di un ottimo device come questo iPhone 7 Plus. Dalla sua ha il design (tranne quel dettaglio del frontalino bianco), le performance, le fotocamere, l’autonomia e l’esperienza iOS (se siete fan di questo OS). Contro troviamo i tempi di ricarica troppo lunghi, lo schermo che rimane bloccato a 1080×1920 e il fastidio di avere solo una porta di ricarica e audio (a meno che non usiate qualche cuffia bluetooth!).

Tirando le somme si tratta di un prodotto davvero valido in cui non è facile trovare dei difetti obiettivi. Il prezzo rimane il principale motivo per dirigersi altrove. Se cercate però alta qualità e non badate a spese, difficilmente resterete insoddisfatti.

 

Ci piace

  • Fotocamera
  • Colorazione
  • Veloce e potente
  • 256 GB di spazio
  • Autonomia

Non ci piace

  • Schermo Full HD
  • Prezzo molto elevato
  • Ricarica lenta
  • Porta lightning
Dave

Scritto da : Dave

Dave è editor-in-chief di Joypad, appassionato di videogames, tecnologia, film e parecchie altre cose. Se volete contattarlo, provate su twitter @sclafsac

JOYPAD

Joypad è il sito indipendente di videogiochi, tecnologia e film per la Svizzera italiana.

Il sito nasce quale tentativo di informare i giocatori della Svizzera italiana nel modo più completo possibile riguardo ai media videoludici, cercando di contestualizzare l’informazione per gli ascoltatori di questa regione spesso dimenticata dalle grande aziende mondiali. Dalla metà del 2013 si occupa anche di film con la rubrica Joypad Movies.